Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pi¨ informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

250 mila auto elettriche in Europa entro il 2015


Volvo C30 RechargeIl mercato dell'auto? SarÓ sempre pi¨ elettrico. ╚ quanto emerge da una recente ricerca degli analisti statunitensi di Frost & Sullivan che fa il punto sulla crescita delle vetture a batterie in Europa. Secondo le proiezioni, che tengono conto dell'alto prezzo del petrolio e delle politiche sempre pi¨ severe in tema di mobilitÓ urbana (dall'Ecopass alla "congestion charging" londinese), il volume di auto elettriche vendute potrebbe raggiungere le 250.000 unitÓ entro il 2015.



Ma c'Ŕ di pi¨: gli analisti sostengono che il business legato alle nuove batterie agli ioni di litio e alla ricarica dei veicoli potrÓ far nascere inedite alleanze tra costruttori, societÓ energetiche e autoritÓ centrali e locali.

"Tutto dipenderÓ dal grado di sviluppo tecnologico", spiega Anjan Hemanth Kumar analista di Frost & Sullivan. "Se consideriamo un'autonomia di 160 km si possono prendere in considerazione i clienti dell'area suburbana e delle cittÓ satellite, se invece si arriva 240 km allora i potenziali acquirenti diventano tre milioni".

I mercati principali, comunque, saranno concentrati nelle grandi metropoli: Londra, Stoccolma, Oslo, Roma e varie zone del Regno Unito, della Francia, della Spagna e del nostro Paese rappresenteranno il 93% delle vendite di veicoli elettrici in Europa.

Il 75% dei contratti siglati sarÓ con la formula del leasing, mentre i potenziali prezzi dovrebbero spaziare dagli 11.000 euro ai 348.000 delle supercar esclusive in salsa ecologica (nella foto, la Fisker Karma). "Le auto elettriche - conclude il ricercatore - potrebbero far risparmiare dai 150 ai 700 euro al mese rispetto a un'auto tradizionale, tra costi di gestione e incentivi governativi".

Fonte: http://www.quattroruote.it




0 Comments