PREZZO METANO – aggiornamento Agosto 2022


Mercoledì 17 Agosto 2022

Nella giornata di ieri abbiamo visto il prezzo del metano al TTF superare la soglia di 250€/MWh. Un valore che non solo non avremmo mai immaginato, non solo è oltre 10 volte il valore “tipico” del gas naturale ma che soprattutto temiamo possa anche essere ulteriormente superato.

In tantissimi ci chiedete aggiornamenti sulle motivazioni di questi prezzi ma la realtà che ad oggi non ci sono altre spiegazioni differenti da una palese speculazione internazionale i cui motivi di base sono ben noti.

Picco a parte la quotazione di questo mese è costantemente ed abbondantemente sopra quota 200€/MWh che tradotto in prezzo alla pompa significa potenzialmente non meno di 3,8€/kg per quegli impianti con contratti legati alle quotazioni giornaliere del TTF.

Inutile prendersela con buona parte dei gestori della rete che sono altrettanto vittime di questa speculazione.

Diciamo “buona parte” perchè in mezzo ci sono anche alcuni furbetti ed alcuni imprenditori totalmente inadeguati: aumenti di oltre 1€/kg e successive riduzioni a prezzi inferiori a quello di partenza nel giro di pochi giorni con il prezzo del TTF sostanzialmente stabile non hanno alcun senso e si spiegano solo con l’inadeguatezza di imprenditori incapaci di affrontare questa crisi.

Il futuro prossimo non è per nulla roseo perchè tra poco più di un mese scatta il nuovo anno termico e per molti significa adeguamenti dei contratti che gioco forza schizzeranno verso l’alto.
Abbiamo notizie di molti impianti che stanno facendo fatica a rinnovare i contratti per via dei costi altissimi e delle fidejussioni (a volte milionarie) richieste per attivare i contratti.

L’unico vero suggerimento che possiamo dare è quello che scegliere dall’app i distributori con il prezzo migliore ricordandovi che il punto di pareggio tra benzina e metano è di 1,7 volte. Esempio se la benzina costa 1,8€/l la convenienza del metano sarà fino ad un prezzo di 3,06€/Kg circa.


Mercoledì 11 Maggio 2022

Ad una settimana dall’entrata in vigore del decreto taglia IVA e accise per il metano il prezzo medio Italia è passato da 𝟮,𝟮𝟮𝟬€/𝗸𝗴 a 1,916€/𝗸𝗴. Il prezzo attuale discorda quindi di 1 solo centesimo di Euro rispetto al target che avevamo individuato.

Nonostante alcuni distributori NON abbiamo applicato la riduzione e nonostante alcuni distributori abbiamo già rialzato il prezzo registriamo che la stragrande maggioranza degli impianti ha diligentemente applicato le riduzioni previste dal decreto emesso dal Governo.


Mercoledì 4 Maggio 2022

Dopo il primo giorno dall’entrata in vigore del decreto taglia IVA e accise per il metano il prezzo medio Italia è passato da 𝟮,𝟮𝟮𝟬€/𝗸𝗴 a 𝟮,𝟬𝟳𝟯€/𝗸𝗴.

𝗦𝗶𝗮𝗺𝗼 𝗯𝗲𝗻 𝗹𝗼𝗻𝘁𝗮𝗻𝗶 𝗱𝗮 1,096€/𝗸𝗴 𝗰𝗵𝗲 𝗱𝗼𝘃𝗿𝗲𝗯𝗯𝗲 𝗲𝘀𝘀𝗲𝗿𝗲 𝗶𝗹 𝗽𝗿𝗲𝘇𝘇𝗼 𝗺𝗲𝗱𝗶𝗼 𝗰𝗼𝗻 𝗹’𝗜𝗩𝗔 𝗮𝗹 𝟱% e senza accise.

Sono ancora troppi i distributori che non hanno ancora adeguato i prezzi!!!


Lunedì 2 Maggio 2022

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n° 101 del 2/5/2022 il DECRETO-LEGGE n. 38 – Misure urgenti in materia di accise e IVA sui carburanti.

Il decreto conferma le indiscrezioni trapelate nel corso della mattinata (IVA ridotta dal 22% al 5%) che dovrebbe portare il prezzo medio del metano per auto in Italia attorno alla soglia di 1,9€/kg (stante l’odierna quotazione del gas naturale al TTF a 96€/MWh.

Il decreto introduce anche l’auspicato (da noi!!!) strumento di controllo del Garante che potrà avvalersi dell’ausilio della Guardia di Finanza.

QUI IL LINK DIRETTO AL TESTO PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE

Venerdì 4 marzo 2022

Il costante aumento del prezzo è drammaticamente sotto gli occhi di tutti e mentre sul finire del 2021 c’erano spiragli per un graduale rientro del prezzo in primavera, ora gli scenari appaiono profondamente neri e di lunga e difficile risoluzione.

Il TTF ha chiuso poco sopra la mostruosa soglia dei 200€/MWh ed il PUN (energia elettrica) viaggia a 370€/MWh. In queste condizioni economiche il prezzo del metano alla pompa supererebbe i 4€/kg.

Da domani mattina (5 marzo) moltissimi impianti hanno deciso di non aprire perchè le condizioni non lo consentono. Sull’app di ecomotori segnalaremo costatemente le chiusure (speriamo più temporenee possibili) degli impianti.

Dicembre 2021

Arriviamo alla fine dell’anno provando a respirare dopo aver vissuto un intero mese di Dicembre che definire assurdo è fin poco.

Dopo aver toccato un record fuori da ogni logica a ben 180€/MWh con altrettanta totale assenza di logica nel giro di pochi giorni il prezzo del gas naturale al TTF è sceso ai 66,7€/MWh di oggi.

Non può certamente essere “solo” l’arrivo della cavalleria americana sotto le vesti di 30 navi cariche di LNG ad aver invertito la rotta di un prezzo insostenibile per l’economia (figuriamoci per il piccolo valore del mercato metano per auto).

Hanno sicuramente pesato anche le parole nette del presidente del Consiglio Draghi e la pronta risposta di Putin con l’investitura dell’Italia nel ruolo di partner ideale per “dialogare”…. insomma sempre di politica e geopolitica parliamo.

In tanti ci chiedete (ogni giorno) previsioni sul prezzo del metano e la risposta è sempre la stessa: premettendo che non siamo Nostradamus, le previsioni sono per un graduale ritorno alla normalità verso la fine della primavera 2022 (geopolitica permettendo).

L’unica certezza è che, dopo essere finalmente riusciti a svelare il meccanismo di formazione del prezzo, ora siamo ancor più pronti a dare battaglia per monitorare l’andamento del prezzo della rete una volta che la materia prima tornerà a prezzi sostenibili.

Buon 2022 Green a tutti!

P.s. Questo articolo ed il dossier prezzi hanno superato quota 200 mila letture entrambi! Grazie a tutti voi che ci leggete!


Lunedì 16 Novembre 2021

Male male male! Non poteva iniziare peggio la settimana!
Dopo la comunicazione dello stop al processo di certificazione del gasdotto Nord Stream 2 da parte della Germania il prezzo del gas naturale al TTF Olandese è schizzato velocemente e pericolosamente oltre quota 90€/MWh.

Un nuovo +40% rispetto ai primi giorni di Novembre che non lascia presagire nulla di buono.

16/11/2021 10.53 – Adnkronos
**Gas: Germania blocca certificazione Nord Stream 2**

Berlino, 16 nov. – (Adnkronos/Dpa) – L’Agenzia federale tedesca per le reti sospende la procedura di certificazione del controverso gasdotto sottomarino Nord Stream 2. Nei giorni scorsi il ministero dell’Economia e dell’Energia tedesco aveva sottolineato in un documento inviato all’Agenzia – competente ad autorizzare l’avvio delle operazioni del Nord Stream 2 – come l’autorizzazione all’entrata in funzione del gasdotto, che collega la Germania alla Russia attraverso il Mar Baltico, non metterebbe a rischio la sicurezza degli approvvigionamenti di gas né per la Repubblica federale tedesca né per l’Ue.



Sabato 6 Novembre 2021

Trascorsa un’altra settimana non positiva sul fronte della quotazione del gas naturale al TTF. Dalla chiusura del 29/10 a 64,864€/MWh sia tornati a salire chiudendo a 74,027€/MWh del 5/11.

Un rimbalzo era sostanzialmente scontato ma adesso l’attenzione è tutta proiettata verso l’8 (ma probabilmente ancora meglio il 9 Novembre) data in cui Putin avrebbe dato ordine di procedere con il riempimento degli stoccaggi europei.

Occhi puntati sui mercati ad inizio settimana per sperare di raffreddare la corsa del prezzo che nel frattempo, come avevamo pronosticato, in molti distributori è tornata a superare quota 2€.


Venerdì 29 Ottobre 2021

Si conclude il mese più nero che la storia del metano per autotrazione possa ricordare.
La media del TTF per ottobre 2021 si attesta poco sopra lo spaventoso valore di 90€/MWh e nel corso del mese abbiamo visto schizzare la quotazione anche fino a 116€/MWh il 5 Ottobre.
Negli ultimi due giorni il valore tuttavia è “crollato” fino ai 65€/MWh della chiusura odierna. Una rondine non fa primavera ma cerchiamo di essere ottimisti e guardiamo il bicchiere mezzo pieno: siamo sempre lontanissimi dai 25/30€/MWh ma 65 è sicuramente meglio di 116!
In ogni caso bisognerà aspettare tutta la prossima settimana per capire se il trend al ribasso sia strutturale (leggi il mercato ha preso sul serio le parole di Putin) o se invece sia frutto di speculazioni e quindi destinato a rimbalzare.

Cosa aspettarci nella rete di distribuzione per il mese di Novembre?

I distributori che hanno contratti indicizzati al TTF del mese precedente difficilmente potranno vendere sotto quota 2€/kg.
Brutto da dire ma purtroppo è la realtà: la media di 90€/MWh ad Ottobre non lascia scampo.

Nei distributori che hanno contratti indicizzati su base giornaliera si potranno iniziare a vedere i primi cali. A 65€/MWh (chiusura di oggi) stimiamo un prezzo massimo di 1,6-1,7€/kg quindi c’è ancora ben poco da festeggiare!

Come sempre vi ricordiamo di aggiornare i prezzi nell’app di ecomotori ogni volta che fate rifornimento, in questo modo aiuterete gli altri metanisti a scegliere meglio dove fare il pieno e aiuterete noi a monitorare l’andamento dei prezzi con il massimo dettaglio.


Lunedì 11 Ottobre 2021 – 21:00

Continuano i segnali positivi dall’indice TTF che, per il quarto giorno consecutivo, conferma il trend al ribasso avvicinandosi a quota 80€/MWh.

Siamo ancora molto molto lontani dalla quotazione “ideale” di 20-25€/MWh, necessaria per riportare il prezzo sotto l’euro al kg alla pompa, ma al tempo stesso sembra lontana l’inquietante quota 150€/MWh vista settimana scorsa.

Anche il prezzo medio del metano presso i distributori Italiani ha rallentato la corsa attestandosi a quota 1,560€/kg.


Sabato 9 Ottobre 2021 – 20:00

Nonostante il prezzo medio del metano in Italia abbia superato quota 1,5€/kg si registrano anche alcuni timidi segnali sul rallentamento della corsa al rialzo.
Da alcuni distributori arriva anche un deciso dietro-front. Dopo aver portato il prezzo anche oltre quota 2€/kg alcuni impianti hanno corretto il tiro a 1,499€/kg. Difficile comprendere se si tratti di un’inversione di marcia dovuta all’azzeramento delle vendite oppure frutto di altre scelte.


Giovedì 7 Ottobre 2021 – 20:00

Qualche segnale di “raffreddamento” della corsa del prezzo del gas naturale, dopo le dichiarazioni di Putin di aumentare le forniture, arriva dall’indice TTF che nel corso della giornata è sceso verso quota 90€/MWh ma tuttavia resta estremamente variabile.

In Italia la rete di distribuzione continua invece ad adeguare il prezzo verso l’alto con la media che supera quota 1,4€/kg


Mercoledì 6 Ottobre 2021 – 18:00

Dalle agenzie di stampa Russe trapela la disponibilità di Putin di aumentare la fornitura di gas naturale per far fronte alle richieste del mercato europeo. La notizia è confermata che dal Corriere della Sera.
Nel frattempo prezzo medio del metano in Italia ha superato a quota 1,350€/kg


Mercoledì 6 Ottobre 2021 – 10:00

Il prezzo del Gas Naturale sui mercati di riferimento (TTF e PSV) è alle stelle con punte oltre 150€/MWh. In questa condizione il prezzo al distributore potrebbe anche superare i 3€/kg. Non è un problema di speculazione dei distributori, come qualcuno pensa di credere, ma di prezzo fuori controllo della materia prima.


Martedì 5 Ottobre 2021

Non accenna a rallentare l’aumento del prezzo del metano.
Il prezzo medio del metano in Italia è ora a quota 1,290€/kg


Lunedì 4 Ottobre 2021

Continua il trend al rialzo del prezzo del metano nella rete di distribuzione.
Il prezzo medio del metano in Italia è passato in poche ore da 1,050€/kg a 1,200€/kg


Sabato 2 Ottobre 2021 – 18:00

Piccini Paolo Spa, operante principalmente in Toscana, con una nota rassicura l’utenza che non alzerà, se non in minima parte, il prezzo al kg.


Venerdì 1 Ottobre 2021 – 12:00

Nel suo comunicato stampa Federmetano evidenzia la propria preoccupazione per l’andamento del prezzo del metano chiedendo che il metano per autotrazione rientri nel decreto “Salva-Bolletta” portando l’IVA dal 22% al 5%


Venerdì 1 Ottobre 2021 – 10:00

Riceviamo segnalazioni a raffica di aumenti del prezzo metano da parte di molti operatori tra 1,5€/kg e 2€/kg. Beyfin e Sirtam aggiornano i propri prezzi metano oltre quota 2€/kg.


SEGNALIAMO LA PUBBLICAZIONE DEL
DOSSIER PREZZI METANO – OPERAZIONE TRASPARENZA

CLICCA QUI PER LEGGERE