Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pi¨ informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi
Foto

Mazda2 EV Range Extender, la seconda giovinezza del Wankel


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1
Daniele Pizzo

Daniele Pizzo

    Praticante Ecologista

  • Redazione
  • StellettaStelletta
  • 162 messaggi
  • Gender:Male
Negli ultimi anni è stata l'unica Casa a credere ancora nei motori rotativi, che però per rendimento, affidabilità ed emissioni non hanno ancora raggiunto i livelli dei più tradizionali propulsori a movimento alternativo. Ma per Mazda il motore a ciclo Wankel ha ancora un futuro, un futuro da "range extender", ovvero quei motori a combustione interna che sulle cosiddette "auto elettriche ad autonomia estesa" (in commercio ci sono attualmente Chevrolet Volt e Opel Ampera) fungono quando necessario da generatore di elettricità per ricaricare le batterie che a loro volta alimentano i motori elettrici.

La Casa di Hiroshima ha infatti messo a punto un piccolo motore rotativo da 330 cc della potenza di 30 CV che ha applicato al prototipo Mazda2 EV, essenzialmente una Mazda2 con motore elettrico da 100 CV e batterie al litio da 20 kW/h. Attingendo da un serbatoio di benzina da 9 litri, questo motore rotativo gira costantemente al suo regime ottimale (2.000 giri) e riesce a portare l’autonomia complessiva della Mazda 2 elettrica EREV a oltre 480 km con emissioni di CO2 che gli ingegneri giapponesi stimano in circa 15 g/km. L'accelerazione 0-100 km/h della Mazda 2 EV Range Extender è di 10,8 secondi, mentre la velocità massima è di 128 km/h.

Essendo più compatto e leggero di un normale motore e pistoni, il motore Wankel si presta dunque bene a questo tipo di applicazione che richiede al motore di mantenere un regime fisso, il che è ottimale per mantenere bassi i consumi e le emissioni inquinanti. Tanto che non c'è solo Mazda a guardare con interesse all'impiego dei rotativi come motori range extender. Anche Audi sta lavorando ad un progetto simile con la Audi A1 e-tron presentata nel 2010 al Salone di Ginevra, una Audi A1 elettrica che grazie all'integrazione con un motore Wankel consumerebbe appena  1,9 litri di benzina ogni cento chilometri.

Click here to view the article




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users