Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Renault-Nissan e Acciona insieme per promuovere la mobilità elettrica


nissan_renault_accionaAcciona e l'Alleanza Renault-Nissan hanno firmato un accordo di collaborazione per promuovere lo sviluppo della mobilità elettrica in Spagna.  L'accordo è stato firmato da Jean-Pierre Laurent, Presidente Direttore Generale di Renault Spagna e Manuel de la Guardia,

Consigliere Direttore Generale di Nissan Iberia, rappresentanti dell'Alleanza Renault-Nissan e da Carmen Becerril, Presidente di Acciona Energía.

Secondo i termini dell'accordo, Acciona apporterà le sue competenze per lo sviluppo di una rete di ricarica intelligente, fornirà dei servizi associati così come l'energia da fonte rinnovabile. Tale sviluppo si farà secondo i piani di commercializzazione dei veicoli elettrici dell’Alleanza Renault-Nissan.

Da parte sua, l’Alleanza Renault-Nissan assicurerà la compatibilità della rete con i veicoli elettrici e i loro sistemi di navigazione per localizzare i punti di ricarica disponibili. L’Alleanza includerà il sistema di ricarica nell'offerta commerciale legata al veicolo.  Grazie a tale accordo, le due parti si uniscono in tal modo per diventare Operatore di Mobilità Elettrica.

Cos’è una rete di ricarica?

Una rete di ricarica è costituita da tre elementi: i punti di ricarica, che devono integrare tutti i sistemi di sicurezza e d’intelligenza richiesti dagli standard internazionali; un sistema di comunicazioni e di informazioni e un insieme di servizi associati a valore aggiunto, ivi compresa la fornitura di energia sicura, rapida ed efficace.  L’utente del veicolo elettrico disporrà dunque di un servizio “chiavi in mano”, che include: l’accesso a un fornitore di elettricità predeterminato a una tariffa fissa, la possibilità di sottoscrivere un contratto di elettricità generata da energie rinnovabili, l’accesso a un servizio di localizzazione di punti di ricarica, la disponibilità di un servizio di roaming per gli spostamenti extraterritoriali e l’esistenza di una rete di punti di ricarica in luoghi pubblici e privati.

Acciona: il contributo di un leader globale in energie rinnovabili

Acciona, in collaborazione con i suoi partner tecnologici, Indra e Ingeteam, sviluppa attualmente un sistema battezzato SIRVE (Sistema Intelligente di Ricarica di Veicoli Elettrici), che comprende l'installazione di punti di ricarica in diversi siti sia privati (domicili privati, aziende, parcheggi) che pubblici. Tale rete, gestita da une piattaforma aperta, basata su Internet, permetterà una crescita rapida dell’offerta in volume, in contenuti e in servizi.  Acciona, uno dei più grandi produttori mondiali di energie rinnovabili, fornirà agli utenti un’elettricità pulita e priva di emissioni, favorendo così una maggiore integrazione di energie rinnovabili nel sistema, in particolar modo nelle fasce orarie a bassa domanda. Acciona fornirà i servizi di base per la ricarica ma anche altri servizi, quali le informazioni sulla localizzazione dei punti di ricarica nel sistema di navigazione del veicolo, l'invio d’informazioni sul cellulare riguardanti lo stato di ricarica e/o anomalie, ecc.

L’Alleanza Renault-Nissan: la visione di un leader mondiale

L’Alleanza Renault-Nissan, con un’offerta ampia di veicoli a “zero emissioni”, si posiziona come leader nel settore dello sviluppo del veicolo elettrico a livello mondiale.  La Spagna è una parte essenziale di questa strategia, per la forte presenza sia industriale che commerciale di Renault e di Nissan nel paese. Nell’ottobre scorso, Renault ha annunciato la produzione di Twizy Z. E. a Valladolid. Qualche mese più tardi, l’Alleanza ha firmato i primi accordi con il Comune di Barcellona e il Consiglio Regionale di Andalusia per lo sviluppo del veicolo elettrico. A questi accordi, occorre aggiungere quello firmato qualche giorno fa con il Consiglio Regionale di Castiglia e Léon.




0 Comments