Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Aperto al pubblico a Charvensod il primo distributore a metano per auto


metano_aostaArrivano buone notizie per i valdostani in possesso di un'auto ibrida a metano. D'ora in poi potranno rifornirsi in Valle d'Aosta, mentre prima erano costretti ad andare a Montalto Dora vicino ad Ivrea. E' infatti, ufficialmente aperto al pubblico il primo distributore a metano per autotrazione.

L'impianto si trova a Charvensod, in località Plan Felinaz, ed è stato realizzato, su proposta dell'amministrazione regionale, dalla Svap, la Società Valdostana Autoservizi Pubblici.

All'inaugurazione dell'impianto erano presenti, tra gli altri, il Presidente della Regione Augusto Rollandin, l'Assessore Ennio Pastoret, e i vertici della Svap."Questo distributore - ha spiegato Ennio Pastoretci da la possibilità di soddisfare una fascia di utenza per ora piccola, ma che speriamo diventi più grande in futuro, e che scelga di orientarsi su dei mezzi bifuel circolanti anche a metano".

I vantaggi del metano sono, allo stato delle cose, evidenti su due fronti. Innanzitutto per l'ambiente. Il metano è un gas con che ha la capacità di miscelarsi facilmente con l'aria: questa caratteristica ne fa un ottimo carburante per i motori ad accensione comandata e permette di di conseguire ottime prestazioni e ridotte emissioni inquinanti.

Vi è poi un notevole risparmio economico. Il metano, che viene venduto al kilo, equivalente a circa 1,5 litri di benzina, si attesta attualmente intorno a gli 80 centesimi al kilo. Per avere un'idea di grandezza del risparmio basti pensare che, a parità di automobile, con 10 € circa di metano si percorrono fino a 270 km, con il metano e 105 Km circa con la benzina. Ed è questo uno dei motivi che spiega la progressiva espansione della rete dei distributori di metano in Italia che devono soddisfare gli oltre 500 mila veicoli attualmente presenti.

Fonte: http://www.aostasera.it




0 Comments