Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pi¨ informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * *

EcoIncentivi 2013: slittano (forse) a Febbraio...


Chi desidera acquistare un’auto ecologica con le agevolazioni governative deve avere ancora pazienza. Previsti per il 1° gennaio 2013, gli incentivi ai modelli elettrici, ibridi o con alimentazione a Gpl e metano sono rimandati a tempo indeterminato per la mancata delibera del decreto di attuazione contenente le regole per accedere agli “sconti” previsti dalla Legge 134 del 7 agosto 2012, il cosiddetto Decreto sviluppo.
Un provvedimento che avrebbe dovuto essere emanato entro ottobre, ma che è slittato per le incertezze sulla copertura finanziaria, fissata soltanto con la Legge di stabilità passata alla Camera il 21 dicembre.

Si deve prenotare lo “sconto”

La nuova data per l’avvio degli incentivi è fissata per il 30° giorno successivo dal giorno di entrata in vigore del regolamento di attuazione. Secondo le ipotesi dell’Unrae, la norma potrebbe essere approvata entro 15 giorni dalla fine delle festività natalizie, quindi entro il 21 gennaio, facendo diventare operativi i contributi all’acquisto a fine febbraio.

Un periodo durante il quale dovrebbe essere realizzato l’apposito sito internet che abilità ad usufruire delle agevolazioni in modo analogo a quanto avvenuto in passato con gli incentivi per le trasformazioni di auto a Gpl o metano. In altri termini, si dovrà prenotare lo “sconto” on line e, secondo indiscrezioni, tramutarlo nell’acquisto del veicolo a basse emissioni entro i 90 giorni successivi.

Risorse in calo di 20 milioni

Altra novità poco gradita è il taglio di 20 milioni di euro delle risorse disponibili. Una sforbiciata che riduce di 10 milioni/anno i finanziamenti previsti per il 2013 e il 2014, lasciando per il momento invariato l’importo di 45 milioni destinato al 2015.

Di fatto, quindi, nel 2013 il budget scende da 50 a 40 milioni di euro, dei quali 15 destinati ai modelli con emissioni inferiori ai 50 grammi/km (di fatto le elettriche e la Prius Plug-in) e 25 (anziché 35) per quelli con CO2 omologata nelle categorie “da 51 a 95 g/km” e “da 96 a 120 g/km”.

Viceversa, non è stata comunicata la ripartizione per gli anni successivi.

Non sono state modificate, invece, le entità delle agevolazioni che, ricordiamo, prevedono un contributo del 20% del prezzo d’acquisto fino a un massimo 5.000 euro (15% fino a un massimo di 3500 euro nel 2015) per le auto che rilasciano meno di 50 g/km, di 4.000 euro (3.000 nel 2015) per quelle con CO2 non superiore a 95 g/km e di 2.000 euro (1.800 nel 2015) per i modelli sotto i 120 g/km.


0 Comments