Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pi¨ informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi
Foto

Ford Fiesta eWheelDrive, la Fiesta con le ruote "elettriche"


  • Per cortesia connettiti per rispondere
3 risposte a questa discussione

#1
Daniele Pizzo

Daniele Pizzo

    Praticante Ecologista

  • Redazione
  • StellettaStelletta
  • 162 messaggi
  • Gender:Male
Adattare una piattaforma progettata per un motore termico per accogliere un motore elettrico è un esercizio complesso, soprattutto a causa del volume delle batterie attuali, con importanti ricadute sui costi di produzione e finali per l'acquirente. La strada da seguire potrebbe essere quella indicata da Ford e dal partner tecnico Schaeffler: spostare il motore elettrico sulle ruote e liberare spazio nel vano motore per gli accumulatori e l'elettronica di gestione. Una prima applicazione di questa nuova tecnologia già adottata a fine '800 sulla "Jamais Contente", la prima auto della storia a superare i 100 km/h, che era elettrica, è il prototipo Ford Fiesta eWheelDrive.

La Fiesta eWheelDrive è spinta da due motori elettrici indipendenti inseriti allinterno delle ruote posteriori: sono due unità da 110 CV complessivi, inserite in uno speciale mozzo che comprende anche i freni, i circuiti di raffreddamento e tutti i componenti necessari alla trasmissione dellenergia e al controllo della decelerazione. Secondo Ford e Schaeffler i motori elettrici alle ruote offrono il vantaggio ulteriore di poter progettare vetture più piccole e allo stesso tempo più spaziose, l'ideale per la mobilità individuale negli ambienti urbani. Secondo le previsioni, infatti, il numero delle persone che vivono nei grandi agglomerati urbani passerà dagli attuali 3,4 miliardi a 6,4 miliardi entro il 2050, mentre il numero delle auto circolanti in tutto il mondo si quadruplicherà.

Ford formerà inoltre una partnership con Schaeffler, Continental, RWTH Aachen e con lUniversità di Scienze Applicate di Regensburg per portare avanti il progetto MEHREN (Multimotor Electric Vehicle with Highest Room and Energy Efficiency) che ha lo scopo di sviluppare due ulteriori prototipi elettrici ad alta efficienza energetica e con abbondante spazio a disposizione entro il 2015. Sui prossimi prototipi potrebbe essere adottato inoltre un interessante sviluppo del sistema eWheelDrive: le ruote seterzanti fino ad un angolo di 90°, che permetterebbero di parcheggiare facilmente negli stalli paralleli al senso di marcia.

Click here to view the article

#2
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4652 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso

110cv di trazione elettrica al posteriore? :o

 

Se non altro sarà un successo di vendite per il drifting!


Se leggi, sono a metano...

#3
casty

casty

    Ambientalista

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 751 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Busto Arsizio

Il motore al mozzo è una caratteristica tipica delle e-bikes.

Non credo che il progetto Ford sia unico nel suo genere, ma io ne metterei 4 di motori, su ciascuna ruota, mi parrebbe più sensato



#4
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4652 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso

Probabilmente non vogliono avere masse non sospese all'anteriore, mentre al posteriore grossi problemi non ci sono.

 

Inoltre è molto più facile da realizzare dietro che davanti dove c'è pure lo sterzo a richiedere spazio ed attenzioni... facile che abbiano usato qualche sistema già in produzione per le ibride 


Se leggi, sono a metano...




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users