Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi
Foto

Mercedes-Benz 200E (W124)


  • Per cortesia connettiti per rispondere
7 risposte a questa discussione

#1
NINOCALI2

NINOCALI2

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 3 messaggi
Sono proprietario da poco di una Mercedes 200 E W124 con impianto a gas gpl; dopo circa 2000 km mi si è presentato un problema durante la marcia ho sentito un scoppio (tipo ritorno di fiamma) e il mezzo ha incominciato a balbettare fino al completo arresto; la macchina non è piu' ripartita neanche facendo il passaggio a benzina.

Dopo vari interventi, meccanici (non gpl) e carro attrezzi, previa sostituzione della spazzola rotante la quale risultava consumata, sono riuscito a tornare a casa con alimentazione a benzina, ma la macchina non era a punto strappava ai minini; faccio verificare da un meccanico specializzato in impianti BRC e sembrerebbe che lo scoppio abbia causato lo stacco del tubo che dall'arricchitore va al corpo farfallato, felice di avere trovato la soluzione pago e vado via; dopo circa 50 km il difetto (scoppio) si ripresenta; mi fermo e verifico in effetti il tubo si era staccato nuovamente; per necessità di distanza sono costretto a cambiare meccanico BRC il quale dopo tre giorni di attesa mi sottopone la vettura alla riparazione.

Premetto che in queste vicissitudini ho preferito cambiare le candele, in quanto non sapevo se il vecchio proprprietario li aveva sostituite; dall'ultimo intervento, il meccanico ha sostituito l'arricchitore d'aria dove si aggancia il tubo ell'aria ed una pipetta della candela.
Adesso la vettura sembra sia funzionante; il meccanico mi avverte che la macchina ha un impianto iniezione molto delicato e quindi sarebbe opportuno non accelerare bruscamente; quest'avvertimento non mi preoccupa in quanto il tipo di macchina non lo consente e nemeno le mie abitudini.

Chiedo a qualcuno se sia capitata un'esperienza simile e sedevo ulteriormente verificare altri componenti per potere stare tranquillo.
Saluti
NINOCALI2

#2
sbirkey

sbirkey

    Praticante Ecologista

  • Members Plus
  • StellettaStelletta
  • 401 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Valmadrera
Oltre alle candele valuta la sostituzione anche dei cavi delle candele, oltre i 150mila km di attività sono da considerarsi da sostituire.

#3
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4637 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso
I ritorni di fiamma sono causati al 99% da problemi elettrici.
Come diceva Sbirkey, oltre alle candele sono da sostituire i cavi.

Ti suggerirei di valutare assieme al tuo installatore di inserire una valvola parascoppio, che in caso di sovrapressione nel collettore d'aspirazione causata da un eventuale ritorno di fiamma si apre e la fa sfogare, evitando così di danneggiare il piattello dell'iniezione (quello che il tuo meccanico definiva delicato). wink.gif

Se leggi, sono a metano...

#4
thebust

thebust

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 6 messaggi
  • Gender:Male
Sostituire candele e cavi candele è d'obbligo quando avvengono ritorni di fiamma, è strano che non te lo abbia detto il meccanico specializzato in impianti!

#5
NINOCALI2

NINOCALI2

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 3 messaggi
CITAZIONE(thebust @ Apr 18 2012, 02:34 PM) <{POST_SNAPBACK}>
Sostituire candele e cavi candele è d'obbligo quando avvengono ritorni di fiamma, è strano che non te lo abbia detto il meccanico specializzato in impianti!

Ok. Grazie

CITAZIONE(sbirkey @ Apr 18 2012, 09:33 AM) <{POST_SNAPBACK}>
Oltre alle candele valuta la sostituzione anche dei cavi delle candele, oltre i 150mila km di attività sono da considerarsi da sostituire.

Ok, Grazie

#6
NINOCALI2

NINOCALI2

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 3 messaggi

I ritorni di fiamma sono causati al 99% da problemi elettrici.
Come diceva Sbirkey, oltre alle candele sono da sostituire i cavi.

Ti suggerirei di valutare assieme al tuo installatore di inserire una valvola parascoppio, che in caso di sovrapressione nel collettore d'aspirazione causata da un eventuale ritorno di fiamma si apre e la fa sfogare, evitando così di danneggiare il piattello dell'iniezione (quello che il tuo meccanico definiva delicato). style_emoticons/default/wink.gif

Potresti darmi qualche informazione in piu' sulla valvola parascoppio. Grazie

Oltre alle candele valuta la sostituzione anche dei cavi delle candele, oltre i 150mila km di attività sono da considerarsi da sostituire.

Ok Grazie lo farò

#7
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4637 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso
Ciao, le valvole parascoppio sono degli "sportellini" normalmente tenuti chiusi da una molla che, in caso di sovrapressione, vengono da essa aperti e la fanno sfogare all'esterno del collettore, evitando che questa possa causare danni.

Qualsiasi fornitore di ricambi per impianti a gas ne ha di tutti i tipi e le misure. ;)
Se leggi, sono a metano...

#8
boris543

boris543

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 1 messaggi
Ciao
stessa macchina, stesso problema. Ma cambiando i cavi candela (fortunatamente il mio elettrauto ha capito subito!) con cadenza 50.000 km...il fatto non accade più, ma è sempre in agguato con l'usura in arrivo degli stessi.
Provvederò anch'io ad installare la valvola parascoppi.

ti terrò aggiornato!
Ciao e grazie a tutti dell'info preziosa!




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users