Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Auto: verso bonus 1.000€ per rottamazione e 2.000€ su veicoli verdi


IncentiviSi delineano le misure a sostegno dell'auto e degli altri  settori in crisi, che saranno adottate venerdi' con un  decreto legge dal Consiglio dei Ministri. Oggi il pacchetto  e' stato discusso nel corso del vertice interministeriale a  Palazzo Grazioli presieduto dal premier Silvio Berlusconi.



Ormai certa l'entita' del bonus sulla rottamazione che sara'  pari a 1.000 euro per la demolizione di una vettura Euro  zero, Euro1 e Euro2, immatricolate fino a dicembre 1999, e la  sua sostituzione con un'auto Euro4 o Euro5.

L'incentivo arriverebbe a 2.000 euro per l'acquisto di auto a  emessioni zero (ibride, a metano, elettriche), ma in questo  caso non sarebbe necessaria la rottamazione di una vettura  vecchia. Sempre in chiave ecologica gli interventi per moto e  scooter. Potrebbe essere previsto uno sconto di 300 euro se  si rottama una moto vecchia e inquinante e se ne acquista una  nuova.

Nel decreto dovrebbero trovare posto anche misure di sostegno  per il settore degli elettrodomestici. Attualmente e' gia'  previsto uno sconto sull'acquisto dei frigoriferi a basso  consumo (valido fino al 2010) ma e' probabile anche  l'introduzione di una detrazione irpef che valga anche per  gli altri elettrodomestici a basso consumo. Analogo  agevolazione e' allo studio per i mobili.

Il pacchetto complessivo avrebbe un costo 'lordo' di 1-1,5  miliardi, ma gli oneri effettivi per le casse dello Stato  sarebbe notevolmente inferiore, circa 400 milioni di euro,  considerando che l'aumento delle vendite porterebbe  automaticamente all'incremento del gettito iva. Vanno anche  considerati i risparmi che si otterrebbero sostenendo la  produzione e quindi evitando, o riducendo, il ricorso alla  cassa integrazione.

Il ministro delle Attivita' produttive, Claudio Scajola, con una nota, ha pero' mostrato cautela sulle cifre circolate sugli interventi allo studio. ''Gli interventi di sostegno al settore automotive e ad altri settori economici - ha spiegato Scajola - sono stati oggi al centro di un incontro tra il Presidente Berlusconi e i ministri competenti, che hanno deciso di procedere per decreto nel Consiglio dei Ministri di venerdi'. Le misure - spiega Scajola - sono in queste ore in corso di definizione tenendo conto dei vincoli della finanza pubblica, dell'esigenza di sostenere la domanda interna e il consumo dei cittadini e di ridurre l'inquinamento, come stanno facendo anche altri Paesi europei. Per cui le cifre circolate in queste ore sui singoli provvedimenti sono del tutto prive di fondamento''.



0 Comments