Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * *

L'Emilia Romagna è la regione italiana in cui si è consumato più metano per autotrazione nel 2011


L’Emilia Romagna si colloca al primo posto della graduatoria delle regioni italiane in base ai consumi di metano per autotrazione nel 2011; in Emilia Romagna, infatti, nello scorso anno sono stati consumati per l’autotrazione 203,54 milioni di metri cubi di metano. Al secondo posto di questa graduatoria vi sono le Marche (106,58 milioni di metri cubi di metano consumati per autotrazione nel 2011) e poi ancora il Veneto (89,21 milioni di metri cubi di metano consumati per l’autotrazione). Agli ultimi posti della graduatoria, come si vede nella tabella, si trovano Calabria (3,86 milioni di metri cubi consumati), Molise (3,13 milioni di metri cubi consumati) e Friuli Venezia Giulia (3,06 milioni di metri cubi consumati). Questi dati derivano da un’elaborazione dell’Osservatorio Metanauto e sono diffusi in coincidenza con NGV2012, manifestazione sul metano per autotrazione, con esposizione e workshop, che si svolge a Bologna dal 19 al 21 giugno ed è organizzata da NGVA Europe.

L’elaborazione fornita dall’Osservatorio Metanauto consente anche di calcolare, nelle varie regioni italiane, la quantità media di metano erogata nel 2011 da un distributore. In questo caso in testa alla graduatoria insieme all’Emilia Romagna vi sono anche le Marche. In entrambe le regioni, infatti, nel 2011 ogni distributore di metano ha erogato mediamente 1,38 milioni di metri cubi di metano. A seguire, in questa graduatoria, possiamo trovare Umbria (1,36), Liguria (1,05) e Molise (1,04). In coda alla classifica vi sono sia regioni del sud Italia come Sicilia (0,58), Basilicata (0,56) e Calabria (0,55), sia regioni del centro e del nord, come Lombardia (0,64), Lazio (0,63) e Trentino Alto Adige (0,39). “La distanza che separa queste ultime regioni dalle prime in classifica – commenta Dante Natali, presidente di Federmetano ed a capo dell’Osservatorio Metanauto – testimonia come per i veicoli a metano nel nostro Paese vi siano ancora importanti possibilità di crescita. Le strategie per favorire lo sviluppo del settore del metano per autotrazione nel nostro Paese si basano su due fattori di fondamentale importanza: da un lato l’espansione della rete distributiva, per la quale negli ultimi anni sono stati fatti passi da gigante e che nei prossimi anni continuerà a svilupparsi, soprattutto in autostrada; dall’altro lato deve però crescere anche l’offerta di veicoli alimentati a metano presenti sul mercato, per permettere a chi è interessato ai veicoli a metano di poter trovare tra quelli disponibili quello giusto in base alle sue esigenze”.


0 Comments