Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Auto: la crisi non tocca le piccole e quelle con carburanti alternativi


Indicatore ecocarburanteSe il mercato dell’auto è in crisi non si può dire lo stesso del mercato delle city car e di quelle con carburanti alternativi: lo ha fatto sapere l’UNRAE (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri) che, nell’approfondire i dati sulle immatricolazioni 2008, ha notato anche la

forte flessione delle vendite ai clienti privati che ha caratterizzato lo scorso anno.

Il segmento delle city car è l’unico ad essere cresciuto, non solo come quota di mercato (che ha raggiunto il 20,5%), ma anche in termini assoluti, passando dalle 437.420 unità del 2007 alle 446.313 dello scorso anno (+2%). Ma il fenomeno più evidente verificatosi nel 2008 è stata la significativa crescita delle immatricolazioni di vetture bi-fuel, ovvero quelle che vanno a benzina e a gpl (74.655) e quelle benzina-metano (79.708), che nel complesso hanno fatto registrare – insieme a quelle ibride ed elettriche – una crescita assoluta di circa 63.000 immatricolazioni, pari ad un incremento del 66,5%, con una quota di mercato sul totale dell’immatricolato praticamente raddoppiata (dal 3,8% al 7,3%).

Il successo di queste tipologie di auto si può spiegare con l’accresciuto bisogno di auto di piccole dimensioni, dai bassi consumi e bassi costi di gestione, e con la presenza di incentivi all’acquisto di auto ad alimentazioni alternative.

Fonte: http://www.prontoconsumatore.it




0 Comments