Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Auto Elettriche: nasce a Reggio Emilia una stazione di ricarica a pannelli solari


rezipeA Reggio Emilia verrà realizzata una  stazione di ricarica sperimentale a pannelli fotovoltaici per la  ricarica di 5 veicoli elettrici che potranno essere utilizzati in ambito  urbano. La realizzazione della stazione di ricarica  

fa parte delle azioni previste nell'ambito del progetto REZIPE, finanziato dall'Unione Europea, di cui la Provincia di Reggio Emilia è  partner. I pannelli fotovoltaici verranno forniti da IREN Rinnovabili  Srl, mentre l’assistenza tecnica e la realizzazione degli impianti  elettrici sarà a cura della Coop ELEKTRA Scrl.

"Attualmente in provincia di Reggio  circolano 322 veicoli elettrici e 33 veicoli bimodali - ha spiegato  questa mattina nel corso della conferenza stampa l'assessore provinciale  alla mobilità Alfredo Gennari - la nostra  partecipazione a questo progetto rientra quindi in una volontà di  ulteriore sviluppo di azioni volte a favorire un tipo di mobilità  sostenibile".

La stazione di ricarica dovrebbe essere  realizzata entro la fine del 2011, l'obiettivo è quello di sperimentare  la cessione di energia elettrica diretta da pannello a batteria, per  verificarne efficienza e prestazioni, in vista di un suo possibile  utilizzo su vasta scala.

"Capofila del progetto - ha aggiunto Loriana Paterlini,  responsabile dell'ufficio Politiche Comunitarie - è il comune austriaco  di Klagenfurt. Assieme a Reggio Emilia, invitata proprio per  l'importante esperienza in questo ambito, anche il comune di Bolzano.  Gli altri partner provengono da Slovenia, Germania e Ungheria. La nostra  Provincia ha cercato anche di coinvolgere attori del territorio in  questa sperimentazione, tra questi Til e Reggio Emilia Innovazione, così  come sulla realizzazione della stazione di ricarica entrano in gioco  Iren e la cooperativa Elektra".

Il Progetto REZIPE

Il progetto fa appello alle pubbliche  amministrazioni per sostenere il passaggio a mezzi di trasporto più  puliti ed efficienti. Focalizzandosi sui paesi dell’Europa Centrale,  REZIPE intende creare uno stimolo per l’utilizzo di veicoli ad emissioni  zero alimentati da energie rinnovabili. Il progetto, iniziato  nell’aprile 2010, avrà una durata complessiva di 36 mesi.

Il coinvolgimento della Provincia di  Reggio Emilia nel progetto REZIPE rafforza ulteriormente l’esperienza  reggiana nell’utilizzo di veicoli elettrici. Complessivamente, ad oggi,  sono 322 i veicoli elettrici che circolano quotidianamente sul  territorio della nostra provincia, con innegabili benefici sia di tipo  ambientale che di risparmio energetico. Si calcola infatti che, dal 2001  ad oggi, i chilometri percorsi in totale da questi veicoli siano pari a  10 milioni, che hanno contribuito a ridurre in modo significativo le  emissioni di polveri sottili e di inquinanti atmosferici, in particolare  non sono state emesse in atmosfera 1.000 tonnellate di Co2.

Con il progetto REZIPE verranno promosse azioni pilota con investimenti su:

  • costruzione e test di stazioni di ricarica per auto elettriche;
  • testaggio di veicoli ad emissione zero.

I siti pilota saranno: Klagenfurt, Reggio Emilia, Bolzano, Lubiana, Alta Austria e Györ.

I principali risultati di REZIPE saranno  strumenti di policy rivolti agli staff di enti pubblici, compagnie di  servizi ed altri attori come l'industria, i proprietari di flotte  pubbliche e private, le pubbliche amministrazioni, gli imprenditori, le  società di servizi e i potenziali operatori dei sistemi di noleggio di   veicoli a zero emissioni.

Il fine è quello di sviluppare piani  d'azione per una corretta attuazione, tenendo in considerazione le forze  locali, ma anche le specialità (come la forte industria di  riequipaggiamento dei veicoli), preparando l’implementazione, definendo  le responsabilità, le informazioni e i sistemi di controllo, utilizzando  misure fisiche, amministrative e di sensibilizzazione, preferibilmente  in un approccio olistico.

Il risultato del progetto sarà un  progresso tangibile nelle attività regionali di conversione e  mantenimento dei veicoli, un aumento dell’offerta di strutture di  ricarica e, complessivamente, una riduzione significativa delle  emissioni di CO2 e rumore nelle zone colpite. L'approccio transnazionale  permetterà di ottenere una valida "ricetta" che renderà a sua volta  possibile un’efficace diffusione delle informazioni tra i soggetti  interessati.

I partner di REZIPE svilupperanno  leadership e incentivi come strategia comune per il risparmio energetico  e l'efficienza energetica. Il documento programmatico darà risalto alle  fonti energetiche rinnovabili, come base per la mobilità urbana  regionale. Questo obiettivo sarà raggiunto non soltanto attraverso lo  scambio di motopropulsori per veicoli di dimensioni standard, ma con  l'aiuto di approcci alternativi.

Il progetto porterà le parti interessate  dei Paesi dell’Europa Centrale al medesimo livello di conoscenza,  consentendo una migliore coesione territoriale. La conoscenza aumenterà  l'efficienza del settore privato e migliorerà la competitività. I Comuni  hanno istituito una serie di politiche a sostegno dei veicoli ad  emissioni zero, ma queste sono molto disomogenee e prive di massa  critica; questo è il motivo per cui in Europa le politiche devono essere  armonizzate, al fine di non creare effetti collaterali indesiderati per  l'economia, come l'esclusione di veicoli stranieri o di produttori o  vettori di apparecchiature per la ricarica.




0 Comments