Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

ICBI 2012: a Marzo ripartono gli incentivi per metano e gpl ma il fondo è limitato


IncentiviRiaprono le prenotazioni degli incentivi ICBI, Iniziativa Carburanti a  Basso, campagna del Ministero dell’Ambiente per la promozione di GPL e  metano frutto di un Accordo di Programma tra lo  stesso Ministero

e una Convenzione tra Comuni, della quale Parma è  Capofila.

Il fondo disponibile, grazie ad un residuo dell’ultimo rifinanziamento,  ammonta a € 1.785.309,26 e consentirà di effettuare circa 4.500  trasformazioni a gas incentivate.

Hanno diritto all’incentivo le persone fisiche  e giuridiche che  hanno la residenza e/o la sede legale/operativa in un Comune  aderente  alla Convenzione ICBI, le quali provvedono all’installazione di un   impianto di alimentazione a GPL o metano su un veicolo di proprietà  alimentato  a benzina.
Il sistema prevede la prenotazione cronologica dei contributi on-line,   l’anticipazione del contributo da parte dell’installatore e il rimborso  diretto  dell’incentivo all’officina.
Hanno diritto al contributo di:

  • € 500,00 le persone fisiche e le  persone  giuridiche residenti/aventi sede nei Comuni aderenti alla  Convenzione ICBI che  collaudano un impianto di alimentazione a GPL sul proprio veicolo Euro  2/Euro 3 immatricolato dopo il 01/01/1997.
  • € 650,00 le persone  fisiche e le  persone giuridiche residenti/aventi sede nei Comuni aderenti alla   Convenzione ICBI che collaudano un impianto di alimentazione a METANO sul proprio veicolo Euro 2/Euro 3 immatricolato dopo il 01/01/1997.

Il contributo riconosciuto all’utente è  costituito da € 150 di sconto da parte dell’installatore sul costo della  trasformazione che non può superare il listino prezzi massimi e da € 350 per  il GPL/€ 500 per il metano di contributo erogato da ICBI. L’applicazione  dello sconto da parte  dell’installatore deve essere evidenziato in fattura o  ricevuta fiscale  ed è condizione indispensabile per l’ottenimento del  contributo ICBI.  Lo sconto applicato dall’installatore, a differenza  dell’incentivo, non  viene rimborsato da ICBI, ma è a carico dell’officina.

INCENTIVI ALLE TRASFORMAZIONI A GAS  VEICOLI COMMERCIALI INFERIORI A 3,5T
Hanno diritto all’incentivo le persone  giuridiche che  abbiano la sede legale o operativa in un Comune aderente alla   Convenzione ICBI, che provvedono all’installazione di un impianto di   alimentazione a GPL o metano su un veicolo commerciale di peso inferiore  a 3,5t  alimentato a benzina che risulti di loro proprietà od oggetto  di contratto di  leasing. Il collaudo dell’impianto a gas deve avvenire  successivamente  all’apertura della procedura di prenotazione.
Il contributo è di:

  • € 750,00 per le trasformazioni a GPL di veicoli Euro 2/Euro 3 immatricolati dopo il 01/01/1997
  • € 1.000,00 per le  trasformazioni a METANO di veicoli Euro 2/Euro 3 immatricolati  dopo il 01/01/1997

Non è previsto lo  sconto da parte dell’installatore. Anche  in questo caso ci sarà la prenotazione  cronologica dei contributi  on-line, l’anticipazione del contributo da parte  dell’installatore e il  rimborso diretto dell’incentivo all’officina.

Possono beneficiare degli incentivi i veicoli  commerciali leggeri rispondenti alle seguenti caratteristiche:

  • Vetture M1/veicoli commerciali N1 destinati al servizio di noleggio  (con o senza autista)
  • Vetture M1/veicoli commerciali N1 destinati alle attività commerciali  ed artigianali
  • Veicoli commerciali N1 per il trasporto merci urbano

L’accesso ai contributi, limitatamente ai mezzi  aventi  le caratteristiche sopra descritte , è possibile solo per l’esercizio di   attività di trasporto in conto proprio.

PER ENTRAMBE LE INIZIATIVE
la trasformazione del veicolo deve essere  eseguita presso  un installatore aderente all’iniziativa (vedi elenco adesioni).
La data del documento fiscale (fattura o  ricevuta  fiscale) comprovante la trasformazione a gas e l’applicazione   dell’incentivo, l’autocertificazione del beneficiario e il collaudo del  veicolo  a gas deve essere successiva alla data di apertura delle prenotazioni (01/03/2012).
Le persone giuridiche che beneficiano del  contributo  devono trovarsi nei limiti della regola de minimis, ossia entro €  200.000,00  complessivi di aiuti negli ultimi tre anni di cui al  regolamento (CE) n.  1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006.
Non hanno diritto ai contributi le imprese che  esercitano  attività trasporto merci in conto terzi o nel settore della pesca e   dell’agricoltura.
Gli incentivi non sono cumulabili con contributi statali o di  altra natura assimilabile.
Sarà seguito il rigido ordine temporale di prenotazione;  ogni  installatore aderente non potrà superare il tetto massimo di 15 prenotazioni settimanali.
Il collaudo dovrà avvenire entro 120 giorni dalla data di  prenotazione pena l’annullamento della prenotazione stessa.




0 Comments