Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Ferrara: dal 2006 quasi 1.300 auto convertite a gpl o metano con gli incentivi regionali


IncentiviSono 1.274 le auto ferraresi rese meno inquinanti grazie agli incentivi  regionali negli ultimi quattro anni e mezzo. Dall’aprile 2006 sono stati  infatti 1.133 i cittadini residenti nel territorio comunale che hanno  ottenuto i contributi

dell’operazione regionale ‘Liberiamo l’aria’ per  la trasformazione a gpl delle loro auto a benzina e altri 141 quelli che  li hanno utilizzati per il passaggio al metano.

Il tutto per una cifra  complessiva di 479.500 euro, distribuita sulla base di diversi bandi  comunali, attraverso incentivi dell’importo iniziale di 350 euro,  innalzati poi, a partire dal 2008, alla cifra di 400 euro.

Le risorse sono state erogate dalla Regione in forza dell'adesione del  Comune di Ferrara agli Accordi di programma sulla qualità dell’aria  sottoscritti negli ultimi anni dai Comuni dell'Emilia Romagna con oltre  50mila abitanti.

Accordi che comprendono anche i provvedimenti annuali  di limitazione alla circolazione per i veicoli più inquinanti nei mesi  tra ottobre e marzo e per tutti i veicoli nei ‘giovedì ecologici’ tra  gennaio e marzo.

Per i Comuni sottoscrittori era infatti prevista  l'erogazione di risorse regionali da destinare alla trasformazione degli  impianti di alimentazione delle auto dei residenti, con l’intento di  dare maggiore efficacia alle azioni adottate per ridurre il livello  delle micropolveri.

La classifica delle conversioni per classe ambientale effettuate a  Ferrara vede al vertice le vetture Euro 2, con 376 incentivi erogati  (29,51% del totale), seguite dalle Euro 4, con 352 contributi (27,63%),  dalle Euro 3, con 249 stanziamenti (19,54%), dalle Euro 0, con 211  trasformazioni (16,56%) e infine dalle Euro 1, con 86 conversioni  (6,75%).

L’installazione dei nuovi impianti di alimentazioni è stata effettuata,  come previsto dai bandi, dalle officine autorizzate con sede nel  territorio provinciale, a cui il servizio comunale Mobilità ha poi  provveduto a erogare direttamente gli incentivi, dopo aver ricevuto e  verificato tutta la documentazione richiesta.




0 Comments