Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pi informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * -

OMS: le emissioni dei motori diesel sono cancerogene per l置omo


«Le prove scientifiche sono inconfutabili e le conclusioni del gruppo di lavoro sono state all’unanimità: le emissioni dei motori diesel causano il tumore del polmone ». E’ questa la dichiarazione di Christopher Portier -  Chairman del Centro Internazionale di ricerca sul Cancro - al termine di una settimana di lavoro degli esperti dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che si è conclusa a Lione il 12 giugno. Portier ha sottolineato inoltre la necessità  che «l' esposizione a questa miscela di prodotti chimici sia ridotta in tutto il mondo».

Se ne parlava già da tempo, ma sembra che gli esperti abbiano rilevato prove sufficienti per stabilire una stretta correlazione fra i motori alimentati a gasolio e il cancro: «le emissioni allo scarico dei motori diesel sono cancerogeni certi per gli esseri umani e l'esposizione a tali gas è associata ad un rischio accresciuto di tumore al polmone ed anche ad un maggior rischio di cancro alla vescica». Questo è il verdetto del gruppo di lavoro che ha portato i motori alimentati a gasolio alla classificazione – da oggi – nel “gruppo 1”, quello appunto delle sostanze cancerogene certe, mentre in precedenza le emissioni dei diesel erano annoverate nel “gruppo 2” delle sostanze probabilmente  cancerogene per l'uomo.

Immediato il plauso del CODACONS  secondo cui la pronuncia dell’OMS «apre nuovi scenari e – continua - spariscono le parole “probabilmente” e “potenzialmente”: ciò rende possibile procedere con maggior successo non solo per il reato di getto pericoloso di cose (674 cod. penale) ma anche per omissione d'atti d'ufficio nei confronti dei sindaci e dei presidenti di regione inadempienti». CODACONS non esclude una class action con persone ammalate di tumore al polmone.

Anche se sono di tutt’altro tenore i commenti dell’Associazione Europea dei Costruttori di Auto (ACEA), la quale tiene ad evidenziare che le nuove tecnologie dei motori incriminati sono state sviluppate proprio per rispondere a queste preoccupazioni, è indubbio che occorre fare un’attenta riflessione sulla futura  consistenza del mercato dell’auto in Italia e nel mondo. Ciò non solo per assecondare la domanda di economia d’esercizio da parte degli utenti, ma anche per il complessivo bilancio sanitario ed ecologico generale.

«In attesa che realmente si rendano disponibili e utilizzabili dalla grande utenza le tecnologie necessarie per una  mobilità elettrica generalizzata – ha affermato Alessandro Tramontano, Presidente del Consorzio Ecogas – è indubbio che l’utilizzo dei carburanti gassosi per autotrazione, oggi, rispondono ancora di più e pienamente alla necessità di coniugare economia ed ecologia. Con l’aggiunta di una sostanziale riduzione dei costi sociali e sanitari che, viceversa, sarebbero maggiori e non quantificabili a causa dell’incremento dei tumori causati dall’uso dei motori diesel che questi studi hanno evidenziato»


1 Comments

Ora che abbiamo nero su bianco scoperto l'inquinamento che si fa? Metanizziamo tutti i camion? E continuiamo a produrre auto non inquinanti con automonie ridicole, brutte e poco accessoriate?
Premiamo i ricercatori per nascondere i progetti nei cassetti, come al solito? E poi ci metteremo le mascherine alla bocca, i tappi alle orecchie e eviteremo di parlarne, come le tre scimmiette!
Ciao