Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi
Foto

Moto GP - Stagione 2011


  • Per cortesia connettiti per rispondere
21 risposte a questa discussione

#21
Metano17

Metano17

    Ambientalista

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 1857 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Roma...sempre e comunque!
  • Interests:Nordic Explorer
Addio SIC! Eri davvero un simpaticone! Ma soprattutto un bel talento pronto ad esplodere!

rally.gifHonda Civic 1.4 Mood 100 cv - metano Bigas by metanomobile

          Opel Zafira A CNG - Rengined - Tuned?


#22
cpaolo67

cpaolo67

    Ambientalista

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 889 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Brescia
Simoncelli raccontato da lui stesso, con irresistibile simpatia: dai rapporti con le ragazze della griglia all'inutilità del parrucchiere

"Per essere forti e essere vincenti, "bisogna arrivare a prendere la bandiera a schiaffi".

"Tempo fa sono andato ad allenarmi su una pista da cross. All'ingresso il custode mi riconosce, sorride e inizia a tempestarmi di domande: “Ma lei è Simoncelli? Il pilota famoso? Quello che corre in MotoGP?”. Rispondo tutto fiero: “Già, sono proprio io”. E lui: “Trenta euro!”.

"Anche quest'anno ho rinnovato il contratto con la fidanzata Kate"!

"C'è questa leggenda che tutti i piloti, insomma, c'hanno queste gran storie con le ombrelline. Ma io non ho mai...acchiappata una... Perché loro le ombrelline arrivano la mattina quando tu, la Madonna, sei teso da matti per la gara, e quindi non è che pensi alla gnocca pensi alla gara... Poi quando è finita la gara che magari è andata anche bene quindi la Madonna sei gasato che magari c'hai voglia anche di far festa... le ombrelline sono già andate via, e te rimani lì... ".

"In Estonia c'erano tante ragazze “simpatiche” ma non ho battuto chiodo".

"Sto come il porco a Natale".

"Mi stavo allenando nel cross quando mi si avvicina un tipo, mi fa un sacco di domande, mi presenta anche il figlio e poi, un attimo prima di andarsene, mi dice: “Comunque Dovizioso va più forte!”.

"Per sfinimento me li sono lasciati crescere. Tanto non ho bisogno di un parrucchiere: me li cura mia zia. Ma, Diobò, che caldo, e che fatica incastrarli nel casco! Il vantaggio è che già sono alto e mi regalano altri quattro centimetri".

"Ogni tanto mi capita che li taglio, quando mi rompono un po' i maroni".

Forse gli spagnoli dovrebbero giocare un po' più a carte, così almeno si rilassano. Però tira il culo a perdere anche a carte.

E però io penso che gli spagnoli devono farsi un po' un esame di coscienza, e pensare che se sono dietro, se non sono lì davanti in classifica, non è per colpa mia per il sorpasso che ho fatto lì, ma perché magari devono fare un po' meno pugnette e darci un po' più di gas".

"Praticamente boh avevo 14 anni, e andavo con lo scooterone del mio babbo su e giù per la stradina di casa. E mia mamma che faceva: “Diobò va piano, st'attento che arriva la zia su, st'attento ad andar giù”. Io, frega n'casso se arriva la zia. Io andavo giù a tutto gas. E' arrivata la zia... Ho visto la sagoma bianca con la scritta rossa Opel comparire. Ho avuto la prontezza di riflessi di prenderla appieno".

"Dalle cose che dici ho visto che l'hai letto il mio libro. Neanch'io l'ho letto così tanto".

"Ho deciso di prendere quella per la moto, perché volevo andare in giro con una moto più grossa di un 125 per strada. Ero tutto contento con la mia patente nuova. Dopo due giorni me l'hanno ritirata".

"I piloti in generale si stan tutti sui coglioni, secondo me. Diciamo l'85%".

"Adesso se mi sveglio presto tipo queste mattine che c'ho il fuso orario, ancora mi butto nel lettone dei miei, mi piace da matti".

"Noi raccontiamo una barzelletta che se volete ve la racconto. Che si capisce quello, sennò non si capisce. Che c'è questo tipo che è uno sborone, che si chiama Calleghan. Allora lui si sveglia la mattina, si sveglia si lava la faccia, va nel guardaroba, apre il guardaroba: c'ha cinquanta paia di giacche, cinquanta paia di pantaloni, tutta roba firmata, guarda un po' lì e fa: “Ah! T'an avre el guardaroba, Calleghan!”. “Non c'avrai il guardaroba!...”. Niente, scende in garage, c'ha 10 Porsche, 4 Ferrari, la Madonna: “Ah! T'an avre el garage, Calleghan!”. Allora un giorno decide di andare a trovare sua sorella che si era fatta... si era fatta... suora. Allora va in questo convento, arriva all'entrata, trova una suora e gli chiede: “Guardi io sono Calleghan, cerco, cerco mia sorella”. E gli fa: “Ah, guardi sua sorella si è fatta suora di clausura, non può vedere più nessuno, perché lei si è sposata con Dio, e quindi non può, le altre persone non le può più vedere”. Lui un po' a malincuore se ne va. Risale sulla sua Porsche, sta per mettere in motto, ci pensa un attimo, e fa: “Ah! T'an avre el cognato, Callaghan!”

"Io vedo anche alcuni miei amici che magari capito finito il liceo, non sanno nemmeno loro che cosa fare, se andare all'università, se lavorare. Secondo me una cosa che aiuta a vivere in modo comunque più coraggioso è avere un obiettivo. Che sia di qualsiasi tipo, di sport o di lavoro. Però Diobò se te hai nella testa un obiettivo, un qualcosa che devi raggiungere, secondo me ti aiuta ad andare avanti senza paura".


Vivo ogni giorno sperando che il bambino che ero, possa apprezzare l'uomo che sono diventato.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users