Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pi¨ informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi
Foto

EA 2013: Terzo posto per Guerrini-Olivoni all'EcoRally della Mendola


  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1
Redazione

Redazione

    Praticante Ecologista

  • Redazione
  • StellettaStelletta
  • 428 messaggi
  • Gender:Male
Il secondo Ecorally della Mendola si è concluso nella tarda mattinata di domenica con il terzo posto, su Alfa Mito a gpl della Scuderia Imega, dei toscani Guido Guerrini e Francesca Olivoni, al loro esordio assoluto come coppia in gara.

Nonostante sia il gradino più basso del podio, c'è grande soddisfazione in casa Imega: "Siamo arrivati terzi senza particolari sbavature e con una ottima seconda giornata di gara, ha sottolineato Guerrini: per me e Francesca era la prima gara mondiale di questanno, oltre alla prima volta assieme, e dovevamo costruire quellintesa che è essenziale in questo tipo di gare. Il pilota della scuderia Imega ha poi ringraziato Giove Pluvio per il bel tempo concesso e ha lodato gli organizzatori della gara per averci concesso la possibilità di attraversare ben cinque passi dolomitici (due volte il Passo Mendola, il Palade, il Costalunga e il Nigra) e scenari naturali come il Lago di Carezza, lalpe di Siusi, il Catinaccio e gli incantevoli paesini dediti alla viticultura nel fondovalle atesino, anche se a volte il ritmo di gara è stato quasi disumano.

Francesca Olivoni per la prima volta sale sul podio, dopo numerosi risultati positivi in coppia con Isabelle Barciulli nella scorsa stagione. Dopo la premiazione effettuata dal noto giornalista Ezio Zermiani, Olivoni racconta: Abbiano raccolto buone indicazioni, soprattutto nel secondo giorno di gara dove abbiamo corretto le piccole sbavature che ci hanno tagliato fuori dalla testa della corsa; ottimo, direi, pure il rendimento dellAlfa Mito a gpl che, con la vittoria di Viganò-Fovana con lo stesso modello, dimostra la massima versatilità e competitività sia ad alta quota che in percorsi dove ripresa e velocità sono determinanti.

La navigatrice toscana non rinuncia infine a sottolineare la soddisfazione di lasciarsi alle spalle il due volte campione del mondo di categoria Raymond Durand, che questanno sta tentando di inserirsi fin da subito nella lotta per il titolo iridato che gli manca dal 2010.

Click here to view the article




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users