Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi
Foto

Zafira B EcoM Turbo: spia gialla e catalizzatore


  • Per cortesia connettiti per rispondere
15 risposte a questa discussione

#1
bigdanilo2

bigdanilo2

    Praticante Ecologista

  • Members Plus
  • StellettaStelletta
  • 193 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Roma

Ragazzi vi chiedo aiuto nel decidere cosa fare.

Pensando di dover cambiare auto sono incerto se acquistare la nuova Zafira Tourer 150 CV metano o la nuova Insigna STATION V. GPL

I dati dei consumi dichiarati da Opel sono:

INSIGNA S.V GPL misto 7,9 / 6,1   extraurbano  6,5 / 5,0

ZAFIRA TOURER metano  misto 7,2 / 4,7  extraurbano 5,6 / 3,7

Con quale spenderei meno nel carburante?

Ora con la mia Zafira eco M turbo spendo meno di 00,6 cent. al Km.

Grazie anticipatamente per i consigli.


Quando lo abbandoni guardalo negli occhi

#2
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4652 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso

Mi permetto di essere molto dubbioso sui consumi gipiellosi dell'Insigna. Un extraurbano da 6,5-5 l/100 km significa 15-20Km/l... e che è, una Panda col limitatore?

Del resto per la stessa vettura parlano di 25km/l per la diesel sul ciclo misto...  :wacko:

 

Secondo me il metano è e rimarrà il più vantaggioso. ;)


Se leggi, sono a metano...

#3
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4652 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso

Ora con la mia Zafira eco M turbo spendo meno di 00,6 cent. al Km.

 

-----

 

Credo che pure con la nuova Zafira andrai a spendere praticamente lo stesso.

 

PS Ma l'hai già ultrakilometrata? O ti ha dato dei problemi?


Se leggi, sono a metano...

#4
bigdanilo2

bigdanilo2

    Praticante Ecologista

  • Members Plus
  • StellettaStelletta
  • 193 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Roma

Credo che pure con la nuova Zafira andrai a spendere praticamente lo stesso.

 

PS Ma l'hai già ultrakilometrata? O ti ha dato dei problemi?

-------

 

Si attualmente 259800 km ho avuto a 240000 il problema della bobina che ho fatto sostituire e del catalizzatore pieno che faccio sostituire martedì 31/03/15

Il preventivo per la sostituzione del catalizzatore è € 750,00 spero che risolvo definitivamente il problema della spia MILS accesa.

Avevo pensato che fosse arrivato il momento di cambiarla, ma la concessionaria Opel mi ha offerto veramente una miseria e considerando che la macchina è in ottime condizioni ho deciso di tirare avanti un altro po.

 

Mi permetto di essere molto dubbioso sui consumi gipiellosi dell'Insigna. Un extraurbano da 6,5-5 l/100 km significa 15-20Km/l... e che è, una Panda col limitatore?

Del resto per la stessa vettura parlano di 25km/l per la diesel sul ciclo misto...  :wacko:

 

Secondo me il metano è e rimarrà il più vantaggioso. ;)

------

 

Grazie Sile650


Quando lo abbandoni guardalo negli occhi

#5
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4652 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso

Direi ottima scelta. Se non mangia olio è facile che quel motore non sia per nulla affaticato.

 

L'importante è fare sempre la corretta manutenzione (che è nulla rispetto ai costi di acquisto di un'auto nuova... pronta ad iniziare a svalutarsi).


Se leggi, sono a metano...

#6
bigdanilo2

bigdanilo2

    Praticante Ecologista

  • Members Plus
  • StellettaStelletta
  • 193 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Roma

Carissimi amici questa mattina ho fatto sostituire il catalizzatore alla mia Zafira, incrociamo le dita la spia non si accende più ed il motore come sempre va che è una bellezza.

Spesi in Opel € 715,00 tutto compreso.

Come una bella donna 260.300 Km in quasi 6 anni(31/7/15) e non li dimostra.


Quando lo abbandoni guardalo negli occhi

#7
bigdanilo2

bigdanilo2

    Praticante Ecologista

  • Members Plus
  • StellettaStelletta
  • 193 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Roma

La mia bella Zafirona questa mattina mi ha rifatto lo scherzetto di riaccendere la spia gialla del MIL 

Che cavolo sarà ora ? domani mattina torno in Opel.

Ciao


Quando lo abbandoni guardalo negli occhi

#8
bigdanilo2

bigdanilo2

    Praticante Ecologista

  • Members Plus
  • StellettaStelletta
  • 193 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Roma

La mia bella Zafirona questa mattina mi ha rifatto lo scherzetto di riaccendere la spia gialla del MIL 

Che cavolo sarà ora ? domani mattina torno in Opel.

Ciao

Eccomi tornato dall'officina Opel il codice errore è P0170 Guasto regolazione iniezione carburante (bancata 1)

Hanno resettato il codice errore e la spia ora è spenta. Devo fare circa 2/3 giorni (per me sono circa 400/500 KM) solo a benzina e vedere se si riaccende la spia.

Così cercano di individuare se dipende solo dall'alimentazione a metano o entrambe.

Navigando in internet ho trovato questo:

La corretta diagnosi degli errori DTC P0170 - P0171 - P0172
img1(2)a.png

 

Alcune indicazioni di carattere pratico per l’autoriparatore per un corretto approccio e una corretta metodologia di diagnosi in presenza degli errori P0170 – P0171 – P0172.

 

Il Portale degli Autoriparatori www.ammirati.orgdescrive in questa piccola “Guida Pratica” i suggerimenti e le indicazioni utili per una corretta diagnosi in presenza degli errori P0170 – P0171 – P0172.
 
Veicolo con spia motore accesa ed errori in centralina motore P0170 – P0171 – P0172: una tipica e frequente situazione di guasto/anomalia nella quale, in presenza di questi codici di avaria, non corrisponde solitamente una evidente difettosità dell’auto. I DTC menzionati, molto spesso, si ripresentano (dopo una preventiva cancellazione degli stessi) solamente a distanza di un certo tempo, creando, conseguentemente, qualche difficoltà nell'individuare la causa dell’anomalia, anche al tecnico di diagnosi più esperto.
 
Descrizione estesa dei codici errore DTC P0170 – P0171 – P0172
P0170 - Adattamento miscela fuori campo massimo.
P0171 - Adattamento miscela fuori campo massimo, miscela magra.
P0172 - Adattamento miscela fuori campo massimo, miscela grassa.
N.B.: vi sono poi altri codici di errore, il P0173, il P0174 e il P0175, che sono relativi all'adattamento della bancata 2 nei motori con due sonde lambda prima del catalizzatore. Questi DTC sono meno frequenti e vanno trattati allo stesso modo dei P0170, P0171 e P0172.
 
Perché questi codici guasto vengono memorizzati?
La centralina determina il tempo base d'iniezione, nelle varie condizioni di funzionamento del motore, in base alla mappa con la quale è stata programmata in fabbrica; durante il funzionamento del motore (dopo una breve regimazione termica) il tempo base di iniezione viene modificato/corretto (diminuito o aumentato) sulla base del feedback del segnale del sensore ossigeno (la “sonda Lambda”). 
Il tempo base di iniezione sarà incrementato da parte della centralina di gestione motore se la miscela risulta magra; viceversa, se la miscela risulta grassa, la centralina diminuirà il tempo d’iniezione. 
Questo scostamento in positivo o in negativo del tempo base d’iniezione è la funzione svolta dal cosiddetto “integratore lambda”; la regolazione svolta dall’integratore lambda è istantanea e continua.
Se per lungo tempo, in una determinata condizione di funzionamento del motore, è necessaria una correzione nello stesso senso (positiva o negativa che sia) del tempo di iniezione, la centralina gestione motore adotterà come tempo d'iniezione base non più quello col quale era stata programmata, ma quello corretto dalla regolazione operata: questa funzione è denominata “adattamento lambda”. 
Se, ad esempio, in una data condizione di funzionamento del motore, il tempo d'iniezione è di 2 mS ed è necessario aumentarlo del 5%, il nuovo valore di base sarà di 2,1 mS.
Sia la correzione istantanea che l'adattamento possono però avvenire solamente entro certi limiti, non possono cioè superare una data percentuale: infatti, se si dovesse raggiungere questo limite l'adattamento verrebbe bloccato e verrebbe memorizzato il codice guasto P0170 (o quelli più specifici P0171 e P0172) con l'accensione permanente della spia di avaria motore (check engine).

La sonda Lambda
La sonda Lambda (nome comunemente utilizzato per identificare il sensore ossigeno) misura la quantità di ossigeno presente nei gas di scarico: in base a questo parametro è possibile dedurre il titolo della miscela.
Per il momento limitiamoci a considerare le sonde di tipo “tradizionale” che si caratterizzano per presentare un campo di funzionamento compreso tra gli 0 e i 900 mV.
Con miscela magra la percentuale di ossigeno residuo sarà alta e quindi la tensione sonda bassa; al contrario, con miscela grassa, l’ossigeno è pressoché assente e la sonda fornirà in uscita una tensione alta. Nel campo di funzionamento del motore con miscela corretta, ovvero con valore lambda intorno a 1, la tensione della sonda ha un una evidente variazione, mentre con valori lambda bassi o alti l'andamento della tensione è quasi piatto (figura 1).
Con carburazione corretta il valore di tensione della sonda Lambda continuerà ad oscillare rapidamente tra i 100 e gli 800 mV. Se la tensione lambda staziona per brevi periodi su tensione bassa o alta (che, come detto in precedenza, corrispondono a miscele rispettivamente magre o grasse), interverranno le correzioni del tempo base di iniezione dall'integratore lambda ed eventualmente dall'adattamento. Invece, in caso di prolungato stazionamento della tensione su un valore basso (ad esempio 100 mV) o alto (800 mV) l'adattamento lambda viene bloccato da parte della centralina di gestione motore.
 
La corretta diagnosi
Per procedere con la diagnosi dobbiamo perciò per prima cosa andare a controllare come “lavora” la sonda Lambda e i valori dell'integratore e dell'adattamento lambda (nei parametri e stati di autodiagnosi). 
Suggerimento: se questi due valori (integratore e adattamento lambda) non sono disponibili nei parametri della diagnosi specifica della centralina di gestione motore, è necessario consultarli utilizzando lo strumento di autodiagnosi nella modalità di scantool OBD. In sostanza, la diagnosi è sempre possibile: il controllo del raggiungimento del limite dell'adattamento lambda è sempre presente negli impianti dall'Euro 3 in poi (figura 2).
È possibile trovare questi codici guasto anche in alcune centraline Euro 2. È un'eventualità abbastanza rara, ma in generale non troviamo come parametro l'adattamento lambda che, in queste centraline più vecchie, potrebbe anche non esserci. In tutti gli impianti con sonda Lambda è però sempre presente l'integratore lambda con la funzione sopra descritta di correzione istantanea del titolo della miscela, anche se, in genere, non visibile in autodiagnosi: chi ha più anni di esperienza alle spalle ricorderà che veniva utilizzato per fare la registrazione di base del tasso di CO negli impianti KE e LU-Jetronic (questi ultimi abbastanza rari in Italia).
La presenza del DTC P0170 (oppure del P0171 - 0172) presuppone che la sonda funzioni; solo in casi rarissimi è lei la causa e, in questo caso, si tratta in genere di un errore di programmazione della centralina: ci è capitato a volte, ad esempio, sulla Nissan Micra, con sonda bloccata a 0 V, carburazione grassissima e codice P0171. Con “blocco” della tensione della sonda Lambda su un valore fisso vengono presi altri codici guasto, relativi alla sonda: in genere un P0130 (o altri codici dal P0131 al P0134 sempre relativi alla sonda).
Verifichiamo quindi per prima cosa la tensione della sonda Lambda: il più delle volte non ci dà molte informazioni in presenza di questi codici guasto, spesso derivanti da piccoli scostamenti difficili da valutare analizzando l'andamento della tensione anche con oscilloscopio. Lasciamo fare questo lavoro alla centralina passando a verificare il valore dell'integratore lambda, limitandoci a un controllo veloce della tensione, utile comunque nei casi più evidenti.
 
L’integratore lambda
Il valore centrale, quello corrispondente a nessuna correzione necessaria, che leggiamo in autodiagnosi può essere diverso a seconda della centralina: a volte è 100%, altre 0 o un altro valore ancora (può capitare di trovarlo in passi: 128 è - in questo caso - il valore centrale); per conoscerlo andiamo a vedere qual è con quadro acceso e motore spento.
Nella schermata della figura 3, il motore è spento e freddo, la tensione della sonda Lambda è quella di riferimento della centralina, l'adattamento è presente perché è un valore memorizzato dalla centralina, mentre l'integratore è 0%. Entrando in diagnosi col programma specifico della centralina possiamo trovare altre denominazioni per quanto riguarda integratore e adattamento:
Nella figura 4, l'integratore viene chiamato “Breve correzione miscela” e l'adattamento “Lunga correzione miscela”. Si noti che qui l'integratore non è esattamente a zero, pur con motore spento; questo perché, al momento della rilevazione, motore e sonda erano caldi; infatti, la tensione della sonda è leggermente più bassa (430 invece di 445 mV); si tratta di una particolarità di questa specifica centralina motore.
Con motore in moto, non appena la sonda incomincia a lavorare, inizierà a muoversi il valore dell'integratore: se la carburazione è buona sarà il più possibile intorno al valore centrale, altrimenti si discosterà in un senso o nell'altro a seconda se magra o grassa (figura 5).
Il valore deve cambiare sempre se la regolazione è attiva (analogamente al segnale della sonda): assumerà il valore centrale solamente in determinate condizioni, ad esempio in rilascio quando è attivo il cut-off (situazione in cui non vi è ovviamente alcuna regolazione e la tensione della sonda è pressoché zero – figura 6).
Se è fisso al valore centrale nel normale funzionamento del motore (escluso nei transitori in accelerazione quando si ha un grosso arricchimento della miscela) vuol dire che la correzione necessaria è oltre il limite consentito e la regolazione è bloccata: se andremo a controllare troveremo memorizzato il relativo codice di errore.
 
Adattamento lambda
Questo parametro ci consente, come già detto, di verificare di quanto il tempo d'iniezione base si è spostato nel tempo. È utile andare a controllare, cosa valida anche per l'integratore, i valori nelle diverse condizioni di funzionamento del motore (minimo, carichi parziali, pieno carico) per capire dove lo scostamento è maggiore (cosa molto utile per una mirata ricerca della causa).
Le variazioni di questo parametro sono più lente, soprattutto se è molto spostato rispetto al valore iniziale: è utile più per uno storico del funzionamento del motore che per capire le condizioni presenti al momento.
Dopo aver fatto una rapida verifica di questi tre parametri è opportuno cancellare il codice guasto e azzerare l'adattamento con lo strumento di autodiagnosi (oppure spesso basta scollegare la centralina per qualche minuto).
Successivamente andiamo a ricontrollare tensione e integratore lambda, sempre nelle diverse condizioni di funzionamento, e dall'entità dello scostamento istantaneo e dalle diverse condizioni in cui si verifica potremo avere delle indicazioni su dove cercare la causa: questa è la parte più difficile dove aiuta molto l’esperienza.
 
Possibili cause della memorizzazione dei DTC
Per le macchine che montano impianto a gas, i controlli della tensione e dell'integratore lambda vanno fatti sia a gas che a benzina: è infatti probabile che il problema sia generato dall’impianto a gas.
Ad esempio possiamo trovare l'integratore che a gas lavora quasi al centro, mentre a benzina rimane molto spostato: questo perché l'adattamento è stato fatto dalla centralina motore nel funzionamento a gas, condizione di funzionamento prevalente del motore a caldo.
Per gli impianti con misuratore massa aria (MAF), il più delle volte la causa è un malfunzionamento del misuratore stesso: di solito il codice guasto è il P0171 (ma a volte è possibile trovare in alternativa il P0172). 
Non trascuriamo però la verifica accurata di eventuali aspirazioni d'aria: è possibile ipotizzare questa causa dal fatto che le correzioni dell'integratore saranno maggiori al minimo (o con piccole aperture della farfalla) mentre a carichi elevati, dove l'eccesso di aria indebita diventa insignificante, sarà quasi intorno allo zero.
Negli impianti con sensore di pressione collettore (MAP), invece, le aspirazioni d'aria sono in genere ininfluenti sulla formazione della miscela: dipende però dall'entità e dal punto nel quale si verificano in rapporto alla posizione del sensore di pressione.
Se la regolazione del minimo avviene con un attuatore che agisce direttamente sulla posizione farfalla (sempre negli impianti con sensore MAP), una certa influenza può averla il corpo farfallato sporco: il codice che troviamo in questi casi in genere è il P0172.
Vi possono essere svariate altre cause: pressione benzina, sensori di temperatura o di pressione e così via, teniamo però sempre presente che non si tratta di difetti eclatanti (gli scostamenti in presenza di questi codici guasto sono in genere abbastanza piccoli).
Dopo aver trovato e riparato il difetto ricontrolliamo come lavora l'integratore: se intorno allo zero vuol dire che tutto è a posto, in caso contrario (e con adattamento che varia rapidamente) dobbiamo ripartire da capo con le verifiche.
Segnaliamo infine che non è invece significativo provare l’auto per vedere se si accende la spia: questo difetto viene preso infatti dopo un tempo più o meno lungo e dipende anche dalle condizioni di guida, perché lo scostamento può esserci solo in certe fasi di funzionamento del motore.
 

Messaggio modificato da bigdanilo2, 03 aprile 2015 - 09:55

Quando lo abbandoni guardalo negli occhi

#9
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4652 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso

Molto interessante l'articolo che hai riportato.

 

Un paio di considerazioni:

1) dicono di fare 2-3 giorni a benzina (a mio avviso inutile soprattutto in un'auto come la Zafira, il cui motore è fatto per andare a metano) supponendo percorrenze normali. A te basta ed avanza un giorno, quindi non dissanguarti nell'acquisto di inutile broda. ;)

 

2) Hai appena cambiato il catalizzatore. Niente di più facile che non sia ancora in perfetta efficienza, come pure che la sua azione catalizzante abbia spiazzato la centralina (i correttori sono fatti per intervenire un po' alla volta). Facile che ora che hanno cancellato l'errore, lo stesso non venga più a ripresentarsi.


Se leggi, sono a metano...

#10
bigdanilo2

bigdanilo2

    Praticante Ecologista

  • Members Plus
  • StellettaStelletta
  • 193 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Roma

Molto interessante l'articolo che hai riportato.

 

Un paio di considerazioni:

1) dicono di fare 2-3 giorni a benzina (a mio avviso inutile soprattutto in un'auto come la Zafira, il cui motore è fatto per andare a metano) supponendo percorrenze normali. A te basta ed avanza un giorno, quindi non dissanguarti nell'acquisto di inutile broda. ;)

 

2) Hai appena cambiato il catalizzatore. Niente di più facile che non sia ancora in perfetta efficienza, come pure che la sua azione catalizzante abbia spiazzato la centralina (i correttori sono fatti per intervenire un po' alla volta). Facile che ora che hanno cancellato l'errore, lo stesso non si ripresenti.



Speriamo sia come dici tu. Fino ad oggi che ho usato pochissimo l'auto ho fatto circa 70 km a benzina e finora il problema non si è ripresentato. Ti terrò aggiornato.


Messaggio modificato da bigdanilo2, 04 aprile 2015 - 05:57

Quando lo abbandoni guardalo negli occhi

#11
saveriodms

saveriodms

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 4 messaggi

Salve, dopo circa 1 anno di circolazione esclusivamente a metano, ho messo a benzina e mi si è accesa la spia catalizzatore, il motore a benzina va malissimo sembra a tre cilondri e il codice errore che compare è ECN 138200, ora provo il con cambio candele, ma non so se a qualcuno è capitato lo stesso.

p.s. il motore a metano va bene.

Grazie



#12
Daniele Zaglia

Daniele Zaglia

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 1 messaggi

Ciao bigdanilo2,
io con la mia Zafira Tourer ecoM turbo, spendo circa 5 cent € / km, in guida prevalentemente extraurbana, autonomia circa 450 km.

Avendo guidato anche la Zafira One, stessa motorizzazione, si nota un notevole miglioramento in comfort, in particolare rumorosità; non una significativa differenza in consumi tra i due modelli, che invece ho notato dipendere molto dalla massa e soprattutto dallo stile di guida.
Se ti interessasse inoltre, posso mettere a disposizione un file Excel con i diagrammi dei consumi e costi / km per 30.000 km.

zagd



#13
fabiobologna

fabiobologna

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 3225 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Colli bolognesi
  • Interests:Dicono di lui: per una volta anche il superfabio ha sbagliato: E' UMANO!!

Salve, dopo circa 1 anno di circolazione esclusivamente a metano, ho messo a benzina e mi si è accesa la spia catalizzatore, il motore a benzina va malissimo sembra a tre cilondri e il codice errore che compare è ECN 138200, ora provo il con cambio candele, ma non so se a qualcuno è capitato lo stesso.

p.s. il motore a metano va bene.

Grazie

-----

 

Hai risolto col cambio candele? Le candele non sono le stesse che per il metano?

Poteva essere un iniettore benzina bloccato?


VW Caddy Maxi EcoFuel ComfortLine (70mila km dal 28/09/12) (ex Zafira A EcoM: solo 275mila km)

#14
saveriodms

saveriodms

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 4 messaggi

Problema non risolto, a detta del meccanico iniettore benzina partito, mi ha resettato la spia ma ancora per il momento non ho avuto tempo di portarla a sostituirlo, desidererei sapere se a qualcuno è capitata la stessa cosa e cioè è stato costretto a sostituire l'iniettore della benzina.



#15
fabiobologna

fabiobologna

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 3225 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Colli bolognesi
  • Interests:Dicono di lui: per una volta anche il superfabio ha sbagliato: E' UMANO!!
.... quando avevo la A io giravo costantemente a benzina, non da dire chissà cosa, perché all'anno spendeva max 15€, ma di proposito facevo 3km ogni 15gg.
VW Caddy Maxi EcoFuel ComfortLine (70mila km dal 28/09/12) (ex Zafira A EcoM: solo 275mila km)

#16
steel

steel

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 26 messaggi

Sostituire le candele è spesa inutile.Basta smontarle e vedrai che sono nuove.

Io prima cambierei tutta la benzina dal serbatoio e poi verificherei che la pompa benzina mandi a 3 bar.






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users