Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pi informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi
Foto

Audi 80 2.0 E


  • Per cortesia connettiti per rispondere
9 risposte a questa discussione

#1
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4650 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso
Ieri ho avuto l'occasione di guidare da Conegliano a Milano una bella 80 del 92, con impianto aspirato Bigas appena montato dal buon Valerio.

In attesa che il proprietario dell'auto (iscritto su Ecomotori da tempo e con il nick che inizia per max e finisce per nard) ci racconti le sue impressioni.... :ciapet: vi scrivo le mie dopo un drive test di circa 300 km. :)

Il bagagliaio della 80 serie B4 berlina si differenziava dalla precedente B3 per il serbatoio spostato sul fondo del pianale anzichè a ridosso dei sedili posteriori, e per la ruota di scorta che dalla "storica" posizione in verticale a sinistra passava ad essere stesa sul fondo.
Il risultato permise di ottenere un bagagliaio lunghissimo in senso longitudinale (era addirittura possibile abbattere gli schienali dei sedili posteriori come se fosse una station wagon) seppur non altissimo.
Una situazione ideale per la classica soluzione a castelletto, in questo caso applicata con tre bombole da 30 litri ciascuna. Il risultato è comunque un bagagliaio molto capiente (direi pari a quello di una 2 volumi tipo la Golf). Una volta coperte le bombole con il tappeto originale pare che l'auto non monti alcun impianto a gas.

Il commutatore-indicatore di livello ha trovato posto al centro della plancia, magistralmente sistemato da Valerio in uno dei finti tasti posti vicino all'hazard. Abituato a dover muovere leggermente il volante per guardare l'indicatore posto sotto la plancia nella maggiorparte delle auto after market, ho apprezzato moltissimo la facilità di lettura di questa soluzione.
La precisione dello strumento poi è ottima, grazie al trasduttore di posizione della lancetta del manometro.

Il motore gira come un orologio, con un minimo stabilissimo a circa 900 giri. La commutazione, tipica degli impianti aspirati, avviene alla prima accelerata oltre i 2500 giri, ed è appena avvertibile dal "clic" prodotto dal relè.
Io l'ho eseguita dopo aver percorso un chilometro dall'accensione a freddo (il termometro indicava circa 50 gradi) e l'auto non ha battuto ciglio.
L'indole del motore ad 8 valvole e la rapportatura lunga del cambio invitano ad una guida rilassata. Se non si vuole fare le corse (ma in tal caso era più opportuno prendere la 16 valvole) il regime di cambio marcia che mi è sembrato ideale è sui 2500 giri.
Si viaggia immersi nel silenzio e con un filo di gas, senza i fastidiosi ticchettii che producono invece gli impianti iniettati.
Viaggiando in autostrada a velocità codice, complice l'ottima aerodinamica della vettura, i consumi sono abbastanza contenuti. Purtroppo, non essendo partito con le bombole completamente piene (Valerio aveva usato l'auto per la messa a punto) non ho un riferimento preciso (mi si è spenta la quarta pallina dopo 26 km dalla partenza, mentre dopo aver rifornito a Brescia è durata quasi 100 km).
Con un calcolo un po' empirico credo di aver percorso circa 23 km/kg, e che l'autonomia si attesti sui 350 km, ma il proprietario dell'auto potrà essere più preciso.
Affrontando la salita della A4 nei pressi di Verona ho provato a vincere il "gradino" della doppia farfalla dell'acceleratore, ed il motore senza batter ciglio ha ripreso i giri con perfetta elasticità, portandomi velocemente a 140 all'ora.

Tramite due spessori sui piattelli delle molle il posteriore è stato riportato all'altezza originale, e l'assetto mi è sembrato stabile e preciso, sia nei curvoni autostradali che nelle rotonde cittadine. La funzione degli ammortizzatori rasenta a mio giudizio la perfezione, con un ottimo comfort ma senza dondolamenti da panfilo.

Insomma, se questa 80 fosse tutt'ora in produzione ne consiglierei vivamente l'acquisto. Trattandosi invece di una vecchietta con età da ASI... non la vedo molto bene per chi vende auto nuove! :eekk:

Messaggio modificato da Sile650, 25 gennaio 2013 - 12:25

Se leggi, sono a metano...

#2
Nicola Ventura

Nicola Ventura

    Fondatore

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 8626 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Paderno d'Adda (LC)
Grandeee! Ho avuto una 80 2.0 E (B4) per tanti tanti km prima di passare alla Zafira quindi la conosco più che bene!

...con impianto aspirato Bigas...


Come mai la scelta di una aspirato?

L'indole del motore ad 8 valvole e la rapportatura lunga del cambio invitano ad una guida rilassata. Se non si vuole fare le corse (ma in tal caso era più opportuno prendere la 16 valvole) il regime di cambio marcia che mi è sembrato ideale è sui 2500 giri.

Concordo, un motore davvero solito ma comunque in grado di fornire un'ottima coppia.

Con un calcolo un po' empirico credo di aver percorso circa 23 km/kg, e che l'autonomia si attesti sui 350 km, ma il proprietario dell'auto potrà essere più preciso.

350Km con 15Kg per un 2.0 da 115cv mi sembra un ottimo risultato!

Insomma, se questa 80 fosse tutt'ora in produzione ne consiglierei vivamente l'acquisto. Trattandosi invece di una vecchietta con età da ASI... non la vedo molto bene per chi vende auto nuove!

Già! ...infatti prima o poi me la riprenderò ma in versione cabrio...che ho sempre amato!

SEGNALAZIONE PREZZI: Invitiamo tutti a segnalare i prezzi dei distributori direttamente nelle schede degli elenchi => METANO - GPL


=> "Copiarci non impossibile: inutile." (cit.) <=


#3
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4650 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso

Come mai la scelta di una aspirato?


Sia per economizzare l'operazione, sia perchè a giudizio di Valerio non era necessario rompersi le scatole con gli iniettori.
E visto come va bene mi sento di sottoscrivere in pieno il suggerimento. :)
Se leggi, sono a metano...

#4
Maxnard

Maxnard

    Ambientalista

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 680 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Pavia
Innanzitutto devo un ringraziamento infinito a Giulio, alla sua pazienza, passione e generosa amicizia.

Primo giorno di uso quotidiano, la vettura è davvero splendida nella forma e nella sostanza, fila via con un niente sull'acceleratore, silenziosissisima e docile.

Prima sosta di rifornimento al mio solito distributore di Landriano caricati circa 10 kg col contachilometri parziale sui 198 km percorsi.
Ma per adesso è presto per i dettagli statistici. È l'ora del innamoramento e della gioia di godersi questo gioiello vintage.

Stay tuned, my friends: Maxnard is back!
Sono nel tunnel da talmente tanto...che comincio a pensare di arredarlo!

#5
Maxnard

Maxnard

    Ambientalista

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 680 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Pavia

Ed eccomi ad aggiornarvi - sempre che ve ne impippi - sulla fantastica Dina (diminutivo di Audina, nomignolo affibbiato dalla mia compagna).

Le prime impressioni positive sono del tutto confermate: consumi ottimi (20 Km/Kg), pur con un'erogazione non strabiliante a metano ma eccellente a benzina, grande confort e tutto ciò che di buono si può dire di una vettura che ai suoi tempi era stata progettata non propriamente come utilitaria.

Tra le poche magagne, credo comprensibili per una vettura di questa età, un impuntamento del pedale della frizione prontamente risolto con ingrassaggio dei pistoncini in attesa di sostituirli (lo so Giulio, lo so: ora li ordino...), il contachilometri che non contachilometra da un paio di giorni  (credo significhi sostituire il sensore nel cambio) l'indicatore di temperatura che ogni tanto non segna nulla.

 

In conclusione: sono molto contento della scelta. Vi aggiornerò.


Sono nel tunnel da talmente tanto...che comincio a pensare di arredarlo!

#6
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4650 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso

Ciao!

La causa è la stessa dell'indicatore di temperatura: basta procurarsi un paio di grover (rondelle zigrinate con le alette) e frapporle fra la pista del contachilometri ed il dadino che vi fissa lo strumento.  Il tempo dell'intervento è di 10 minutini, poi ti chiamo e ti spiego come si fa. ;)


Messaggio modificato da Sile650, 30 maggio 2013 - 04:25

Se leggi, sono a metano...

#7
nicoreco

nicoreco

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 2 messaggi

Buonasera a tutti.

Giusto ieri ho buttato l'occhio su una Audi 80 2.0 del '92 e, almeno esteticamente, sembra essere perfetta. Mia intenzoine sarebbe di acquistarla e metterci su un impianto a metano.

Possiedo già una Golf gti del '84 trasformata a metano, ma non riesco a sistemare alcuni diffettucci.

 

Ho letto di questo famoso Valerio e mi farebbe piacere rivolgermi a lui per il nuovo impianto e per la messa a punto del vecchio.

E' possibile contattarlo?

 

P.S. Grazie per la dritta delle grover; infatti da un po' anche la mia Golf ha problemi analoghi.



#8
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4650 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso

Ciao! Bella la Golf GTI mkII, 8 o 16v?

 

PS Valerio ha l'officina presso il distributore "La Metano" di San Vendemiano (TV) ;)


Se leggi, sono a metano...

#9
nicoreco

nicoreco

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 2 messaggi

Eh sì, la 8 valvole con la "paletta" Jetronic.

razie per l'indicazione, andrò a trovarlo.



#10
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4650 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso

Mi raccomando NON buttare via la Golf! 


Se leggi, sono a metano...




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users