Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * *

Francoforte 2013: Volkswagen e-up! ed e-Golf, la coppia elettrica di Wolfsburg


Con la presentazione di e-up! e e-Golf si apre ufficialmente per Volkswagen l'era della mobilità elettrica. Il costruttore tedesco ha scelto il palcoscenico del Salone di Francoforte 2013 per l'anteprima mondiale dei due modelli a zero emissioni che verranno lanciati sul mercato il prossimo anno e che presidieranno ognuno per il proprio segmento la nicchia in lenta ma costante crescita delle auto elettriche.

La Volkswagen e-up! è una up 5 porte spinta da un propulsore da 82 CV e 210 Nm di coppia che permette unaccelerazione 0-100 km/h in 12,4 secondi e una velocità di punta di 130 km/h. L'autonomia grazie ad un accumulatore agli ioni di litio da 18,7 kWh è pari a 160 km. La e-up! con soli 11,7 kWh copre dunque 100 km, mentre la ricarica può essere effettuata in appena 30 minuti attraverso il sistema di ricarica veloce.

Carrozzeria a 5 porte anche per la e-Golf, la versione elettrica della vettura europea storicamente di maggior successo, che è spinta da un più potente motore da 115 CV con 270 Nm di coppia che le permette di accelerare da 0 a 100 km/h in 10,4 secondi e raggiungere una velocità massima di 140 km/h. Grazie a una batteria da 24,4 kWh, la e-Golf offre unautonomia di 190 km (consuma 127 kWh/100 km) e tutti i comfort di una vettura con motore tradizionale, come climatizzatore automatico con ventilazione o riscaldamento in parcheggio, navigatore satellitare, parabrezza riscaldato e luci diurne a led. Sia la e-up! che la e-Golf dispongono di due modalità di marcia Eco ed Eco+ e quattro livelli di intervento del recupero di energia in frenata denominati D1, D2, D3 e B che permettono al guidatore di gestire al meglio lautonomia residua.


0 Comments