Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Gli Stati Uniti stanziano 25 milioni di dollari per la ricerca sui biocarburanti


BiocarburantiIl Governo degli Stati Uniti ha stanziato 25 milioni di dollari per la ricerca sui biocarburanti, con particolare riferimento al trasporto aereo.  L'Associazione del trasporto aereo d'America (Ata), l'organizzazione dei principali vettori degli Stati Uniti,

ha oggi plaudito alla notizia data congiuntamente dal Dipartimento degli Stati Uniti per l'Energia (Doe) e per l'Agricoltura (Usda). L'Ata, membro fondatore del comitato per i carburanti alternativi nell'aviazione commerciale, ha lavorato a lungo per far sì che il Governo stanziasse questi fondi, che erano previsti già da un disegno di legge del 2008 noto come Farm bill.

Questo stanziamento è il primo passo verso nuovi provvedimenti contenuti nel disegno di legge (poi convertito in legge), che prevede sovvenzioni a favore di progetti per la creazione di biocarburanti, purché siano rinnovabili, puliti e sintetizzati negli Usa. Questo programma sarà portato avanti parallelamente ad altri provvedimenti inseriti nel Farm bill e implementati all'inizio del 2009, con l'obiettivo di garantire la possibilità di accedere a prestiti per la costruzione di impianti per la produzione, e la conseguente commercializzazione, di carburanti alternativi.

"Siamo molto contenti che l'amministrazione Obama abbia lavorato così velocemente al reperimento di fondi per l'energia alternativa" ha detto il presidente Ata, James May. "Questo impegno per la ricerca e lo sviluppo di carburanti rinnovabili avanzati permetterà di avviare progetti pilota e altre importanti attività che ci avvicineranno alla creazione di combustibili alternativi eco-compatibili e pienamente utilizzabili. Ata e i suoi vettori membri non vedono l'ora di lavorare con il governo federale degli Stati Uniti per promuovere ulteriormente il rapido sviluppo di queste avanzate fonti di energia".



0 Comments