Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * -

DISTRIBUTORI GPL: Sequestro per l'impianto di Rosolini (SR)


Il distributore di GPL di Rosolini (SR) sito in Contrada Masicugno è stato sottoposto a sequestro in seguito all'operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Pozzallo.

In pratica tre persone, compreso il titolare di un distributore di carburante non solo favevano il pieno di GPL nei serbatoi delle auto ma, a richiesta, anche il pieno delle bombole da cucina con prezzi ovviamente ultra convenienti ma con metodi totalmente pericolosi ed illegali.

Le indagini, della Guardia di Finanza hanno consentito di individuare il titolare di un distributore stradale residente a Pozzallo che illegalmente ben si offriva al riempimento abusivo di bombole e serbatoi sfruttando le colonnine per l’erogazione del GPL installate nel suo distributore.
L’epilogo è avvenuto pochi giorni fa, le Fiamme Gialle in servizio di appostamento ed osservazione, hanno notato una autovettura avvicinarsi alla colonnina del GPL ed iniziare le operazioni di riempimento di una bombola di gas per uso domestico della capacità di 10 kg.

Vista la flagranza, i finanzieri della Tenenza di Pozzallo hanno proceduto al sequestro dell’intero impianto di erogazione del GPL, con all’interno circa 10.000 kg di GPL, e alla denuncia all’Autorità Giudiziaria dei due titolari dell’impianto, oltre che anche del privato cittadino intento a farsi riempire la bombola.

Tutto era possibile grazie all’utilizzo di un riduttore/adattatore artefatto manualmente che consentiva il collegamento alla pistola erogatrice della colonnina di distribuzione; il tutto naturalmente avveniva senza il benché minimo rispetto delle basilari regole di sicurezza.


1 Comments

Scusate, ma mi vien da ridere. Non perchè è illegale, sia ben chiaro, ma solo perchè mi sembra la scoperta dell'acqua calda.

Qualcuno ha la più pallida idea di quanti distributori lo fanno? Beh...a Roma, molti, non so nel resto d'Italia.