Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pi informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Gas&Park: Se tuteli l?ambiente il parcheggio gratuito


Euromobility ed il Consorzio Ecogas hanno coniato il nuovo bollino per i veicoli alimentati a GPL e Metano, che sarà recapitato a coloro che hanno usufruito degli incentivi Icbi, assieme a 25 schede parcheggio per usufruire di 12,5 ore di sosta gratuita. Sale a 559 il numero di comuni che hanno attualmente aderito alla Convenzione ICBI, nell’ambito della campagna promossa dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio “A Gas per l’Ambiente”.



Con questa adesione anche i privati cittadini e le persone giuridiche residenti in Comuni come Bari, Parma, Cremona, Pesaro, Vicenza e Bergamo possono accedere agli incentivi statali per la trasformazione a GPL o a metano della propria vettura a benzina appartenente alle classi ambientali Euro 1 o Euro 2. Su iniziativa di Euromobility, l’Associazione Nazionale dei Mobility Manager, sarà recapitato a casa gratuitamente a tutti gli automobilisti che hanno usufruito degli incentivi ICBI (anche per quelli concessi tra il 2001 e il 2002) un contrassegno identificativo. Il bollino in questione serve ad identificare l’automobile come vettura a basso impatto ambientale, consentendo di circolare liberamente in città, quando sono vigenti interventi di limitazione temporanei o permanenti di circolazione. In più attraverso il progetto “Gas&Park” tutti i cittadini che hanno trasformato la propria auto da benzina a gpl/metano usufruendo degli incentivi ICBI, di ricevere gratuitamente 25 schede parcheggio della validità di 30 minuti, da utilizzare negli spazi di sosta a pagamento della città. Tutte le informazioni e l’elenco aggiornato dei Comuni dove sono valide le schede parcheggio su www.ecogas.it.

Fonte: www.rinnovabili.it 




0 Comments