Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

marzo 2017

L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31


- - - - -

Catanzaro: Verso una mobilitą moderna ed ecologica


Dopo il progetto del pendolo ferroviario e delle scale mobili, ecco il progetto navette a metano a servizio del centro storico. Si tratta di una nuova iniziativa della giunta comunale di Catanzaro, guidata dal sindaco Rosario Olivo, che ha trovato una significativa sponda nella giunta regionale che ha inserito nella rimodulazione del piano pluriennale dei trasporti l’acquisto di bus a metano (2 milioni 500 mila euro la somma prevista) e la realizzazione di un impianto di distribuzione a metano per alimentare la flotta di veicoli CNG (Compressed Natural Gas).


Se, come ci si augura, il Consiglio regionale ratificherà la rimodulazione del piano dei trasporti, la città di Catanzaro, attraverso l’AMC, potrà costituire un’importante flotta di bus ecologici da impiegare in nove linee a servizio del centro storico e dei quartieri. Nella delibera di rimodulazione adottata dalla giunta Loiero, si prende atto “che la città di Catanzaro sta attuando apprezzabili politiche di limitazione del traffico veicolare privato ed ha richiesto tra l’altro il finanziamento di un congruo numero di veicoli a basso impatto ambientale ed il finanziamento di un impianto di alimentazione a metano”. “Si tratta di un ennesimo riconoscimento - ha commentato il sindaco Olivo - dell’ottimo lavoro che l’Amministrazione sta portando avanti per dotare il capoluogo di un sistema di trasporti pubblici moderno ed efficiente.

Desidero ringraziare il presidente Loiero e la sua giunta per l’attenzione che hanno riservato alla città di Catanzaro. Il finanziamento di 2 milioni e 500 mila euro ci consentirà di acquistare un congruo numero di bus a basso impatto ambientale, mentre per la realizzazione dell’impianto di distribuzione potremo attingere al budget complessivo di 4 milioni di euro. Questi finanziamenti si aggiungono a quelli, già deliberati, per la progettazione del collegamento ferroviario metropolitano Germaneto - Sala- Centro (6 milioni di euro) e per la realizzazione di quattro sistemi di scale mobili (8 milioni 400mila euro)”. “Viene premiata - aggiunge il sindaco Olivo - la nostra progettualità e la nostra visione politica che punta a risolvere definitivamente il problema della mobilità nel Capoluogo di regione, essenziale se si vuole affermare un ruolo direzionale della nostra città”.

Intanto è stata avviata, dal dirigente Aldo Mauro, la fase di costituzione dell’ufficio di mobilità urbana così come stabilito dalla giunta comunale di Catanzaro nel corso dell’ultima seduta. Il nuovo ufficio avrà competenze specifiche e ben definite che si differenziano da quelle prettamente legate ai trasporti ed al traffico, rimaste assegnate al settore Polizia municipale le cui deleghe, compreso quella della mobilità, rimangono attribuite all’assessore Francesco Romeo. La decisione della giunta di affidare la mobilità al settore ambiente è dunque, mirata ad una pianificazione delle molteplici competenze che la delega trasporti, viabilità e mobilità urbana comprende.

Al settore ambiente, dunque, competeranno solo i provvedimenti che hanno una connotazione prevalentemente tecnica e convergono verso l’area operativa che si occupa della gestione del territorio con specifico riferimento alla tutela ed al benessere ambientale. Un aspetto, quest’ultimo, fondamentale che impone, dunque, lo studio della realtà di riferimento, la ricerca di adeguate soluzioni tecniche e la realizzazione di interventi peculiari e di studi di mobilità su ciò che già esiste e su ciò che si andrà a realizzare. Tutto ciò al fine di armonizzare le esigenze di mobilità urbana con la fruibilità ottimale del territorio. Le attività si concretizzeranno nella realizzazione di: piani del traffico e studi sulla viabilità; pianificazione e organizzazione traffico; mobilità intermodale; piano dei parcheggi; piani dei carburanti; piste ciclabili; percorsi pedonali protetti; sistemi elettromotrici e mobilità; trasporto a fune (funicolare e ascensore inclinato). Le funzioni inerenti al “traffico” rimangono così assegnate.

Al settore Polizia Municipale e Traffico competerà la gestione ed il controllo del traffico, il rilascio delle autorizzazioni per l’effettuazione di trasporti speciali; al rilascio delle autorizzazioni per gli spazi riservati, ai sensi del codice della strada, ai portatori di handicap ed alle auto di servizio di Enti pubblici, Croce Rossa, ecc. Al settore Gestione del Territorio competerà il rilascio delle certificazioni relative alla classificazione delle strade ed alle distante chilometriche; il rilascio delle autorizzazioni per l’esecuzione di lavori impegnanti il suolo pubblico. Mentre il Settore Patrimonio avrà competenza sul rilascio delle autorizzazioni per l’occupazione temporanea e permanente del suolo pubblico.

Fonte: http://www.giornaledicalabria.net 




0 Comments