Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Motor Show 2009: il Consorzio Ecogas incontra 500 officine


ecocity09I fondi statali che incentivano la trasformazione a GPL e metano delle auto saranno sufficienti per soddisfare le richieste nel 2009 e nelle prime settimane del 2010. E’ quindi urgente il rifinanziamento, pena il blocco di un mercato che coinvolge diverse decine di migliaia di lavoratori.

Per fare il punto e individuare una strategia comune per portare al Governo le richieste del settore, 500 officine meccaniche specializzate nell’installazione di impianti GPL e metano si sono incontrate oggi al Motor Show di Bologna nell’ambito delle iniziative di Ecocity, la cittadella dedicata alle auto ecologiche del salone bolognese.

Promotore dell’incontro il Consorzio Ecogas, associazione che riunisce tutti i comparti del settore del gas per auto e rappresenta oltre 1.000 aziende italiane.

Obiettivi della giornata: raccogliere indicazioni, raccomandazioni e suggerimenti. Il 2009 è stato un anno critico e non ha risparmiato le officine. Nonostante i grandi numeri del gas e il crescente interesse del pubblico, molti hanno fortemente ridotto il proprio giro d’affari e non si intravedono importanti segnali di ripresa. A ciò si aggiunge la consueta incertezza delle modalità di erogazione, anche per il prossimo anno, degli incentivi per l’acquisto e la trasformazione di auto a gas.

Gli argomenti all’ordine del giorno: il già citato rifinanziamento degli eco incentivi, in particolare degli MSE alla trasformazione per l’anno 2010; il regolamento 115 e le modifiche all’articolo 75 del Codice della Strada: evoluzione del mercato dell’after-market e prerogative e nuova figura dell’Officina di installazione; corsi di riqualificazione per gli installatori. E il nuovo mercato del GPL per la nautica: stazioni di rifornimento e impianti sui natanti. Da tempo la nautica costituisce un traguardo per il settore, che si avvicina ora ulteriormente con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 245 del 21 ottobre scorso del Decreto del Ministero degli Interni del 6 ottobre 2009 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l´esercizio degli impianti di distribuzione di gas di petrolio liquefatto ad uso nautico.

“Per il prossimo anno ancora regna la massima incertezza – ha rilevato il direttore del Consorzio Ecogas Alessandro Tramontano durante l’incontro – di sicuro sappiamo che il Ministero dello Sviluppo Economico ci appoggia e ha formulato una proposta al Governo: tale proposta, accompagnata da una relazione tecnica che evidenzia i veri costi dell’incentivo, è quella di rifinanziare le trasformazioni a GPL e metano con un fondo di 90 milioni di euro per il 2010. La relazione di bilancio evidenzia che agli importi attuali, 500 euro per il GPL e 650 per il metano, il costo, per 90 milioni di fondo, è stimato in appena 27 milioni di euro circa solo considerando i nuovi gettiti recati dall’Iva sulle trasformazioni”.

La figura professionale dell’installatore – quasi 5.500 oggi in Italia - è destinata a diventare sempre più importante nel panorama automobilistico, grazie alla maggiore diffusione di autoveicoli a gas, che sono già oggi oltre 1.500.000 in Italia.

“Per il futuro del settore è fondamentale portare avanti il percorso già intrapreso dal Consorzio per la certificazione della professionalità delle officine – ha sottolineato Mauro Barbaccini, responsabile nazionale officine del Consorzio Ecogas – aderendo ai corsi che stiamo organizzando su tutto il territorio nazionale.”

Il momento è decisivo per lo sviluppo dei due carburanti gassosi, in quanto sono indubbiamente gli unici già disponibili e utilizzabili anche su larga scala che possiedono le caratteristiche necessarie ad un’ampia diffusione. Tecnologia pronta, che ha nell’Italia il produttore leader nel mondo. Rete di distribuzione diffusa, nonostante le carenze in alcune aree del Paese. Disponibilità di prodotto, in crescita nei prossimi anni. Compatibilità ambientale, che consente di contribuire fattivamente al raggiungimento degli obiettivi di Kyoto. Quindi una forma di rinnovo ambientale del circolante immediata e ad alto rapporto benefici-costi, disponibile per chi desidera acquistare un’auto nuova e per chi vuole rinnovare in senso ecologico il proprio mezzo di trasporto, passando da un carburante tradizionale ad uno alternativo a più basso costo di esercizio.




0 Comments