Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Ginevra 2011: ETHEREA la Concept Car Ibrida nello stand di Infiniti


Etherea_Concept_Car_001Debutta al Salone dell'Auto di Ginevra Infiniti ETHEREA, la concept car che reinventa il concetto di compatta di lusso. Destinata a una nuova generazione di giovani acquirenti molto selettivi, suggerisce una futura gamma



europea di Infiniti in cui il caratteristico anticonformismo del marchio si estende per la prima volta alla categoria delle compatte.

“ETHEREA incarna un nuovo tipo di lusso”, spiega Toru Saito, Vicepresidente globale e direttore della business unit Global Infiniti.

“Si rivolge alla clientela più giovane che non vuole semplicemente una versione più piccola di una tipica auto di lusso tradizionale e conservatrice. È l’auto che rappresenta questo pubblico più giovane, invece di raccontare chi sono i suoi genitori.”

In 4,4 metri, ETHEREA racchiude tutto ciò che Infiniti rappresenta, compresi la potenza senza compromessi del sistema ibrido e il massimo piacere di guida, proponendo inoltre un nuovo, ardito approccio al segmento delle compatte di lusso. Il suo carattere dinamico e le linee fortemente scolpite, quasi da monovolume, formano una silhouette unica rispetto all’attuale offerta del mercato in questa categoria.

“ETHEREA è completamente diversa dalle compatte di lusso esistenti”, spiega il Vicepresidente senior del Design Shiro Nakamura. “E questo è fondamentale per una nuova generazione di automobilisti che si considera differente”.

“Come interpretazione ed esplorazione di quello che potrebbe essere un futuro modello compatto della gamma Infiniti, ETHEREA è estremamente significativa e costituisce un’evoluzione dell'immagine che Infiniti ha di se stessa.”

Francois Bancon, Direttore generale della divisione Exploratory and Advanced Product, afferma: “Pensiamo che il mercato e gli acquirenti di auto compatte siano pronti per un'auto come questa, soprattutto in Europa. Un’auto capace di contraddistinguere il suo proprietario come individuo progressista, sicuro di sé e un po' fuori dagli schemi, per questo ETHEREA si concilia bene con i principi su cui si fonda Infiniti.”

Il fascino da rivoluzionaria del segmento di ETHEREA è dovuto alla fusione di diversi stili di carrozzeria. È un po' elegante coupé, un po' spaziosa berlina, un po' pratica due volumi e persino un po' crossover e, trattandosi di un'Infiniti, non manca di un forte carattere da auto sportiva nella guida.

Come per tutte le Infiniti, anche per ETHEREA il piacere di guida è in cima alle priorità insieme al design. La concept car è stata progettata per una potente, ma allo stesso tempo altamente efficiente trasmissione ibrida, basata sulla piattaforma appositamente sviluppata “in-house” e sull'innovativo sistema a singolo motore elettrico e due frizioni impiegato nell'Infiniti M35h, la prima ibrida del marchio che è stata appena introdotta sul mercato in Europa.

Un superpotente motore a benzina da 2,5 litri e a 4 cilindri, capace di sviluppare 245 CV, assicura rapidità di risposta e capacità di accelerazione a ogni velocità. Pronto a fornire potenza quando più è necessaria e una guida silenziosa e a zero emissioni alle basse velocità è il motore elettrico. La trasmissione è del tipo a variazione continua (CVT) e, novità assoluta per Infiniti, la trazione è anteriore.

Come nella M35h, la trasmissione ibrida è progettata per utilizzare l'ecologico motore elettrico più di frequente, per periodi più lunghi e a velocità più alte di quanto facciano di solito le ibride, una caratteristica che rende fruibile i vantaggi dell'ibrido anche sulle strade aperte, oltre che nel traffico cittadino. Ciò significa massima efficienza ed emissioni di CO2 ancor più ridotte senza compromettere il piacere di guida.

Le sospensioni indipendenti, i freni rigenerativi e l'avanzato servosterzo elettrico/idraulico perfezionano ulteriormente l'equilibrio tra prestazioni ed ecologia.




0 Comments