Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

BMW è leader per la riduzione del consumo di carburante ed emissioni di CO2


BMWBruxelles. EfficientDynamics   è il programma più efficace per ridurre le emissioni di   CO2 del traffico stradale. Con la riduzione del consumo medio di   carburante e delle emissioni di CO2 del 10,2%, BMW Group ha nuovamente   registrato i maggiori progressi in termini di efficienza

di tutti i   costruttori d’auto del mercato automobilistico europeo per   l'anno 2008.

Questo è il risultato di un'analisi presentata attualmente   dalla Federazione Europea per i Trasporti e l'Ambiente (T&E), che   conferma chiaramente - come nei due anni precedenti – gli   eccezionali risultati EfficientDynamics. Con una media di emissioni di   CO2 di 154 grammi per chilometro, le autovetture BMW e MINI si   collocano molto più avanti di tutti gli altri costruttori   premium in termini di efficienza, superando anche i costruttori   europei con i maggiori volumi, così come numerosi altri   produttori di automobili, il cui portafoglio prodotti dedica uno   spazio particolare alle piccole.

BMW Group deve la propria posizione di leader in Europa al precoce ed   esteso utilizzo di tecnologie ideate per promuovere l’efficienza   di tutte le serie di modelli. Con l'introduzione di dotazioni come   Brake Energy Regeneration, Auto Start Stop, indicatore di cambio   marcia, controllo attivo dei deflettori, pneumatici con ridotta   resistenza al rotolamento e sistemi ausiliari che si attivano solo su   richiesta, gli attuali modelli BMW e MINI offrono un equilibrio   particolarmente favorevole tra risparmio di carburante e prestazioni   nei rispettivi segmenti. La gamma di modelli ad alta efficienza si   estende dalla MINI Cooper D (80 kW/110 CV) - con un consumo medio di   carburante di 3,9 litri /100 chilometri conforme agli standard UE, ed   emissioni di CO2 pari a 104 g/km – fino alla BMW 730d (180   kW/245 CV) con un consumo medio di carburante di 6,8 litri/100 km nel   ciclo UE ed emissioni di CO2 pari a  178 g/km.

L'attuale analisi T&E fa particolare riferimento   all’effetto su larga scala di EfficientDynamics. Mentre altri   costruttori offrono tecnologie di riduzione del consumo di carburante   e delle emissioni solo in modelli speciali e, in alcuni casi, con   costi aggiuntivi, queste tecnologie sono in dotazione standard sia per   BMW che per MINI, in tutta l'intera gamma di modelli.

Un altro punto sottolineato dagli esperti non di parte è che   la riduzione degli indici medi di CO2 per BMW e MINI non è   affatto imputabile semplicemente a uno spostamento delle vendite verso   modelli più piccoli.

Anzi, le tecnologie offerte nell’ambito di EfficientDynamics   sono costantemente presenti in tutte le serie di modelli, consentendo   al BMW Group di offrire veicoli con consumi di carburante e indici di   CO2 eccezionalmente buoni anche nei segmenti superiori. E, nella quasi   totalità dei casi, questa maggiore efficienza va di pari passo   con un aumento significativo delle prestazioni.

La T&E - che costituisce un gruppo indipendente e non di parte di   associazioni ambientaliste e per il traffico da 23 paesi europei   – sta assistendo l'industria automobilistica affinché si   adegui alle future norme e regole EU per limitare le emissioni di CO2.

Dal 1995 al 2008 il BMW Group ha ridotto il consumo medio di   carburante delle automobili vendute in Europa per un totale di oltre   25%, superando in tal modo l'impegno assunto dall'Associazione Europea   dei Costruttori di Automobili (ACEA) per i propri marchi. Ora, nel   portare avanti coerentemente questa strategia di sviluppo, BMW Group   sta creando le basi per far fronte agli impegni del futuro, che   implicheranno norme di legge ancor più severe. Di conseguenza,   BMW Group non corre il rischio di dover pagare sanzioni a titolo di   risarcimento per eccessive emissioni di CO2.

Il livello superiore di efficienza offerto da BMW Group, e confermato   in tutta Europa dallo studio della T&E, emerge con chiarezza anche   a livello nazionale: secondo le statistiche pubblicate dalla German   Federal Motor Vehicle Authority, le autovetture BMW e MINI   immatricolate in Germania nel 2008 hanno mostrato emissioni medie di   CO2 pari a 158 grammi per chilometro. In questo modo, BMW Group gode   di un vantaggio considerevole su tutti gli altri costruttori nel   segmento premium e, allo stesso tempo, si è mantenuto   nettamente al di sotto della media di 165 grammi per chilometro di   tutti i veicoli immatricolati in Germania.




0 Comments