Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * -

Udine: attiva la prima stazione di ricarica per veicoli elettrici


È stata inaugurata a Udine, alla presenza del direttore generale dell’ENI divisione R&M, Ing. Angelo Fanelli, presso l’area di servizio di proprietà Som S.p.A., la prima stazione di servizio a marchio ENI in Italia dotata, oltre che dei prodotti GE Energy Wayne per la distribuzione di carburanti tradizionali, anche di una postazione per la ricarica elettrica per auto. L’iniziativa è stata promossa dalla società SOM S.p.A. che ha scelto di utilizzare DuraStation, la soluzione di prima generazione di GE Energy Industrial Solutions.

L’iniziativa si inserisce nel programma di rinnovamento degli impianti Som, presenti nel triveneto, quale primo passo nella realizzazione di un’infrastruttura sempre più attenta all’ambiente. La colonnina sarà a disposizione di tutti i cittadini, che potranno fare rifornimento attraverso un’apposita smartcard che consente l’dentificazione wireless per l’autorizzazione alla ricarica, per effettuare le transazioni e le misurazioni delle erogazioni.

L’iniziativa conferma l’attenzione verso la sostenibilità ambientale da parte della città di Udine, così come è emerso dal recente rapporto “Mobilità sostenibile in Italia” redatto da Euromobility con il contributo di Assogasliquidi, Consorzio Ecogas e Bicincittà e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Secondo il rapporto, infatti, Udine si colloca al 12° posto tra le principali 50 città italiane in tema di mobilità sostenibile, guadagnando ben dodici posizioni in due anni.

DuraStation è la soluzione di prima generazione per la ricarica dei veicoli elettrici di GE Energy Industrial Solutions: di facile utilizzo, è stata progettata per dare un grande impulso all’adozione dei veicoli elettrici plug-in, grazie alla notevole riduzione del tempo necessario per ricaricare il veicolo. Con questa iniziativa SOM S.p.A. dà quindi un contributo importante allo sviluppo della mobilità sostenibile in città, fornendo ai cittadini un’infrastruttura essenziale e all’avanguardia, come quella proposta da GE Energy Industrial Solutions.

Il progetto, frutto della collaborazione tra GE Energy Wayne e GE Industrial Solutions, si pone come impianto di distribuzione carburanti di riferimento per le nuove e future aree di servizio che prevedono, oltre ai carburanti tradizionali, anche nuove forme di rifornimento autoveicoli quali la ricarica elettrica.

“Con questa iniziativa Udine guarda al futuro – commenta Giuseppe D’Arrigo GM Italia di GE Energy Wayne – Una scelta che lega concettualmente la città a Londra 2012. In occasione delle prossime Olimpiadi, infatti, GE Energy ha dato il via ai lavori per l’installazione di 120 DuraStation, che saranno a disposizione di atleti, dirigenti e cittadini. Ci auguriamo che l’iniziativa promossa dalla società SOM S.p.A. per la città di Udine, sulla scia di Londra 2012, possa rappresentare il primo passo di un intervento strutturale volto a installare più colonnine su tutto il territorio”.


10 Comments

Foto
gianludani
lug 14 2012 08:56
Attualmente per ricaricare un mezzo elettrico, parlo per i Porter Piaggio, occorrono 6/8 ore.
Questa ricarica rapida che tempi ha?
Giusta domanda: tempi? e, a chi serve? le colonnine di ricarica servono nei parcheggi scambiatori di vetture elettriche, più che nei distributori, come sembra questo...
non è che essendo OBBLIGO di fare un multicarburante, hanno scambiato una colonnina elattrica in più, con un erogatore di metano in meno? 8-(
Foto
Nicola Ventura
lug 14 2012 04:53

Questa ricarica rapida che tempi ha?

Disponendo di 380V a 32A i tempi di carica (completa) scendono a 1-2 ore (dipende dalla capacità della batteria) ma in 30 min circa si ricarica al 70/80%
Foto
gianludani
lug 14 2012 07:11
In questo credo non sia utile a nessuno, perchè la ricarica da 6/8 ore può essere fatta durante la notte.
Mentre nessuno di noi ha 1-2 ore da dedicare a fare il pieno di elettricità durante il giorno!
Per il momento vincono i 5 minuti del metano, sulla Punto NP!
Foto
Nicola Ventura
lug 14 2012 07:44

Mentre nessuno di noi ha 1-2 ore da dedicare a fare il pieno di elettricità durante il giorno!


Ribadisco... 1-2 per la ricarica completa, 30 minuti per una ricarica all'80% ma possono bastare anche 15 minuti per uno splash del 20/30%

Chiaro che non ha senso paragonarlo al metano!
Foto
gianludani
lug 14 2012 08:06
Il fatto è che con i porter elettrici ci lavoro, se potessi mi farei anche un auto, ma la gestione è ancora troppo problematica...
Se avessero trovato il modo di caricare in 15/20 minuti, avrebbe potuto cambiare le carte in tavola!
Foto
Nicola Ventura
lug 14 2012 08:25
Va detto che il Porter non è propriamente il più moderno portavoce della tecnologia delle auto elettriche visto che tra l'altro monta delle batterie piombo/gel.

I tempi di ricarica che ti ho dato si riferiscono ad una batteria da 24 kWh mentre quella del Porter dovrebbe essere decisamente più piccola (se non erro 17 kWh) ma il punto è che la tecnologia del caricatore rapido e quella delle sue batterie non consente comunque di accorciare "troppo" i tempi di ricarica.
Foto
gianludani
lug 14 2012 09:31
Grazie della spiegazione.
In questo campo è difficile avere informazioni, sopratutto al di sopra delle parti!
Utile abbinare questi punti di ricarica con i tempi di sosta, per il carico/scarico, nei parcheggi di lavoro, o al limite per le pause pranzo (in zone con bar/ristoro) - o turni di riposo, ma in un multicarburante avere questa organizzazione... in ogni modo è un'inizio....
ciao, ne approfitto per dare qualche chiarimento, visto che su questo argomento si fa spesso molta confusione.

La colonnina di cui parla la news può caricare in due modalità:
1) monofase 220V 16A ---> potenza di ricarica circa 3kW --> tempo di ricarica 6-8h
2) trifase 400V 16-32A ---> potenza di ricarica fino a 22kW --> tempo di ricarica circa 1-1,5h

Il problema è che l'auto da caricare deve essere compatibile con la modalità di ricarica della colonnina e viceversa, quindi...

Tutte le auto in commercio ricaricano in monofase, ovvero in 6-8h.
Invece per quanto mi risulta non esistono ancora in commercio in Italia auto che ricaricano in trifase, quindi nada....

Un ultimo appunto: esiste una tecnologia in grado di ricaricare un'auto in modalità ultrarapida 0-80% in meno di 30 minuti (circa 15 minuti se la batteria non è completamente scarica), si tratta della "ricarica ultraveloce in corrente continua" (consiglio una ricerca su google)
E' in commercio ed è usata sia in Europa che in Italia (anche se siamo agli inizi)
Auto compatibili: Peugeot ION, Citroen C-Zero, Nissan Leaf, Mitsubishi I-Miev.

In conclusione ti do ragione, quel tipo di colonnina, installata in una stazione di servizio, sembra avere poca utilità pratica.