Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi
Foto

Estrima Birò presenta la batteria "trolley style" che si ricarica in salotto


  • Per cortesia connettiti per rispondere
6 risposte a questa discussione

#1
Nicola Ventura

Nicola Ventura

    Fondatore

  • Amministratore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 8626 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Paderno d'Adda (LC)
Estrima, azienda che produce e distribuisce il piccolo personal commuter elettrico a 4 ruote Birò, annuncia uninnovazione tecnologica che rivoluziona il mondo della motorizzazione elettrica generale e cambia radicalmente il modo di concepire il celebre veicolo made in Italy: grazie al sistema Re-move la batteria di Birò si estrarrà e si potrà trasportare come un trolley fino alla presa di corrente dove verrà messa in carica.

Non ci sono cavi o prese da sganciare, allinsegna della massima ergonomia e facilità duso: estratta la batteria, che scorre su un binario, basta alzare la sua maniglia telescopica e diventa un trolley maneggevole che misura 28 x 26cm e pesa solo 26 kg che si muovono, agili, su rotelle. Grazie al sistema Re-move, idea tanto semplice quanto rivoluzionaria, anche chi non possiede un garage potrà avere un Birò e ricaricare le batterie del suo mezzo comodamente da casa.
 
La batteria utilizzata è al litio, la stessa in uso da febbraio nella versione non estraibile, ed è stata ripensata con unallocazione diversa, che permettesse allutenza di poterla estrarre nel più semplice dei modi e senza sollevarla: ha unautonomia di 40 km e si ricarica completamente in 4 ore collegandola a un normale impianto domestico da 3 kWh; inoltre, la tecnologia al litio permette agli accumulatori di essere ricaricati parzialmente con i biberonaggi, ovvero ogni 20 minuti di ricarica parziale si accumula lenergia per percorrere 5 km, quindi è possibile ricaricare Birò ogni qual volta se ne presenti loccasione aumentando di fatto il chilometraggio quotidiano percorribile. Questo nuovo sistema di estrazione, inoltre, funge da antifurto più che efficace, perché Birò non può muoversi senza il suo pacco batterie estraibili al litio.

Estrima ha debitamente brevettato la proprietà intellettuale di Re-move: questa nuova proposta arriva comè arrivato Birò stesso, cioè prima di ogni altro competitor, fungendo da pioniere del mercato, ed è la definitiva democratizzazione della motorizzazione elettrica che, in questo caso, non ha bisogno delle tanto richieste infrastrutture urbane di ricarica, né di spazi privati, come i box, dove essere ricaricato.

Ai vantaggi per il pubblico e a quelli per il comparto si aggiungono anche quelli dellindotto: per coloro che hanno unattività di noleggio, ad esempio, con 2 batterie lautonomia di Birò diventa, di fatto, illimitata, perché si sostituirà la batteria da ricaricare con una carica in pochi secondi e senza lausilio di alcuno strumento. La seconda batteria è la soluzione ideale anche per tutte quelle categorie che hanno fatto di Birò il proprio mezzo di trasporto urbano preferenziale durante tutto larco della giornata.

Sin dalla sua nascita, Birò si è sempre definito user friendly e oggi, anticipando e prendendo di contropiede lintero comparto dellelettrico, che sembra puntare solo ad aumentare lautonomia del mezzo trascurando del tutto i limiti del rifornimento, il piccolo personal commuter diventa anche democratic, riconquistando con Re-move il suo ruolo di leader del mercato secondo il parametro dellinnovazione.
 


Click here to view the article

SEGNALAZIONE PREZZI: Invitiamo tutti a segnalare i prezzi dei distributori direttamente nelle schede degli elenchi => METANO - GPL


=> "Copiarci non è impossibile: è inutile." (cit.) <=


#2
metaoui

metaoui

    Gran Maestro di Cerimonia

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 1300 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Siena

Idea geniale,andrebbe supportata da ingenti incentivi.

Spendere 11.000 euro,specie di questi tempi non è cosa di tutti i giorni.......con un pochino di lungimiranza,qualche colonnina presso i parcheggi e supermercati,incentivi statali..... si andrebbe incontro ad un gran risultato:un'azienda italiana avrebbe ordinativi sufficienti per assumere,i lavoratori sarebbero pagati dall'azienda e non dalla cassa integrazione,lo stato incasserebbe contributi e tasse,si avrebbe un'abbattimento sostanziale di emissioni nocive........forse ho espresso dei concetti troppo difficili per un comune politico,avvinghiato com'è a cercare soluzioni cervellotiche per risolvere il problema del lavoro che non c'è...........naturalmente la trazione con batterie ricaricabili non risolve del tutto il problema dell'inquinamento,però al momento è la soluzione a portata di mano con il minor costo.


Il mondo è un libro, ma se non viaggi ne conosci solo una pagina(Agostino d'Ippona).....ed io ho viaggiato, tanto.

#3
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4652 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso

Più che altro gli 11.000 sono tanti per una macchinetta è proprio un Birò...ccio. 

Va comunque detto che le varie gasoline targate come ciclomotori non costano molto meno.


Se leggi, sono a metano...

#4
franceschino13

franceschino13

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 4 messaggi

Anche secondo me il prezzo è ancora un po alto. Ma questo DEVE  essere il futuro nei centri urbani!



#5
metaoui

metaoui

    Gran Maestro di Cerimonia

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStelletta
  • 1300 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Siena

Va comunque detto che le varie gasoline targate come ciclomotori non costano molto meno.

------

 

Talvolta il prezzo è determinato dal mercato......ti tolgono la patente,ma vuoi viaggiare egualmente?....comperi un ciclomotore con 4 ruote pagandolo tantissimo, però hai aggirato la legge.

 

Il caso della vetturetta elettrica è diverso, occorrerebbero incentivi sostanziosi per far decollare il prodotto... credo che nell'ambito urbano potrebbero essere una buona risposta all'inquinamento (dubito sia possibile dire altrettanto dell'aspirato rumoroso e puzzolente a gasolio delle vetturette da te citate).


Il mondo è un libro, ma se non viaggi ne conosci solo una pagina(Agostino d'Ippona).....ed io ho viaggiato, tanto.

#6
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4652 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso

Ad ogni modo ora che c'è il patentino obbligatorio non credo sia più così semplice aggirare la legge in caso di ritiro della patente. O sbaglio?  :mellow:


Se leggi, sono a metano...

#7
darix

darix

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 1 messaggi

Mah... 11000 euro non sono poi cosi' tanti, secondo me.

Il punto e' che va bene solo come seconda auto, se vivi in citta'. Nemmeno come seconda auto se, come me, vivi in mezza montagna. Dubito che quella deliziosa macchinetta riesca a farmi percorrere 10 km con salita media del 5% e picchi del 10-12%...






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users