Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Green Corridor Brenner: carburanti ecologici tra Modena e Monaco di Baviera


auto-idrogenoIl progetto “Green Corridor Brenner” è frutto di una sinergia tra i  rappresentanti di Italia, Austria e Germania, le rispettive Società di  gestione delle reti ferroviarie nazionali (RFI, ÖBB, DB), le province



di  Bolzano, Trento, Verona, Baviera e Tirolo. Tutti gli esperti sono  membri della “Brenner Corridor Platform” creata su iniziativa di Karel  Van Miert, ex commissario europeo ai trasporti ed ex-coordinatore  dell’asse TEN n°1, il più importante progetto comunitario relativo al  traffico.

I tre Paesi coinvolti mirano a rendere più sostenibile la  mobilità attraverso le due grandi infrastrutture, ferrovia ed  autostrada, per raggiungere l’ambizioso obiettivo di contribuire ad  abbattere le emissioni di CO2: la previsione piuttosto realistica è di  ridurle del 50% entro il 2030.

L’intento è di risparmiare energia  evitando sprechi, di aumentare l’efficienza energetica impiegando le più  innovative tecnologie e attuando i più moderni progetti mirati a  sostituire l’uso dell’energia convenzionale con l’impiego di energie  rinnovabili.

Il gruppo di lavoro ha individuato quattro ambiti  d’azione: il tracciato ferroviario, l’autostrada, il settore civile, la  mobilità locale. Per quel che concerne la ferrovia, sarà necessario  ristrutturare l’illuminazione, l’areazione e il sistema di segnalamento  compresi i terminal di trasbordo nonché le stazioni, come prevedono  studi e progetti già in corso di attuazione.

Per quel che riguarda  l’autostrada, si prevede di installare distributori di energie  alternative per realizzare l’ambizioso progetto di una “autostrada  all'idrogeno” tra Monaco di Baviera e Modena con un distributore  d’idrogeno ogni 100 km lungo i 600 di tutta la tratta; primo tassello  del progetto l’impianto di produzione e distribuzione d’idrogeno da  fonti energetiche rinnovabili già in fase di realizzazione a Bolzano. Il  completamento del progetto è previsto intorno al 2015.
Nel settore  civile sarà necessario continuare il processo di ottimizzazione  dell’efficienza energetica degli edifici e prevedere lungo il “corridoio  verde” la realizzazione di impianti di teleriscaldamento a biomassa: in  questo campo molte iniziative sono già a buon punto.

Per quel che  concerne la mobilità locale, sono al vaglio numerosi studi per: città  CO2-neutrali, parchi tecnologici e zone industriali autosufficienti  sotto il profilo energetico.

Le giunte e i consigli provinciali di  Alto Adige, Trentino e Tirolo hanno redatto una delibera nella quale  s’impegnano a considerare il progettato “corridoio verde” come parte  integrante delle rispettive politiche provinciali, il tutto integrato da  un progetto di collaborazione tra le università che si affacciano su  questo corridoio.

Per garantire il successo di quest’ambizioso  progetto occorre un imponente lavoro di ricerca e di sviluppo  incernierato in un assetto sinergico tra le autorità locali, regionali,  nazionali coinvolte: il risultato porterà sicuramente un notevole  indotto.




0 Comments