Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * *

Test Drive: 1.000 Km con la Fiat Panda Idrometano


Benchè l'aspetto possa trarre in inganno la Panda Idrometano non è una Panda qualunque e, visto che non capita tutti i giorni di poter provare una vettura "laboratorio", quando ci si è presentata l'occasione l'abbiamo colta al volo.

E' iniziato così un lungo test drive che si è protratto per un'intera settimana e durante la quale abbiamo percorso complessivamente oltre 1.000Km di cui circa 800Km con il solo idrometano (HCNG) e che ci ha permesso di comprendere direttamente su strada i vantaggi ed i limiti di questa miscela sperimentale.

PROGETTO IDROMETANO REGIONE LOMBARDIA

Il "Progetto Idrometano" inizia nel 2008 quando la Regione Lombardia pubblicò un bando che prevedeva la fornitura di 20 vetture in grado di utilizzare l'innovativa miscela di idrometano (70% metano e 30% idrogeno), oltre alla realizzazione di due impianti di distribuzione di idrometano per poter alimentare la flotta oggetto della sperimentazione.

Il bando è stato aggiudicato da un pool di aziende (Centro Ricerche Fiat, Eni, Sapio, Fast e Nct) che hanno messo in campo 20 Panda Idrometano, mentre il primo punto di rifornimento è stato realizzato presso l'Area di Servizio di Assago sulla Tangenziale Ovest di Milano (impianto nel quale sono già presenti gli erogatori di Metano e Gpl).  
  
Il secondo punto di rifornimento previsto dal bando verrà implementato nel corso della prossima ristrutturazione del distributore di Metano di Monza (Viale Stucchi).

FIAT PANDA 1.2 IDROMETANO

La Panda Idrometano oggetto della sperimetazione è realizzata sulla basa della Panda Natural Power ed è spinta dal 1.2 che eroga 52Cv a metano. Alla guida la senzazione è che, rispetto all'uso esclusivo a metano, l'utilizzo della miscela di idrometano restituisca alla Panda un po' di brio e il fatto è anche tecnicamente spiegabile con la maggiore velocità di combustione dell'idrogeno presente in volume nella percentuale del 30%.

Esternamente la Panda è assolutamente identica alla "sorella" Natural Power alimentata a metano tanto che, se non fosse per gli adesivi presenti, sarebbe impossibile riconoscerla. A renderle differenti sono alcune modifiche tecniche, anche se tutto sommato abbastanza contenute, in quanto bombole, raccordi, tubazione e programmazione della centralina sono stati modificati per renderli compatibili con l'utilizzo con l'idrometano.   
  
Sul fronte delle emissioni la miscela di idrometano consente un ulteriore abbattimento della Co2 di circa l'11% rispetto alle già basse emissioni del metano e di circa il 34% rispetto all'utilizzo della benzina.

Trattandosi di una sperimentazione le vetture sono costantemente in contatto con il Centro Ricerche Fiat grazie ad un complesso sistema di telemetria che permette di avere sempre costantemente sotto controllo il funzionamento dell'intera flotta.

CONSUMI E AUTONOMIA

La Panda Idrometano ci è stata consegnata con il pieno di idrometano ma non avendo potuto rilevare le condizioni del rifornimento non l'abbiamo tenuto in considerazione nel computo dei consumi. Tuttavia ci ha permesso di iniziare a fare le nostre valutazioni sul comportamente del piccolo 1.2 della Panda e dopo circa 160km, con serbatoi completamente vuoti, ci siamo recati presso la stazione di rifornimento di Assago per effettuare il nostro primo pieno di Idrometano.


1° Rifornimento: 01/06/2011 (serbatoi vuoti)
Kg caricati: 6,262
Bar: 205
Km percorsi: 174 Km
Consumo rilevato: 27,79 Km/Kg

2° Rifornimento: 02/06/2011 (serbatoi vuoti)
Kg caricati: 6,318
Bar: 209
Km percorsi: 171 Km
Consumo rilevato: 27,06 Km/Kg

3° Rifornimento: 03/06/2011 (serbatoi vuoti)
Kg caricati: 6,049
Bar: 199
Km percorsi150
Consumo rilevato: 24,80 Km/Kg

4° Rifornimento: 04/06/2011 (serbatoi vuoti)
Kg caricati: 6,559
Bar: 206
Km percorsi: 169
Consumo rilevato: 25,77 Km/Kg

5° Rifornimento: 05/06/2011 (serbatoi vuoti)
Kg caricati: 5,854
Bar: 183
Km percorsi: 132
Consumo rilevato: 22,55 Km/Kg

6° Rifornimento: 06/06/2011 (serbatoi vuoti)
Con quest'ultimo rifornimento abbiamo percorso circa 50 Km con la miscela di  idrometano prima di riconsegnare le chiavi della Panda nelle mani dei  dirigenti della Regione Lombardia e pertanto non lo cosidereremo  ai fini del computo dei consumi, ma ci limitiano a riportarlo solo quale  ulteriore documentazione del test drive.

RIEPILOGO CONSUMI:

Km percorsi: 796
Kg consumati: 31,042
Consumo medio: 25,64 Km/Kg

L'AUTONOMIA... UNICA NOTA STONATA

Come emergerge piuttosto chiaramente dalle nostre rilevazioni il punto debole di questa Panda 1.2 Idrometano è rappresentato dalla scarsa autonomia permessa dalla miscela immagazzinata a bordo della vettura a circa 200Bar (la stessa utilizzata per il metano). Abbiamo guidato attraverso diversi tipologie di percorso per simulare il maggior numero di situazioni che qualsiasi automobilista incontra quotidianamente ma anche utilizzando il nostro famoso "piede di fata" la nostra Panda si è fermata dopo appena 174Km. Un risultato "eccezionale" a detta di altri utilizzatori delle altre Panda Idrometano della flotta della Regione Lombardia ma decisamente troppo pochi affinchè, secondo il nostro modesto parere, questa miscela possa avere uno sbocco commerciale di massa.

Visto l'uso di specifiche componenti crediamo che una strada percorribile possa essere quella dell'aumento della pressione di stoccaggio dell'idrometano, anche in considerazione del fatto che i serbatoi specifici per l'idrogeno possono arrivare fino a 700Bar.

E' una sperimentazione, e come tale deve essere considerata, ma soprattutto ci piace considerla la via italiana all'idrogeno. Questo ed altri progetti similari hanno l'enorme pregio di premettere lo sviluppo di una primordiale rete in grado di rifornire idrogeno e/o miscele di idrogeno che saranno fondamentali nel momento in cui le fuel-cell avranno raggiunto il giusto grado di maturità e saranno pronte per la commercializzazione.
Un ringraziamento per questo esclusivo test drive va all'Assessorato all'Ambiente, energia e reti della Regione Lombardia ed in particolare alla Dott.ssa Silvana di Matteo che ci ha assistiti con una professionalità e preparazione tecnica davvero fuori dal comune.

di Nicola Ventura


Album:
images
comments




0 Comments