Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Seat Leon TwinDrive EcoMotive: l'ibrido by Seat


seat-leon-twin-drive-ecomotiveDopo la presentazione della Volkswagen Golf Twin Drive, ecco la variante ibrida della “cugina” spagnola. La Seat Leon TwinDrive EcoMotive è stata svelata durante una presentazione avvenuta nel Centro R&S Seat, dinanzi al Ministro dell’Industria spagnolo Miguel Sebastiàn e

ad altre autorità sia spagnole che catalane. A fare gli onori di casa, c’erano il presidente di Seat Erich Smith e il membro del cda Volkswagen Francisco Garcìa Sanz.

Questa concept car ibrida è dotata di un propulsore elettrico che eroga 50 CV, sufficienti per spingere la vettura ad una velocità massima di 100 km/h, mentre l’autonomia si assesta sui 50 km. Composto da batterie agli ioni di litio alloggiate nel vano posteriore, il motore elettrico funziona autonomamente in città e nei brevi tragitti, portando il valore di co2 a zero. Il motore a scoppio, invece, subentra nei tratti extraurbani o quando viene richiesta più potenza. Quando i due propulsori agiscono simultaneamente è tangibile l’abbassamento di emissioni e consumi. Questi risultati sono stati ottenuti anche grazie alle modifiche apportate al cambio, al servofreno, all’elettronica e agli impianti di riscaldamento e raffreddamento.

La presentazione della Leon TwinDrive EcoMotive è servita non solo per esporre le potenzialità del TwinDrive sulle auto di segmento C ma, anche, per sottolineare la sua peculiarità, cioè il fatto che sia il motore termico ad essere accoppiato alla propulsione elettrica e non viceversa. Il debutto di una Seat TwinDrive di serie è previsto per il 2014. Fino ad allora saranno risolti i problemi principali che questa soluzione comporta, quali impossibilità di una rapida ricarica e la bassa autonomia.

Fonte: http://www.autoblog.it

 




0 Comments