Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Stangata per chi inquina - La Ue: "Il limite a 120 g/km"


Ora è ufficiale: la Ue ha deciso che la riduzione del C02 dovrà essere molto più drastica di quanto previsto. Nel 2012 il limite medio passerà da 160 grammi di C02 per chilometro a 130 che però dovranno diventare 120 con l'ausilio di pneumatici speciali o climatizzatori migliori e ci sarà un sistema di sanzioni per i costruttori che non rispetteranno i tagli.
                                  
Il peso dei veicoli inoltre sarà considerato per stabilire il livello di riduzione richiesto e influenzerà per il 60 per cento la differenza di riduzione. E qui sono scoppiate mille polemiche: il progetto prevedeva infatti di decidere il taglio di C02 con una percentuale variabile dal 30 all'80% di un complicato rapporto fra peso ed emissioni, ma la Ue ha invece stabilito che la riduzione dovrà essere del 60%.


Ciò significa che il livello di emissione proveniente da automobili più pesanti dovrà essere migliorato in misura proporzionale più di quanto dovranno esserlo le automobili più leggere rispetto ad oggi.
                                                                                                      
  

I produttori potranno produrre automobili con emissioni sopra il limite della curva "soltanto a patto che siano bilanciate da automobili che stanno sotto la curva e che la media resti a 130 g/km".
                                  
A questa decisione si sono opposti - per motivi diversi - i tre vicepresidenti della commissione: l'italiano Frattini, il tedesco Verheugen e il francese Barrot. Ma ormai la decisione è presa e molte marché dovrannno vedere i propri piani e i propri investimenti perché la data del 2012 in cui entarà in vigore questa normativa non è poi così lontana per chi deve progettare e costruire nuove auto.
                                  
Immediate le reazioni: il ministro dell'Ambiente tedesco, Sigmar Gabriel, ha denunciato la 'guerra di concorrenza': ''La proposta dell'Unione europea per ridurre il CO2 - ha denunciato - non ha niente a che vedere con la protezione dell'ambiente, ma si tratta di una guerra di concorrenza contro i costruttori di automobili tedeschi'', ha detto Gabriel all'emittente televisiva Zdf, aggiungendo che ''gli unici a essere favoriti sono i costruttori francesi e italiani''.
                                  
Per capirci, nel rapporto fra peso/inquinamento si crea una curva che più cresce meno sforzi dovranno fare le case automobilistiche i cui modelli inquinano di più a rientrare nella normativa. Viceversa, quanto più la curva tende al piatto meno sforzi dovranno fare le case automobilistiche (come la Fiat e le francesi) i cui modelli complessivamente inquinano meno.
                                  
Allo stato attuale sarebbero quindi favoriti italiani e francesi, specializzati in city car, e penalizzati i tedeschi che hanno in listino quasi esclusivamente supercar e grandi berline.
                                  
Dura, anzi durissime le sanzioni in caso di sforamento rispetto agli obiettivi fissati: 30 euro al grammo nel primo anno, 35 euro nel secondo anno, 60 euro nel terzo e 95 euro nel quarto anno. Si tratta di dati che non sono stati ancor ufficialmente confermati, ma che porterebbero i costruttori automobilistici a pagare multe annuali fino a 13 miliardi di euro. Una cifra altissima che potrebbe fra l'altro far vacillare i bilanci di molte aziende già al limite della sopravvivenza.

Fonte: http://www.repubblica.it




0 Comments