Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi
Foto

Clima: piu' danni per gas da etanolo


  • Per cortesia connettiti per rispondere
53 risposte a questa discussione

#21
luca67

luca67

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 72 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Varese
  • Interests:E-Cars, Fonti Energetiche Rinnovabili, Tecnologie Ecocompatibili, Agroenergie ed i loro impieghi
CITAZIONE(luca67 @ May 19 2008, 12:20 PM) <{POST_SNAPBACK}>
Salve a Tutti


2. Al mondo ci sono millioni o milliardi di ettari di terreni incolti che potrebbero alleviare le sofferenze degli affamati e nessuno li sfrutta, in Africa ci sono zone dove le precipitazioni si aggirano dai 400 ai 1.000mm annui e con sistemi di canalizzazioni e di raccolta farebbero crescere anche il riso. Come ho gia citato + volte potrei disporre di 50.000 ettari subito coltivabili anche subito a prezzi vantaggiosissimi con sovvenzioni UE e oltre 50.000 Euro ogni 1.000 ettari annui per coltivarli oltra a 50/705 di sovvenzionamento per investimenti su immobili e macchinari per lavorarli ed immagazzinare.

devo rispondermi per correggere dei punti
1.000 ettari annui per coltivarli oltra a 50/705 di = 1.000 ettari annui per coltivarli oltra a 50/70% di
sovvenzionamento per investimenti su immobili e macchinari per lavorarli ed immagazzinare, nonche` la loro lavorazione

#22
Maxnard

Maxnard

    Ambientalista

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 680 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Pavia
...bisogna avere anche acqua a sufficienza per coltivare, e quella scarseggia... unsure.gif
Sono nel tunnel da talmente tanto...che comincio a pensare di arredarlo!

#23
luca67

luca67

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 72 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Varese
  • Interests:E-Cars, Fonti Energetiche Rinnovabili, Tecnologie Ecocompatibili, Agroenergie ed i loro impieghi
CITAZIONE(Maxnard @ May 20 2008, 12:41 AM) <{POST_SNAPBACK}>
...bisogna avere anche acqua a sufficienza per coltivare, e quella scarseggia... unsure.gif


Saluti
Non per dare del pessimista a nessuno, se non sbaglio il nostro amato pianeta e` composto da 2/3 d'acqua e 1/3 del resto, mi domando sono l'unico che si e` accorto che esistono dissalatori, pompe e tubature.
Come gia + volte accennato l'energia non si puo immagazzinare ma l'acqua fortunatamente si e con i progetti adatti si possono costruire bacini idrici e canali per il trasporto e la raccolta, posso accettare il fattore finanziario, non quello manca l'acqua eccetto forse sul posto dove basta portarcela e per irrigare non serve quella potabile basta quella pulita.
in uno dei Threads ho anche accennato ad un gas prodotto da alcuni tipi di alghe che favoriscono la formazione delle nubi, mediante l'utilizzo di piante capaci di sopravvivere su terreni poveri si possono fertilizzare i deserti e dove ci sono piante in abbondanza si attira anche la pioggia.
Non in due giorni ma prima o poi, in Israele si fanno il mazzo da 60anni e penso che i risultati si possano vedere.
La scienza ha creato Dolly clonando una pecora( secondo il mio parere soldi buttati al vento), anche dovendo modestamente ammettere che se potessi mi farei clonare anch'io fino a quando non rangiungerei la maggioranza almeno so che un paio sarebbero disposti ad agire e non a discuterne solo.
Per quanto mi riguarda ho delle idee ben precise e dei piani, e non mi daro` pace fino al raggiungimento delle mete che mi sono prefisso indipendentemente da pessimismi vari o pareri diversi e contrari.

Saluti Luca

#24
Nicola Ventura

Nicola Ventura

    Fondatore

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 8626 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Paderno d'Adda (LC)
CITAZIONE(Maxnard @ May 20 2008, 01:41 AM) <{POST_SNAPBACK}>
...bisogna avere anche acqua a sufficienza per coltivare, e quella scarseggia... unsure.gif


Vero ma solo fino ad un certo punto perchè si sta lavorando geneticamente per "convincere" le piante a crescere con meno acqua possibile e se pensi che siamo solo all'inizio della ricerca...

Piuttosto si potrebbe obiettare che per la fermentazione che porta alla distillazione dell'etanolo c'è un gran bisogno di acqua... ma anche ci sono lavori in corso...

Io non voglio essere ottimista per forza, dico solo che essere pessimisti in questa fase ancora piuttosto embrionale della sperimentazione è concretamente prematuro.

Nico

SEGNALAZIONE PREZZI: Invitiamo tutti a segnalare i prezzi dei distributori direttamente nelle schede degli elenchi => METANO - GPL


=> "Copiarci non è impossibile: è inutile." (cit.) <=


#25
luca67

luca67

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 72 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Varese
  • Interests:E-Cars, Fonti Energetiche Rinnovabili, Tecnologie Ecocompatibili, Agroenergie ed i loro impieghi
CITAZIONE(nicovent @ May 20 2008, 09:24 AM) <{POST_SNAPBACK}>
Vero ma solo fino ad un certo punto perchè si sta lavorando geneticamente per "convincere" le piante a crescere con meno acqua possibile e se pensi che siamo solo all'inizio della ricerca...

Piuttosto si potrebbe obiettare che per la fermentazione che porta alla distillazione dell'etanolo c'è un gran bisogno di acqua... ma anche ci sono lavori in corso...

Io non voglio essere ottimista per forza, dico solo che essere pessimisti in questa fase ancora piuttosto embrionale della sperimentazione è concretamente prematuro.

Nico


Ciao Nico

Condivido la tua oppinione anche se devo aggiungere che l'acqua utilizzata per il lavaggio dei gas ed estratta dal miscuglio con l'etanolo non viene buttata ma ripulita e utilizzata ancora, e` vero che ne serve un litro ogni litro di etanolo o bioetanolo prodotto, ma riutilizzandola a circuito chiuso se ne perde poca e fuoriesce come vapore acqueo.
Dipende anche dal sistema usato per la trasformazione fermentazione o gassare le materie prime utilizzate come recentemente discusso.

Saluti Luca

#26
Maxnard

Maxnard

    Ambientalista

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 680 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Pavia
CITAZIONE(luca67 @ May 20 2008, 09:19 AM) <{POST_SNAPBACK}>
Saluti
Non per dare del pessimista a nessuno, se non sbaglio il nostro amato pianeta e` composto da 2/3 d'acqua e 1/3 del resto, mi domando sono l'unico che si e` accorto che esistono dissalatori, pompe e tubature.

Il fatto che il globo terrestre sia composto da 2/3 di acqua non significa affatto che sia disponibile dove serve...ed infatti non lo è!

CITAZIONE(nicovent @ May 20 2008, 09:24 AM) <{POST_SNAPBACK}>
Vero ma solo fino ad un certo punto perchè si sta lavorando geneticamente per "convincere" le piante a crescere con meno acqua possibile e se pensi che siamo solo all'inizio della ricerca...

Piuttosto si potrebbe obiettare che per la fermentazione che porta alla distillazione dell'etanolo c'è un gran bisogno di acqua... ma anche ci sono lavori in corso...

Io non voglio essere ottimista per forza, dico solo che essere pessimisti in questa fase ancora piuttosto embrionale della sperimentazione è concretamente prematuro.

Nico

Quoto...non era pessimismo, ma un invito a pensare PRIMA a dissetare e sfamare un miliardo di povera gente ed eventualmente sfruttare POI eventuali terreni o risorse eccedenti per far andare le auto. Che potrebbero comunque sempre andare con altri sistemi meno invasi da produrre e complicati da attuare e distribuire. Aggiungo meno inquinanti.
Sono nel tunnel da talmente tanto...che comincio a pensare di arredarlo!

#27
Orobico

Orobico

    Praticante Ecologista

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 124 messaggi
  • Location:Leffe
CITAZIONE(Maxnard @ May 20 2008, 11:29 PM) <{POST_SNAPBACK}>
Che potrebbero comunque sempre andare con altri sistemi meno invasi da produrre e complicati da attuare e distribuire. Aggiungo meno inquinanti.


Quali?

Ciao smile.gif smile.gif smile.gif
Già Metano72  Touran EcoFuel 20Km con 1€

#28
Maxnard

Maxnard

    Ambientalista

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 680 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Pavia
CITAZIONE(Orobico @ May 21 2008, 12:02 PM) <{POST_SNAPBACK}>
Quali?

Ciao smile.gif smile.gif smile.gif

Metano, Idrogeno.... unsure.gif scusa ma a che sito sei iscritto? ciapet.gif
Sono nel tunnel da talmente tanto...che comincio a pensare di arredarlo!

#29
Maxnard

Maxnard

    Ambientalista

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 680 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Pavia
Mi permetto di ribadire che non si tratta di danni presunti, ma purtroppo documentati. Non sono opinioni, ma fatti di cronaca attuale, che ho citato con dovizia di link anche in altri thread.
C'è una guerra per il cibo in atto, e la F.A.O. non ha esitato a definire la produzione di biocarburanti "un crimine contro l'Umanità".
Adesso è tardi e non ne ho il tempo di cercarli, ma nel forum trovi i miei post coi relativi link.

Nessuna polemica, comunque wink.gif

Massimo.
Sono nel tunnel da talmente tanto...che comincio a pensare di arredarlo!

#30
Orobico

Orobico

    Praticante Ecologista

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 124 messaggi
  • Location:Leffe
CITAZIONE(OWER @ May 21 2008, 11:36 PM) <{POST_SNAPBACK}>
per sperimentare un farmaco ci vogliono anni e anni prima di conoscerne gli effetti positivi e negativi <>
di biocombustibile ne hanno prodotto un litro(è un esempio) e già hanno le basi per documentare i danni!!! Scusa ma io non ci credo, non possono avere elementi sufficenti e inconfutabili dopo così poco tempo.

La F.A.O. non ha mai protestato perchè venivano tolti i terreni al grano per piantarci il tabacco e se c'è fame, e c'è, non si protesta solo per i biocarburanti ma per tutto lo spreco, oppure c'è spreco di serie A e di serie B??? in queste cose sono un pò malfidato io.

Concordo in pieno e ripeto:
Mi preme sottolineare che questa non è la verità ottenuta per grazia Divina ma solo il mio insignificante e personale pensiero, certamente opinabile, ma senza polemica con i pensieri e le idee altrui.
Grazie
Ciao Giovanni


Quoto in toto! Ribadisco hanno prodotto 1 lito di Etanolo e ne hanno già decretato le funeste conseguenze.

Forse non sarà che gli interessi dei petrolieri (e dei politici vedi Bush) non coincidono con l' ecologia?

Non mi pare di vedere questa gran campagna mediatica per convincere "tutti" a passare al Metano! (che vi ricordo è il più pulito dei combustibili FOSSILI).

W il Biogas (pometti di maiale)

Eco-Ecosaluti smile.gif smile.gif smile.gif
Già Metano72  Touran EcoFuel 20Km con 1€

#31
Maxnard

Maxnard

    Ambientalista

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 680 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Pavia
Bé, la risposta è già stata data in altro 3d, credo da Sile650: le coltivazioni di tabacco non hanno mai provocato una crisi alimentare su scala mondiale, la coltivazione di biocarburanti si. Da due anni. Interessa attualmente 850.000.000 di persone (gli zeri sono giusti: ottocentocinquantamilioni!), non è un'invenzione mia né della F.A.O., così come non lo sono le "rivolte del pane"in Egitto, Messico ed altri 32 paesi del terzo mondo.
Ragazzi, basta poco per documentarsi: leggere una pagina degli esteri, guardare un telegiornale, un ANSA, o una semplice ricerca su Google. Non sono illazioni né complotti mediatici, sono centinaia di milioni di persone che non riescono a sostenere l'aumento di prezzo di grano e cereali, anche del 40% solo quest'anno, da imputare ANCHE all'assorbimento di risorse per produrre biocarburanti.
Le opinioni sono sempre tutte rispettabili, ma se per far valere le proprie si deve negare l'evidenza dei fatti e della cronaca...allora scusatemi, ma non vi seguo più.
Sono nel tunnel da talmente tanto...che comincio a pensare di arredarlo!

#32
Maxnard

Maxnard

    Ambientalista

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 680 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Pavia
La F.A.O. è organo dell' ONU, non c'entra nulla con donazioni, siano esse private o corporative.

Non risulta da nessuna parte che le coltivazioni di tabacco siano causa di crisi alimentari su scala mondiale, cosa che attualmente è in atto per causa ANCHE dei biocarburanti, oltre che per la siccità (tanto per parlare di risorse idriche). Seguo Radio24 tutto il giorno, e sono stati proprio loro ieri a dare notizia dell'ennesimo rapporto F.A.O. in tal senso, che si aggiunge alle ormai innumerevoli notizie a supporto di ciò che ho già ampiamente argomentato.
Sono nel tunnel da talmente tanto...che comincio a pensare di arredarlo!

#33
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4650 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso
CITAZIONE(OWER @ May 24 2008, 12:54 AM) <{POST_SNAPBACK}>
Non voglio fare polemiche ne con te ne con nessun altro, mi sà tanto che per arrivare a questo dovrò smettere di nuovo di scrivere, perdita di poco conto.
Addio Giovanni


Il problema non è la polemica in sè, che anzi è il succo di un forum.
L'atteggiamento sbagliato è (a mio avviso) quello di trattare con sufficienza i pareri avversi. Ma ancora peggio è quanto hai appena scritto: troppo facile promettere/minacciare di non scrivere più. Un po' come i bambini: "Con te non gioco più!" huh.gif
Se leggi, sono a metano...

#34
Nicola Ventura

Nicola Ventura

    Fondatore

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 8626 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Paderno d'Adda (LC)
CITAZIONE(Maxnard @ May 23 2008, 01:28 AM) <{POST_SNAPBACK}>
Bé, la risposta è già stata data in altro 3d, credo da Sile650: le coltivazioni di tabacco non hanno mai provocato una crisi alimentare su scala mondiale, la coltivazione di biocarburanti si.


Posso anche dar credito alla FAO ma qualcuno dovrebbe spiegarmi come un biocarburante, che ancora non esiste su larga scala, possa generare una crisi alimentare. Piuttosto sono propenso a preoccuparmi quando giungono notizie di disboscamento in Amazzonia per far posto a terreni da destinare ai biocarburanti.

CITAZIONE
Da due anni. Interessa attualmente 850.000.000 di persone (gli zeri sono giusti: ottocentocinquantamilioni!), non è un'invenzione mia né della F.A.O., così come non lo sono le "rivolte del pane"in Egitto, Messico ed altri 32 paesi del terzo mondo.
Ragazzi, basta poco per documentarsi: leggere una pagina degli esteri, guardare un telegiornale, un ANSA, o una semplice ricerca su Google.


Basta Google anche per scoprire che il problema della fame nel mondo non è un problema recente...
Le rivolte del pane non possono OGGI essere in nessun modo direttamente correlate ai biocarburanti... DOMANI forse si ma OGGI sicuramente NO.
Ci sono parecchi altri elementi in gioco, non ultima la speculazione!

CITAZIONE
Non sono illazioni né complotti mediatici, sono centinaia di milioni di persone che non riescono a sostenere l'aumento di prezzo di grano e cereali, anche del 40% solo quest'anno, da imputare ANCHE all'assorbimento di risorse per produrre biocarburanti.


Bene, siamo almeno ad un ANCHE... perlomeno iniziamo a ridimensionare le colpe.

CITAZIONE
Le opinioni sono sempre tutte rispettabili, ma se per far valere le proprie si deve negare l'evidenza dei fatti e della cronaca...allora scusatemi, ma non vi seguo più.


L'evidenza dei fatti non può essere un rapporto FAO che per la sua stessa natura è di parte (FAO = Food and Agriculture Organization) perchè per contro potrei riportarti le parole di Lula (anch'egli ovviamente di parte) ed avremmo pareggiato.

Se vogliamo parlare di fatti ricordo a tutti che il Brasile è da un trentina d'anni che ha puntato sull'etanolo... ma chissà come mai tutti si scagliano contro l'etanolo solo quando anche negli USA hanno deciso di iniziare a muoversi in tal senso.
I petrolieri possono molto in tal senso...

Nico

SEGNALAZIONE PREZZI: Invitiamo tutti a segnalare i prezzi dei distributori direttamente nelle schede degli elenchi => METANO - GPL


=> "Copiarci non è impossibile: è inutile." (cit.) <=


#35
Nicola Ventura

Nicola Ventura

    Fondatore

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 8626 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Paderno d'Adda (LC)
CITAZIONE(Maxnard @ May 24 2008, 01:13 AM) <{POST_SNAPBACK}>
I rapporti F.A.O. sono documenti ufficiali di un organo ONU, svincolato da interessi, e non è un ente privato: di cosa non ti fidi?


La FAO non è svincolata da interessi.
Basta usare Google per scoprire gli stipendi assurdi dei dirigenti FAO, i costi folli per commisisonare studi e ricerche... etc...
E' tristemente noto che la FAO (ma anche l'UNICEF) spenda oltre l'80% del suo bilancio in stipendi e pubblicità. Per chi volesse documentarsi suggerisco "The Lords of Poverty" che è dal 1989 che denuncia l'inefficienza della FAO.

Argomentare è doveroso... ma farmi fare la paternale dalla FAO che ha parecchi scheletri nell'armadio...no grazie!

Nico

SEGNALAZIONE PREZZI: Invitiamo tutti a segnalare i prezzi dei distributori direttamente nelle schede degli elenchi => METANO - GPL


=> "Copiarci non è impossibile: è inutile." (cit.) <=


#36
Maxnard

Maxnard

    Ambientalista

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 680 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Pavia
Premetto che quello della F.A.O. era solo - e chiaramente evidenziato come tale - un esempio di altri argomenti già espressi.
Vi risparmio il copia-incolla e le auto quotazioni, vi invito a cliccare QUI - QUI - QUI.
Trovate anche tutti i link che argomentano le opinioni.

Detto questo, provo a spiegare la mia posizione in modo differente, che magari mi sono espresso in modo confuso, o forse il discorso è scivolato sui particolari a scapito del discorso in se.

Questo 3D si basa su un articolo che ipotizza un forte impatto ambientale del bioetanolo , opinione non nuova anche rispetto ad altri biocarburanti.
Ribadisco che io NON SONO CONTRARIO APRIORISTICAMENTE ad alcun carburante alternativo.

Questo è il mio ragionamento.

RISPETTO AD ALTRE ALTERNATIVE QUALI METANO ED IDROGENO (così evitiamo ancora la domanda "quali?") I BIOCARBURANTI:
- hanno un impatto ambientale maggiore in termini assoluti;
- hanno un impatto maggiore durante tutta la filiera di produzione-trasporto-distribuzione;
- hanno bisogno di risorse idriche ed ambientali che per motivi di siccità e progressiva desertificazione del pianeta già sono un problema;
- per quanto sopra esposto, cominciano ad avere effetti ANCHE sull'aumento dei prezzi di alimenti base e cominciano a contribuire alla crisi alimentare in atto nei paesi più poveri, ma non solo.

A me sembra più giusto ed umanitario lasciare le risorse idriche ed i terreni coltivabili, oltre agli investimenti ed alle tecnologie necessarie, per sfamare la povera gente, invece di rischiare una escalation delle crisi alimentari CHE NON SONO NELLA MIA TESTA, ma già in atto.
Trovo inoltre logico investire su carburanti di minor impatto ambientale GIÀ DISPONIBILI e di immediata distribuzione.
Sono nel tunnel da talmente tanto...che comincio a pensare di arredarlo!

#37
Maxnard

Maxnard

    Ambientalista

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 680 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Pavia
Ad uso del forum intero, segnalo un ottimo sito: www.ecplanet.com Quotidiano Tecnologico e Scientifico.
In particolare, e pertinente a questa discussione, posto QUESTO LINK che fare copia-incolla diventa lunghissimo!
Vi consiglio di leggerlo attentamente.
Sono nel tunnel da talmente tanto...che comincio a pensare di arredarlo!

#38
luca67

luca67

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 72 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Varese
  • Interests:E-Cars, Fonti Energetiche Rinnovabili, Tecnologie Ecocompatibili, Agroenergie ed i loro impieghi
CITAZIONE(Maxnard @ May 23 2008, 08:54 PM) <{POST_SNAPBACK}>
La F.A.O. è organo dell' ONU, non c'entra nulla con donazioni, siano esse private o corporative.

Non risulta da nessuna parte che le coltivazioni di tabacco siano causa di crisi alimentari su scala mondiale, cosa che attualmente è in atto per causa ANCHE dei biocarburanti, oltre che per la siccità (tanto per parlare di risorse idriche). Seguo Radio24 tutto il giorno, e sono stati proprio loro ieri a dare notizia dell'ennesimo rapporto F.A.O. in tal senso, che si aggiunge alle ormai innumerevoli notizie a supporto di ciò che ho già ampiamente argomentato.


Saluti tutti

Il fattore che le coltivazioni di tabacco non abbiano causato crisi di fame, non vuol dire che non ne siano in parte responsabili come oppio e coca.
E io parlo da fumatore da un pacchetti e + al giorno.
Il fattore che in paesi africani l'agricoltura viene praticata ancora con buoi e cavalli, la rende poco efficiente rispetto a quello che succede da noi, in alcuni paesi addirittura e` quasi inesistente o solo a livello esistenziale per le tribu`.
Tornando al tabacco, la sua coltivazione richiede pareccia acqua per questo motivo non si puo coltivare dappertutto e facendo un calcolo di quanti ettari all'anno si utilizzano, sono convinto che qualche millioncino di affamati sarebbe felice dei derivati.
Nonostante tutto non mi stanchero` di ripetere che tabacco e coltivazione di biocarburanti non costituiscono il problema principale, come nemmeno la tecnologia, il problemi sono i conflitti d'interesse vari collegati alle soluzioni e nessuno vuole fare il primo passo davanti al mondo.
cool.gif
Saluti Luca

#39
luca67

luca67

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 72 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Varese
  • Interests:E-Cars, Fonti Energetiche Rinnovabili, Tecnologie Ecocompatibili, Agroenergie ed i loro impieghi
CITAZIONE(Maxnard @ May 25 2008, 12:44 AM) <{POST_SNAPBACK}>
In particolare, e pertinente a questa discussione, posto QUESTO LINK che fare copia-incolla diventa lunghissimo!
Vi consiglio di leggerlo attentamente.


Dopo aver letto QUESTO LINK ho constatato che chi lo scrive non mi sembra molto obbiettivo, tutte le problematiche descritte e alla sua maniera analizzate fanno parte della vita quotidiana di diversi settori industriali a contatto con sostanze infiammabili.
Il settore petrolchimico ci vive da 100 anni e + , non penso che metano ed idrogeno siano meno difficili da trattare ed immagazzinare e viaggiano come tutti i combustibili su strada inquinando e di tanto in tanto esplodendo e bruciando.
wacko.gif
Saluti Luca

#40
luca67

luca67

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 72 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Varese
  • Interests:E-Cars, Fonti Energetiche Rinnovabili, Tecnologie Ecocompatibili, Agroenergie ed i loro impieghi
CITAZIONE(Maxnard @ May 24 2008, 02:51 PM) <{POST_SNAPBACK}>
cominciano a contribuire[/u] alla crisi alimentare in atto nei paesi più poveri, ma non solo.

A me sembra più giusto ed umanitario lasciare le risorse idriche ed i terreni coltivabili, oltre agli investimenti ed alle tecnologie necessarie, per sfamare la povera gente, invece di rischiare una escalation delle crisi alimentari CHE NON SONO NELLA MIA TESTA, ma già in atto.
Trovo inoltre logico investire su carburanti di minor impatto ambientale GIÀ DISPONIBILI e di immediata distribuzione.


Nessuno dice il contrario, io mi pongo una domanda se noi fossimo dalla parte degli affamati cosa faremmo ci daremmo da fare per cambiare la nostra situazione oppure aspetteremmo che i paesi + benestanti ci sfamino ?????

Indipendente dal fattore finanziario, a lunga scadenza cosa conviene aiutare il terzo mondo con alimentari oppure fare in modo che diventino in base alle possibilita` almeno parzialmente autosufficienti ???

Lascio a voi la scelta per quanto mi riguarda l'ho gia fatta.

Non dimentichiamo che anche noi abbiamo Connazionali che vivono alla giornata modi terzomondo ma ci si preoccupa di + degli altri che in parte sostengono governi che investono in armamenti e lusso proprio la maggiorparte del loro PIL o dei paesi produttori di petrolio che con la scusa che i loro sudditi e cittadini non devono pagare ne questo ne quello portano i petrodollari all'estero e ci chiamano quando il vicino geloso li invade ed i nostri soldati ci lasciano le penne.
Non mi sembra di aver sentito che i caduti abbiano ricevuto risarcimenti in petrodollari, per noi e` un dovere aiutare gli altri lo dimostrano i disastri vari dove la nostra protezione civile ha sempre dato il massimo sia a casa nostra che ovunque servano.
Io manderei semenze, trattori e mietitrebbiatrici assieme a farina riso e latte in polvere in modo da abituarli ad essere produttivi, sarebbe anche un'aiuto all'ambiente risparmiando CO2 da trasporto.

Saluti Luca




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users