Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Ginevra 2010: in mostra tutte le tecnologie ecosostenibili di Peugeot


peugeotTutto lo stand Peugeot a Ginevra, con i suoi i 28 veicoli esposti tra vetture di serie, veicoli dimostrativi e concept-car, illustra le carte vincenti messe al servizio di quest’ambizione : nuova strategia prodotto, leadership ambientale  

, nuove linee stilistiche, nuove offerte di mobilità, nuova identità visiva.

Per tendere all’eccellenza ambientale, Peugeot continua a migliorare il rendimento dei propri motori termici, sviluppa un nuovo piccolo motore benzina 3 cilindri e prepara un’offerta che, domani, sarà anche:

  • elettrica, con iOn che già dalla fine di quest’anno segnerà il ritorno di Peugeot sul mercato dei veicoli al 100 % elettrici, un mercato di cui il Marchio è il leader storico. iOn, che può trasportare 4 persone in una vettura compatta, vivace e maneggevole, con una velocità di punta di 130 km/h e, grazie alle sue batterie agli ioni di litio, con un’autonomia di 130 km. iOn, è un altro modo di concepire l’automobile. Finora sono state ricevute più di 2000 prenotazioni. Peugeot ha già avviato la commercializzazione di iOn: sono state siglate due lettere d’intenti per la consegna di iOn, con Veolia e Greenwheels, due società che operano in Europa. Inoltre, è stato firmato un accordo di collaborazione per entrare a far parte del progetto EVA (Electric Vehicles for Advanced Cities).
  • micro-ibrido, con il sistema e-HDi adottato a partire dal 2011, per una riduzione dei consumi e delle emissioni che può raggiungere il 15 % nell’utilizzo urbano.
  • full-ibrido: lanciata all’inizio del 2011, la 3008 HYbrid4 sarà la prima proposta ibrido-diesel di serie al mondo. La tecnologia Hybrid4  rappresenta una proposta di rottura perché prevede una riduzione di circa il 35% dei consumi e delle emissioni di CO2  a potenza equivalente (3,8 l/100 km e 99 g/km di CO2 per la 3008 HYbrid4), una modalità « zero emissioni », prestazioni migliorate (fino a 200 CV) e la motricità delle quattro ruote. Il progetto RCZ HYbrid4 è l’esempio della trasversalità consentita da questa catena di trazione.

Poi, nel 2012, Peugeot introdurrà la tecnologia HYbrid4 ricaricabile, con l’obiettivo di ottenere, sulla 3008, consumi di 2l/100 km ed emissioni inferiori a 50 g/km CO2.

 




0 Comments