Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * *

In Germania, Svizzera, Austria e Olanda arrivano i Superchargers di Tesla


Ricaricare la propria auto elettrica in maniera veloce e soprattutto gratuita. E' quanto sta offrendo la californiana Tesla Motors ai possessori della sua berlina Model S attraverso i "Tesla Superchargers", ovvero una rete di colonnine di ricarica che dopo aver permesso ai proprietari di una Tesla di attraversare gratuitamente gli Stati Uniti dalla Costa Est alla Costa Ovest sta rapidamente crescendo anche in Europa.
Alle sei stazioni installate in Norvegia la scorsa estate, si aggiungono adesso le ulteriori otto inaugurate in Germania (Wilnsdorf, Bad Rappenau, Aichstetten, Jettingen), Svizzera (Lully), Austria (St. Anton) e Olanda (Zevenaar e Oosterhout) che permettono di collegare le principali città della regione mitteleuropea come Amsterdam, Bruxelles, Innsbruck, Colonia, Stoccarda, Monaco di Baviera, Francoforte, Ginevra e Zurigo. Secondo il progetto di Tesla Motors, alla fine del 2014 il 50% della popolazione in Germania vivrà nel raggio di 320 km da un Supercharger e potrà viaggiare a lungo raggio a "emissioni zero".

I Supercharger di Tesla Motors, situati prevalentemente in aree di servizio, caffè, ristoranti e centri commerciali, possono ricaricare simultaneamente fino da quattro a dieci Tesla Model S in un tempo fino a sedici volte inferiore a quello delle normali stazioni di ricarica pubbliche. La batteria della berlina elettrica californiana (disponibile nella capacità da 60 o 85 kWh) può infatti raggiungere il 50% della carica in appena 20 minuti, grazie ad un sistema che fornisce energia DC a 120 kW bypassando tutte le altre funzioni della vettura. In Italia la Tesla Model S è commercializzata ad un prezzo di listino che parte da 69.000 euro.


4 Comments

Finalmente Qualcosa si muove anche in direzione della disribuzione di carburante elettrico!!!

Speriamo che di queste super stazioni diventino sempre più fitte!

Anche perché la favola di ricaricarsi l macchina a casa con 3kw/h di contatore (in italia) la possono raccontare solo a chi non ha mai preso in mano la calcolatrice ;)

Qui si parla di 120 kw/h la potenza disponibile a 40 famiglie italiane!

Quindi tutta la potenza installata in un condominio di Milano, o in un intero quartiere di una città di provincia...

Sarebbe anche l'ora di venire incontro all'automobilista con le spese....dopo tante tasse e pedaggi aumento del caro vita AUTO; si prendono provvedimenti al risparmio energetico e di inquinamento.

Foto
Nicola Ventura
feb 12 2014 03:21

Va detto che il progetto di Tesla è fondamentale per poter creare un mercato ad un prodotto così esclusivo. Il fallimento di Fluence è evidentemente legato al fallimento del sistema di cambio rapido della batteria.

Vedi quello che non ho mai capito, (o forse si e fin troppo bene) sono le dimaniche delle case di presentazione dei progetti.

Il metano è stato a lungo snobbato (non che ora sia preso in cosiderazione, ma almeno qualcosa si muove) perché presentava due

grossi ostacoli alla vendita:

1) spazio occupato dal carburante (con i problemi di autonomia ridotta e peso dei serbatoi)

2) rete distributiva con grossissime lacune!!! per usare un eufemismo...

costatatati questi problemi si vanno a buttare sull'elettrico che ha i due problemi di prima amplificati per 100, e non fanno nulla per migliorare la rete distributiva...

Questi progetti a mio avviso sono dei fallimenti sicuri!!!

Molto probabilmente alla Tesla non interessano operazioni di facciata, ma interessa di vendere il suo prodotto e fà il possibile per ridurre i problemi che ne ostacolano la vendita ;)

 

Ripeto speriamo che queste super stazioni si moltiplichino e avremo la reale possibilità di viaggiare elettrico!