Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Fiat di Melfi: nuovi straordinari per la gamma metano e gpl


grandepuntogplMELFI - Sono in arrivo alla Sata, altri tre turni di comandata in straordinario. La fabbrica integrata della Fiat lavorerà per tre sabati consecutivi: il 9 e il 16 maggio su due turni (6-14, 14-22) ed il 23 maggio sul primo

, per esaurimento delle ore di comandata «quota esente» (quelle cioè che non sono concordate con i sindacati).  La motivazione del lavoro in straordinario è sempre la stessa: la crescente domanda da parte del mercato di vetture a gpl e a metano. Non è tutto. Ai trecento lavoratori arrivati alla Fiat di Melfi dallo stabilimento di Pomigliano è stato rinnovato il contratto per un altro mese, fino al 30 maggio, proprio per mantenere gli elevati ritmi produttivi delle ultime settimane. Nonostante la crisi del settore auto, insomma, nello stabilimento lucano della Fiat si continua a produrre a pieno regime. Per la Fim Cisl, però, la comandata del 16 maggio è una «provocazione», tanto che il segretario generale Antonio Zenga non esclude il ricorso allo sciopero. 

«In quella data - spiega Zenga - è stata già programmata una manifestazione nazionale a Torino proprio sul futuro della Fiat, per questo ritengo che la decisione di comunicare le nuove comandate proprio nel giorno del vertice sindacale a Roma e di mettere in calendario una comandata in concomitanza con una manifestazione nazionale sia una provocazione gratuita. La Fim chiederà alla Fiat di spostare la comandata del 16 altrimenti non esiteremo a proclamare lo sciopero». Ieri, i rappresentanti regionali di Fiom, Fim, Uilm e Fismic hanno partecipato al vertice che si è tenuto a Roma, con la Fiat e i presidenti delle Regioni in cui esistono stabilimenti della casa torinese.



0 Comments