Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pių informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Lombardia: 180 enti hanno acquistato veicoli puliti grazie ai fondi della Regione


logo_regione_lombardiaSono oltre 180 gli Enti pubblici che hanno beneficiato del contributo  regionale per l'acquisto, il noleggio a lungo termine, il car sharing  di veicoli a basso o a nullo impatto ambientale o l'installazione di un  impianto a metano/Gpl,

con un importo massimo concedibile a ciascun Ente  di 300.000 euro. Lo ha ricordato stamani l'assessore regionale all'Ambiente, Energia e Reti Marcello Raimondi, rispondendo a un'interrogazione nell'Aula consiliare.

"Avevamo stanziato 3,6 milioni di euro - ha spiegato  Raimondi - che hanno consentito un significativo ricambio del parco  mezzi degli Enti pubblici. A disposizione ce ne sono ancora 200.000 per  l'acquisto e 90.000 euro per il car sharing e il noleggio a lungo  termine". Gli incentivi sono serviti ad agevolare la sostituzione di  quei mezzi molto inquinanti (Euro 0 benzina e diesel, Euro 1 diesel e, a  partire da ottobre 2009, i veicoli Euro 2 diesel), che sono oggetto del  divieto di circolazione invernale per tutte le ore diurne. "L'obiettivo  degli incentivi, dunque - ha sintetizzato Raimondi - č stato quello di  affiancare a questi drastici divieti forme di incentivazione che  alleviassero il peso del cambiamento. La nostra regola č sempre stata:  va bene il divieto, ma accompagniamolo da un'adeguata informazione e da  una giusta incentivazione".

Come detto, hanno beneficiato del contributo 180 Enti  cosė suddivisi: 128 Comuni (71,1 per cento), 16 Aziende ospedaliere  (8,9 per cento), 8 Asl (4,4 per cento), 2 enti del 'Sistema regione'  (1,1 per cento), 4 Province (2,2 per cento), 18 "in-house" (10 per  cento) e 4 Consorzi (2,2 per cento).




0 Comments