Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Messina: 24 autobus a metano per combattere l'inquinamento


autobus_metanoTredici milioni di euro non è certo una cifra che si dimentica da un giorno all’altro soprattutto se, ed è questo il caso, potrebbe permettere di dare una boccata d’ossigeno al soffocante problema della mobilità cittadina e che a Messina difficilmente dà tregua a cittadini ed amministrazione.

Ad avere a che fare con i “grattacapi” di un settore così delicato l’assessore Melino Capone, ieri presente alla seduta del consiglio comunale, posticipato dopo la concitata giornata della sentenza del Tar, e in cui è stato discusso ed approvato l’emendamento, presentanto dal consigliere del Pd Gaetano Gennaro, sulla gestione dei servizi di car-sharing da parte dell’Atm.

Car sharing, ovvero servizio di trasporto a noleggio che permetterà lo spostamento da una zona all’altra della città per quei cittadini che devono raggiungere la stessa meta. Ma quel che importa, è il fatto che la gestione di tale servizio, sulla base dell’emendamento presentato, verrà affidata proprio alla municipalizzata. Un aspetto da sottolineare almeno pensando all’internalizzazione dei servizi tanto richiesta dai lavoratori Atm che ricordiamo, nel corso dell’ultimo incontro avuto con Capone a poche ora dallo sciopero previsto per il giorno successivo, avevano posto tra le “condizioni” per evitare l’ennesima paralisi del traffico, proprio la richiesta di una futura internalizzazione tutti i servizi a favore della partecipata, escludendo l’intervento di qualsiasi ditta esterna. Tutto ovviamente nell’ottica della discussione del famigerato piano industriale per il rilancio dell’azienda e che a breve dovrebbe portare intorno ad un tavolo azienda, amministrazione, lavoratori e sindacati

Questo però è solo uno dei progetti che verranno realizzati grazie all’aiuto finanziario giunto dal Ministero dell’Ambiente lo scorso mese di dicembre, uno dei primi “regali” che il governo amico ha destinato all’amministrazione Buzzanca. Ecco dunque nel dettaglio gli interventi ammessi per il finanziamento e presentanti nel corso di una conferenza stampa dall’assessore e dal sindaco Buzzanca. 800mila euro sarà dunque l’investimento previsto per l’istituzione dei servizi di car-sharing e bike-sharing: gli stalli appositi verranno realizzati nei vari parcheggi cittadini, tra quelli già esistenti e quelli in progettazione (Annunziata, Gazometro, Cavallotti, Campo delle Vettovaglie, Zaera, Gazzi).

Determinante il potenziamento del trasporto pubblico urbano attraverso la fornitura di autobus alimentati a metano, almeno 24 anche se Capone spera di portarli ad una trentina, chiedendo più minibus (costo complessivo 7,7 milioni, cofinanziati per 1,2, con tempi di realizzazione di 14 mesi). Ingente l’investimento previsto anche per le reti ciclabili: 2 milioni per il completamento di quella litoranea, fino al torrente Giostra, poco più di 1,2 milioni per una pista, ancora da valutare, dal Giostra alla villa Dante.

Nella voce “moderazione traffico veicolare nel centro urbano” (costo complessivo: 700mila euro) rientrano aree pedonali e le cosiddette “zone trenta” (vie nelle quali vigerà il limite di 30 chilometri orari) tra il Duomo e il teatro Vittorio Emanuele. Ulteriore intervento, la realizzazione di centri di distribuzione urbana delle merci, aree dove i Tir lasceranno i loro carichi a mezzi ecologici: la prima verrà fatta a Larderia, la seconda a Giostra una volta completato lo svincolo.

Prevista anche la messa in sicurezza del viale della Libertà, tra piazza Unità d'Italia ed il viale Giostra, della via Garibaldi e via Vittorio Emanuele, per 990 mila euro, di cui 584 cofinanziati dal Ministero. E ancora, verrà coperto il tratto terminale del torrente Annunziata, in modo da ricavare un parcheggio da 56 stalli di sosta per auto, 11 per autobus e 40 per biciclette. Capone ha annunciato anche la realizzazione di un centro di monitoraggio della mobilità, con sede all’Atm, dal costo di 350mila euro, in vista di n centro più vasto che richiede, però, un investimento di 8 milioni di euro.

Fonte: http://www.tempostretto.it




0 Comments