Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Lombardia: Biogas: attivati 24 impianti, 30 in via di realizzazione


Sample Image"Regione Lombardia è da sempre molto sensibile alla tematica delle energie rinnovabili, proprio perché in esse intravede grandi potenzialità, nell'ottica della tutela ambientale e del risparmio energetico, della valorizzazione del patrimonio professionale delle nostre aziende agricole e, non ultimo, come valida opportunità dal punto di vista reddituale".


Lo ha detto la vicepresidente e assessore regionale all'Agricoltura, Viviana Beccalossi, intervenendo al convegno internazionale "Digestione Anaerobica: opportunità per l'agricoltura e l'ambiente". In quest'ottica si inserisce anche l'interesse dimostrato verso il biogas dal sistema agricolo lombardo. E' sufficiente pensare che nel periodo 2006-2007 sono stati avviati, e sono già operativi, 24 nuovi impianti per una potenza elettrica complessiva di 16,25 MegaWatt, cui vanno aggiunti 30 impianti che sono in fase di realizzazione.

A supporto di quanto dichiarato da Viviana Beccalossi va ricordato che, per l'energia rinnovabile, nel biennio 2005-2006, l'Assessorato regionale all'Agricoltura ha impegnato importanti risorse, riscuotendo l'interesse degli operatori che hanno risposto con entusiasmo ai bandi proposti, potendo contare su circa 30 milioni di euro destinati ad interventi per lo sviluppo del biogas, delle biomasse, della fitodepurazione e del sistema bosco-legno-energia in zone collinari e montane.

Inoltre, lo scorso dicembre sono stati finanziati con quasi 30 milioni di euro 47 progetti presentati sullo specifico bando "Programma d'azione regionale di investimento per produzioni agroenergetiche e per il contenimento del carico di azoto nelle zone vulnerabili".
 
 
  

Fonte: http://www.regione.lombardia.it




0 Comments