Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

MoTechEco 2009: il futuro della Mobilità nello stand BMW


BMWAl Salone della Mobilità Sostenibile la Casa di Monaco ospita laboratori didattici riservati alle scuole e offre in omaggio ai giovanissimi visitatori il volume “Quante energie! Conoscerle e usarle bene”.

In esposizione le tecnologie BMW EfficientDynamics, la MINI E e la BMW Hydrogen 7

Dopo aver preso parte lo scorso anno alla prima edizione, BMW Group Italia ha scelto di partecipare al MoTechEco 2009 – in programma al Palazzo dei Congressi dell’Eur da giovedì 14 a sabato 16 maggio – con un approccio che tenga specificatamente conto dell’attesa visita di circa 1600 ragazzi fra gli 8 e i 12 anni iscritti alle scuole primarie e secondarie di Roma e provincia.

Uno stand e un libro che fanno scuola su sostenibilità ed energia
BMW Group Italia affronta la sua seconda partecipazione al salone della mobilità sostenibile di Roma attuando una stretta collaborazione con Giunti Progetti Educativi - società di Giunti Editore specializzata in progetti editoriali e campagne di comunicazione in collaborazione con aziende private ed enti pubblici – che consente all’azienda di dialogare con le scuole in visita, attraverso un programma di attività educative sul tema della mobilità sostenibile.

Il senso dell’iniziativa è riassunto nella pubblicazione “Quante energie! Conoscerle e usarle bene” testi di Andrea Angiolino ed illustrazioni di Vanna Vinci che Giunti Progetti Educativi ha prodotto in un’apposita edizione. Il volume è destinato ad essere distribuito ai componenti delle classi in visita allo stand di concerto con gli insegnanti accompagnatori.

“L’impegno ambientale – scrive nell’introduzione Gianni Oliosi, direttore Comunicazione e P.R. BMW Group Italia – è anche per noi un valore fondamentale e da sempre ci vede all’avanguardia nell’ecologia, non solo nella produzione di automobili, ma anche nelle fabbriche, nelle sostanze utilizzate, nell’ambiente in cui lavoriamo, mantenendo sempre l’innovazione e la qualità. Grazie a questa ampia visione, da cinque anni consecutivi siamo premiati come l’azienda che si dimostra più sensibile ed efficiente in tema di sostenibilità. Siamo anche convinti che il futuro sia patrimonio di tutti, e che solamente con un’adeguata conoscenza dello sviluppo sostenibile e delle energie rinnovabili, potremo migliorare il modo di vivere nostro e delle generazioni che verranno. Speriamo che anche in voi nasca questo desiderio e che lo facciate crescere nel corso degli anni”.

Per rispondere nel modo migliore a queste premesse lo stand BMW al MoTechEco viene allestito in modo tale da ospitare macchinari-gioco realizzati in cartone che consentano un'interazione rapida e divertente a tutti i visitatori e quattro spazi attrezzati in grado di consentire lo svolgimento di altrettante attività educative. Eccone una descrizione più dettagliata.

Otto laboratori didattici in due giorni, il 14 e 15 maggio
Grazie alla collaborazione di Giunti Progetti Educativi e alla presenza sul posto di otto operatori qualificati, nell’arco di due giornate (il 14 e il 15 maggio) lo stand BMW è in grado di ospitare quattro laboratori tematici della durata di un’ora ciascuno durante i quali i ragazzi delle classi iscritte vengono coinvolti in attività educative e creative come la costruzione di un modellino di automobile, l'osservazione di esperimenti e modelli scientifici, la realizzazione di un'opera “artistica” su movimento e natura, l'invenzione della macchina del futuro.

Gli orari indicativi di svolgimento dei laboratori in programma nei giorni di giovedì e venerdì saranno i seguenti: 9.30 - 10.30 - 11.30 -12.30 - 15 – 16. Alle scolaresche in visita viene segnalata all’ingresso la possibilità di prenotarsi fino a completamento dei turni disponibili.

BMW Group. “La Casa automobilistica con la produzione più sostenibile del mondo”
Grazie a BMW EfficientDynamics, agli elevati standard sociali di cui gode il personale di tutti i siti produttivi e a una produzione rispettosa delle risorse naturali che ha consentito di ridurre l’energia utilizzata di oltre il 26% negli ultimi dieci anni, il BMW Group ha potuto rafforzare anche la propria posizione nell’attuale Dow Jones Sustainability Index.

Il ranking redatto in comune dall’Indice Dow Jones, dallo Stoxx Limited e dalla società di gestione patrimoniale Züricher Vermögensverwaltungsgesellschaft SAM viene considerato il parametro più importante su scala mondiale per misurare la responsabilità di un’azienda. Nel 2008 il BMW Group è stato classificato per la quinta volta consecutiva come “la Casa automobilistica con la produzione più sostenibile del mondo”.

BMW EfficientDynamics. Meno consumi, meno emissioni, più prestazioni
EfficientDynamics è una strategia a lungo termine che definisce un insieme di misure e soluzioni tecnologiche grazie alle quali BMW Group è già oggi in grado di preservare il piacere di guidare riducendo consumi ed emissioni secondo le normative vigenti in misura maggiore di quanto sia mai stato fatto da altre Case automobilistiche. Grazie alle misure EfficientDynamics, il BMW Group ha potuto superare gli obiettivi definiti nel messaggio centrale dell’autoimpegno dell’Associazione europea di produttori d’auto (ACEA). Nel periodo tra il 1995 e il 2008, nei Paesi dell’Unione Europea il consumo di flotta dei marchi BMW e MINI è calato del 27%.
Nel solo 2008 gli aumenti di efficienza nei modelli BMW hanno consentito di risparmiare in Europa circa 150 milioni di litri di carburante e di ridurre le emissioni di CO2 rispetto al 2006 di circa 373.000 tonnellate. Se il quantitativo di carburante così risparmiato venisse trasformato in corrente elettrica, sarebbe sufficiente per assicurare l’approvvigionamento elettrico di un anno di circa 780.000 persone. In Italia BMW EfficientDynamics è stata premiata dalla rivista Quattroruote in occasione di "Le auto che preferisco 2009 - La novità dell'anno".

BMW Hydrogen 7. Il futuro della mobilità
La BMW Hydrogen 7 è la prima ammiraglia di lusso alimentata a idrogeno prodotta di serie, adatta alla guida giornaliera, praticamente esente da emissioni. La vettura è il risultato di una strategia coerente di BMW Group per sfruttare già oggi l’idrogeno, fonte di energia capace di sostituire a lungo termine i carburanti fossili. L’idrogeno (simbolo chimico H) è infatti un componente dell’acqua ed è disponibile in quantitativi praticamente illimitati.

La BMW Hydrogen 7 è equipaggiata con un motore endotermico bivalente a 12 cilindri che funziona sia a idrogeno sia a benzina. Il propulsore eroga una potenza di 190 kW/260 CV e consente un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 9,5 secondi. Nell’esercizio a idrogeno può percorrere più di 200 chilometri, da sommare ai 500 chilometri nella modalità a benzina.

MINI E. La MINI elettrica
La MINI E è l’unica MINI capace di combinare la guida esente da emissioni con la tipica agilità del marchio. Il proverbiale divertimento di guida è garantito dall’elettromotore in grado di generare una potenza di 150 kW/204 CV ed è alimentato da una batteria agli ioni di litio, che assicura un’autonomia di 240 chilometri ed è ricaricabile in ogni presa di corrente.

Presentata in anteprima mondiale il 19 novembre 2008 in occasione del Los Angeles Auto Show e prodotta in 500 esemplari, è stata assegnata in comodato d’uso a una clientela selezionata nell’ambito di un progetto pilota negli stati federali USA di California, New York e New Jersey. Di questi 500, una piccola flotta di 50 vetture è stata destinata a un progetto sperimentale in corso a Berlino nell’ambito della collaborazione fra BMW Group e la società energetica Vattenfall Europe. La circolazione di 500 vetture nel traffico di ogni giorno consente al BMW Group di raccogliere delle informazioni preziose per il processo di sviluppo di vetture di serie a trazione elettrica.



0 Comments