Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * *

Poo-Bus: in Inghilterra un bus che va a... pupł


Che fine fanno gli escrementi umani e i rifiuti alimentari? In fisica, per dirla alla Lavoisier, “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”, ma un'ottima idea è quella di trasformarli in biometano. Come fa la britannica GENeco, che ricava dai rifiuti organici e dai liquami di Bristol e dintorni biogas che è in grado di far funzionare un bus da 40 posti che fa la spola tra l'aeroporto della città inglese – che nel 2015 sarà Capitale Verde Europea – e la bella e antica Bath.

Il Bio-Bus della GENeco al servizio per la Bath Bus Company, uno Scania da 40 posti, è entrato in servizio lo scorso 21 novembre è in grado di percorrere 300 km con un pieno di biometano, per produrre il quale è necessario il trattamento dei rifiuti alimentari e umani prodotti in un anno da cinque persone. Non solo: il trattamento degli scarichi delle fogne e dei rifiuti alimentari di Bristol rispettivamente 75 milioni di metri cubi e 35.000 tonnellate ogni anno, permettono alle GENeco di produrre annualmente 17 milioni di metri cubi di biometano, sufficienti a rifornire ben 8.300 abitazioni.

“Questo bus dimostra chiaramente che anche gli scarti alimentari e la 'pupù' umana sono delle risorse valide. Il cibo che non può essere consumato dagli umani dovrebbe sempre essere raccolto e riciclato attraverso la digestione anaerobica in biogas e biofertilizzanti, piuttosto che essere destinato a discariche e inceneritori. Il Bio-Bus aiuterà inoltre a dimostrare gli effetti positivi della raccolta separata degli scarti alimentari, adesso obbligatoria in tutte le altre regioni, anche al Governo inglese”, sottolinea Charlotte Morton, chief executive della Anaerobic Digestion & Bioresources Association (ADBA) che ha collaborato al progetto


1 Comments

Foto
gianludani
nov 29 2014 12:19

Dove si possono trovare altre notizie su questa iniziativa?