Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Etanolo 2° generazione, il primo impianto europeo sarà in Italia


E85L’intenzione c’è. Realizzare in Italia il primo impianto europeo semi-industriale di produzione di bioetanolo di seconda generazione, alimentato da biomasse agro-energetiche. Guido Ghisolfi, Vice Presidente del Gruppo M&G, ne ha dato l’annuncio

in occasione del Convegno internazionale ‘Etanolo di seconda generazione: una realtà possibile’, organizzato a Milano in collaborazione con la GBEP, Global Bionergy Partnership. La volontà espressa è il frutto di un progetto più ampio di cui il Gruppo ha presentato per l’occasione i primi risultati. Si tratta di PRO.E.SA avviato nel 2007 al fine di identificare il migliore processo industriale per la produzione di bioetanolo che potesse garantire la sostenibilità agricola della filiera, prezzi competitivi con la benzina e efficienza tecnologica.

In campo agronomico sono state individuate le essenze ottimali considerando sia le rese per ettaro che la minimizzazione degli input agronomici, evidenziando che con la Canna comune (Arundo Donax) oppure il sorgo da fibra (anche in rotazione con alcune specie di triticale) si raggiungono potenzialità per ettaro di biomassa molto elevata (fino a 50 ton/ettaro), traducibili in rese di etanolo per ettaro superiori alle 10 tonnellate. Questo colloca la tecnologia in posizione di eccellenza, se si pensa che dalla canna da zucchero si ottengono solamente 6-7 tonnellate per ettaro.

Nei laboratori sono state confermate, con prove sperimentali di trattamento della biomassa, idrolisi enzimatica e fermentazione, rese totali in etanolo superiori al 95%, tali da rendere il processo competitivo anche con i combustibili tradizionali.
Inoltre, per ogni area del processo sono state individuate le soluzioni ottimali e sono state riprodotte su scala di laboratorio le relative operazioni unitarie.

I dati raccolti sia nella sperimentazione agronomica che nella realizzazione delle prove sperimentali sulle diverse operazioni unitarie costituiscono la base della modellazione sia della filiera agronomica che del processo di conversione. Il prossimo obiettivo sarà rendere operativa a maggio l’unità pilota continua da 1 tonnellata/giorno presso il centro ricerca di Rivalta Scrivia (AL).

“Nel 2009 – ha commentato Dario Giordano, Direttore Globale della Ricerca e Sviluppo del Gruppo M&G – raccoglieremo dati sugli impianti pilota che in parte abbiamo già installato ed in parte stiamo completando, e come da programma nel 2010 saremo pronti ad iniziare la costruzione del primo impianto demo/industriale che utilizzerà la nostra tecnologia di avanguardia”, stimando una produzione di 30-40.000 tonnellate/anno.

Fonte: http://www.rinnovabili.it




0 Comments