Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pi¨ informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi
Foto

In Sardegna la prima colonnina di ricarica alimentata a Biogas


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1
Redazione

Redazione

    Praticante Ecologista

  • Redazione
  • StellettaStelletta
  • 428 messaggi
  • Gender:Male
Fabbrica Energie Rinnovabili Alternative, lancia a Decimoputzu (Cagliari) la prima stazione di ricarica a impatto zero associata ad uno dei suoi impianti produttivi. L'energia prodotta dalla Centrale a biogas di Società Agricola AGRIFERA, azienda del Gruppo FERA, rifornisce la colonnina ad accesso pubblico installata nei pressi dell'impianto. Un ciclo virtuoso a disposizione dei veicoli elettrici ventiquattrore al giorno, sette giorni alla settimana. Rapida, 100% rinnovabile, sempre accessibile: con queste caratteristiche, la stazione di ricarica che è stata inaugurata domenica 4 ottobre è un unicum, per la Sardegna.

Utilizzare energia rinnovabile per il rifornimento dei veicoli elettrici spiega Cesare Fera è garanzia di mobilità a impatto zero. È il rifornimento che ciascun utilizzatore di veicoli elettrici vorrebbe avere facilmente a disposizione, perché ha già fatto una scelta d'acquisto ispirata alla sostenibilità ed è molto attento agli impatti reali del suo veicolo sull'ambiente.

La colonnina installata da AGRIFERA ha una potenza di 22 kW e ha due prese tipo 2 Mennekes. È compatibile con tutte le auto elettriche (BMW, Nissan, Renault) ed è facile da usare, perché la tessera è a disposizione degli utilizzatori sulla colonnina. Nel tempo di attesa, è possibile richiedere al personale della Centrale di vistare l'impianto, al cui interno è stato allestito un percorso didattico dedicato al ciclo e alla tecnologia del biogas.

Il biogas viene prodotto con un ciclo di approvvigionamento e trasformazione virtuoso sotto tutti i punti di vista aggiunge Cesare Fera. È un ciclo completamente integrato nel tessuto agricolo del territorio e porta, con procedimenti completamente naturali, alla produzione di energia elettrica e termica prive di impatto sull'ambiente. Non solo: dalla produzione del biogas residuano sostanze altamente nutritive riapplicabili, con la concimazione, in agricoltura riducendo o addirittura eliminando le concimazioni con prodotti chimici di sintesi. È questo ciclo che abbiamo voluto rappresentare nel percorso didattico all'interno della Centrale, con un accento particolare sul binomio biogas mobilità sostenibile, che inauguriamo a Decimoputzu ma replicheremo con l'altra nostra centrale a biogas di Guspini.

Click here to view the article




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users