Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * *

Ginevra 2013: Citroen presenta l'ibrido ad aria compressa


Al salone di Ginevra CITROËN presenta l’Hybrid Air, soluzione full hybrid che utilizza l’idraulica insieme all’aria compressa, una tecnologia che fa ormai parte del DNA della Marca.
 
Questa innovazione rappresenta il leitmotiv di CITROËN: proporre tecnologie accessibili a tutti e per gli usi più svariati.
Hybrid Air significa prestazioni innovative, con meno di 3l/100km senza batteria supplementare per:
  • ridurre ulteriormente l’impatto ambientale,
  • offrire un prezzo più accessibile,
  • spaziosità a bordo.
Una tecnologia rivoluzionaria, specifica per i modelli dei segmenti B, C e per i veicoli commerciali. A Ginevra, nello stand della Marca, sarà presentata sulla nuova CITROËN C3, un prototipo che segna già consumi record di 2,9l/100km (69g di CO2/km) e una riduzione del 45% dei consumi e delle emissioni di CO2 su percorso urbano, in confronto a una versione termica con la stessa motorizzazione.

LA TECNOLOGIA HYBRID AIR IN DETTAGLIO: 3 modalità di funzionamento per ottimizzare la resa

Il sistema Hybrid Air, brillante connubio di più tecnologie, utilizza costantemente la migliore delle 3 modalità, grazie a un sistema di pilotaggio elettronico intelligente.
 
L’ottimizzazione dell’efficienza energetica è destinata a ridurre i consumi di carburante e ottimizzare la carica di aria compressa del serbatoio di stoccaggio.
 
La modalità Air
 
Quando è attivata, la modalità Air funziona come la modalità ZEV dei veicoli ibridi. Il motore termico è spento. L’energia stoccata (aria compressa) viene trasmessa alle ruote attraverso i motori idraulici e il cambio. A seconda del traffico, dal 60 all’80% del tempo di guida in città viene effettuato utilizzando questa modalità. Lo sfruttamento massimo delle decelerazioni e delle frenate permetterà di ricaricare il serbatoio di stoccaggio dell’aria compressa. Questa modalità è attiva fino a 70 km/h.
 
La modalità termica
 
La modalità termica trasmette l’energia alle ruote senza far intervenire l’energia stoccata nel serbatoio, e viene usata principalmente in ambiente non urbano. Anche in questo caso è previsto il recupero immediato dell’energia in decelerazione e in frenata, per beneficiare in modo efficace e rapido della modalità ZEV e boost combinate insieme.
 
La modalità combinata
 
La modalità combinata somma la potenza del motore termico e dell’aria compressa. Interviene in particolare in ripresa e in caso di forti accelerazioni, con un effetto boost immediato (potenza totale fino a 90 kW), per un dinamismo paragonabile a una motorizzazione di categoria superiore.


4 Comments

Questa sì che potrebbe essere la killer application delle balorde batterie elettriche difficili da smaltire!

Se funziona, non oso pensare ai crack finanziari di chi ha investito miliardi in polimeri strani & C.

Che tipo di motori idraulici hanno scelto per sfruttare l'aria compressa? Immagino qualcosa di rotativo, giusto?

Interessante proposta,a disposizione già del segmento "B".......quindi se i costi saranno accettabili(assieme al peso)questa potrebbe essere un'innovazione alla portata di tutti......
Foto
Cuore Rosso
feb 19 2013 09:56

Effettivamente, se funziona, potrebbe rappresentare l'uovo di Colombo.

Mi lascia un po' perplesso quella che potrebbe essere la reale autonomia full-air.