Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Ginevra 2011: I sistemi di ricarica ABB alimentano le auto elettriche per i test-drive


colonnina_ABBI sistemi di ricarica supportano la crescente domanda  del mercato di veicoli elettrici affidabili, non inquinanti e con basse  emissioni. In uno stand esterno ABB sta mettendo in mostra il  funzionamento

di queste tecnologie con punti di ricarica completamente  funzionanti.

Il sistema di ricarica veloce di ABB può caricare  la batteria di un veicolo dal 20 all’80 percento in circa 15 minuti,  sufficienti per viaggiare per 100 chilometri in condizioni normali.  Durante le prove di guida del motor show questi  sistemi serviranno a  caricare le auto elettriche utilizzate tra cui la Protoscar Lampo, la  Mitzubishi iMiEV, la Nissan Leaf e tutti gli altri veicoli elettrici  conformi allo standard di ricarica veloce CHAdeMO.

Lo stand ABB ospita anche un sistema adatto  per caricare un’auto elettrica a casa durante le ore notturne o presso i  luoghi di lavoro. Una ricarica completa avviene normalmente nell’arco  di 6-8 ore.

La maggior parte delle autovetture vengono  usate quotidianamente solo per brevi distanze il che significa che la  maggior parte dei veicoli elettrici può essere alimentata da un normale  punto di ricarica a casa o al lavoro. Per viaggi più lunghi, invece, le  loro batterie devono poter contare su un un’alimentazione di livello  superiore ed è per questo che entrano in scena i sistemi di carica  veloce.

La differenza tra le due tecnologie di  ricarica risiede nelle dimensioni e nel peso dei componenti che servono  al loro utilizzo. I sistemi di ricarica notturni sono realizzati con  componenti piccoli e leggeri che possono essere ospitati nel box auto  mentre i sistemi di ricarica veloce richiedono componenti di elettronica  di potenza e filtri la cui collocazione è preferibile all’esterno del  veicolo nella colonnina di ricarica.

Considerando un guidatore medio che utilizza  questi sistemi di ricarica veloce solamente una o due volte a settimana  l’utilizzo di queste infrastrutture condivise risulta ottimale.

“Il miglioramento di dispositivi di ricarica  dei veicoli elettrici sta portando in modo più concreto alla diffusione  del trasporto elettrico presso i  consumatori di massa.” ha dichiarato  Ulrich Spiesshofer , responsabile della divisione Discrete Automation  and Motion. “L’elemento fondamentale di città meno inquinate, con minori  emissioni e più silenziose, risiede nell’innovazione a supporto  dell’adozione su larga scala di veicoli elettrici ed in tal senso ABB  sta sviluppando una gamma completa di sistemi di ricarica per uso  domestico, presso gli uffici o per viaggi più lunghi.”

La vasta esperienza di ABB nelle  infrastrutture di rete e nell’elettronica di potenza, unitamente ai suoi  prodotti di bassa tensione, permetterà lo sviluppo di stazioni di  ricarica avanzate a costi ragionevoli  facilitando la mobilità  sostenibile per un mercato di massa. Lo scorso gennaio ABB ha investito  10 milioni di dollari in ECOtality una società di San Francisco  specializzata nello sviluppo di stazioni di ricarica e di tecnologie per  l’immagazzinamento di energia, al fine di penetrare nel mercato  Nordamericano dei sistemi di ricarica per veicoli elettrici. I suoi  sistemi standard sono stati inoltre messi in mostra durante l’incontro  annuale del World Economic Forum di Davos.

I sistemi di ricarica ABB rimarranno in  funzione a Ginevra per tutta la durata del Motor Show che si prevede  registrerà la presenza di circa 10.000 giornalisti e di 700.000 amanti  dei motori.




0 Comments