Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * *

Eco Incentivi 2013: la guida completa


Partono domani 14 Marzo i nuovi eco incentivi statali per l'acquisto di veicoli a basse emissioni nel triennio 2013-2015. Dalle ore 09.00 del 14 marzo i rivenditori registrati all’area loro riservata sul portale appositamente predisposto dal Ministero ((www.bec.mise.gov.it) potranno effettuare, tramite l’apposita piattaforma, la prenotazione dei contributi per i veicoli acquistati e immatricolati a partire dalla stessa data.
 
I contributi puntano a favorire l’acquisto di veicoli ad alimentazioni alternative (elettrici, ibridi, a metano, a biometano, a GPL, a biocombustibili, a idrogeno) con emissioni di anidride carbonica (CO2), allo scarico, non superiori a 120 g/km.
 
All'atto pratico di tratta di mini-incentivi e non di un auspicato provvedimento strutturale per il settore auto. Il fondo dedicato è stato infatti ridotto e per il 2013 solo 4,5 milioni di euro sui 40 stanziati sono diretti ai "privati" senza obbligo di rottamazione.
 
Per il 2013 in particolare i fondi sono ripartiti come segue:
  • 4,5 milioni di euro per l’acquisto, da parte di tutte le categorie di acquirenti (e senza necessità di rottamazione), di veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km, con una quota pari a 1,5 milioni di euro riservata all’acquisto di veicoli con emissioni non superiori a 50 g/km;
  • 35,5 milioni di euro per l’acquisto di veicoli destinati all’uso di terzi o utilizzati nell’esercizio di imprese, arti e professioni, e destinati ad essere utilizzati esclusivamente come beni strumentali nell’attività propria dell’impresa, (dietro obbligatoria rottamazione di un corrispondente veicolo obsoleto), con le seguenti riserve:

     - 7 milioni di euro per veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km
     - 3,5 milioni di euro per veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 50 g/km.
 
Per il 2014 e il 2015 la suddivisione delle risorse (privati ed aziende) sarà rivista in base all'andamento effettivamente registrato nell'anno precedente. Non è da escludere pertanto che nel 2014 la quota destinata ai privati possa crescere.
 
Per i veicoli acquistati nel 2013 e nel 2014:
 
Il contributo è pari, per tutti i veicoli ammissibili, al 20% del costo (prima delle imposte), risultante dal contratto di acquisto, con un tetto massimo di:
  • 5.000€ per i veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 50 g/km
  • 4.000€ per i veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km
  • 2.000€ per i veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 120 g/km
 
Per i veicoli acquistati nel 2015:
 
Il contributo è pari, per tutti i veicoli ammissibili, al 15% del costo (prima delle imposte), risultante dal contratto di acquisto, con un tetto massimo di:
  • 3.500€ per i veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 50 g/km
  • 3.000€ per i veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km
  • 1.800€ per i veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 120 g/km



1 Comments

Foto
Nicola Ventura
mar 14 2013 12:17

Come ampiamente prevedibile... la quota del fondo (3 dei 4,5 mln di Euro) dedicata alla fascia entro i 95gr co2 destinata privati senza obbligo di rottamazione si è esaurita in meno di 1 ora (dall'apertura alle 9.00).