Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Audi R18 e-tron quattro: la trazione quattro "ibrida" in pista per la 24 Ore di Le Mans


Audi_R18_e-tron_quattroAudi R18 e-tron quattro è il nome del nuovo prototipo che debutterà il 5 maggio alla 6 Ore di Spa-Francorchamps (Belgio) e che si batterà poi il 16 e 17 giugno alla celebre 24 Ore di Le Mans (Francia). Audi è riuscita a riunire        

due tecnologie per creare un nuovo tipo di trazione, che sarà quindi sperimentato anche per il futuro impiego nelle vetture di serie: l’e-tron quattro.

Questa denominazione designa un sistema di trazione integrale di prossima generazione, in cui Audi coniuga i vantaggi dell’ormai collaudato sistema quattro al potenziale della propulsione elettrica. Un asse viene infatti azionato in modo convenzionale, l’altro invece tramite motori elettrici.

“Nello sport motoristico, Audi ha finora scelto, di proposito, campionati e categorie molto vicine alla produzione di serie e che potessero apportare un contributo alle innovazioni tecniche da proporre ai Clienti del Marchio”, spiega Wolfgang Ullrich, Responsabile Audi Motorsport, “quattro, TFSI e TDI sono tre ottimi esempi di innovazioni, nate per il mondo delle competizioni, e poi adottate con successo nella produzione di serie. Questo il destino del sistema e-tron quattro: testiamo una tecnologia all’avanguardia in pista, prima di introdurla nella produzione di serie delle nostre vetture”.

Sulla Audi R18 e-tron quattro, l’energia cinetica recuperata in fase di frenata viene immagazzinata nell’asse anteriore. Viene stoccata sotto forma di energia elettrica in un accumulatore a volano, cui poi la vettura attingerà in fase di accelerazione a partire da velocità di 120 km/h. L’intero processo coinvolge esclusivamente l’asse anteriore, mentre il motore V6 TDI, da oltre 510 CV (375 kW), continua a trasmettere potenza alle ruote posteriori. Questi sistemi si completano a vicenda, dando vita al nuovo principio di trazione e-tron quattro.

Il progetto e-tron quattro nell’ambito delle competizioni motoristiche è stato avviato nel febbraio 2010. È stato necessario un anno e mezzo per giungere, dalle idee iniziali, al primo test effettivo. “Questo è un ciclo relativamente corto per una tecnologia che non è mai stata testata nel motorsport e che ancora non esiste nella produzione di serie”, sottolinea Martin Mühlmeier, Responsabile Engineering della Audi Sport, “La sfida si preannuncia quindi molto impegnativa.”

Parallelamente alla R18 e-tron quattro, Audi Sport ha sviluppato la Audi R18 ultra. Audi gareggerà infatti quest’anno alla 24 Ore di Le Mans e nel nuovo Campionato Mondiale Endurance (WEC) FIA muovendosi su due fronti, con la Audi R18 proposta con e senza motore ibrido. Il punto è che le due vetture sono fondamentalmente identiche, riducendo così i costi per Audi Sport e il team di gara.

“Il motore TDI ideato da Audi è come sempre garanzia del sistema di trazione più efficiente al mondo”, dichiara Wolfgang Ullrich. “Siamo convinti che il TDI possieda ancora un notevole potenziale inespresso. Per questo Audi punta, nello sport motoristico come nella produzione di serie, non solo sull’ibrido, ma anche su un parallelo e ulteriore sviluppo dei sistemi di trazione tradizionale.”

La gemella della R18 e-tron quattro, denominata “R18 ultra”, merita veramente questo appellativo: è infatti il prototipo Le Mans più leggero che Audi Sport abbia mai costruito. Per compensare il maggior peso dovuto al sistema ibrido, la nuova versione della R18 TDI vittoriosa nella stagione 2011 a Le Mans è stata dotata di una struttura ultraleggera. Un’innovazione evidente, accanto a numerose migliorie di dettaglio, riguarda l’ambito della trasmissione: per la R18 è stato sviluppato un nuovo cambio con alloggiamento in fibra di carbonio CFK, novità assoluta nelle gare sulla lunga distanza.

“La nuova R18 ultra è una vera e propria evoluzione della vettura che ha trionfato a Le Mans lo anno scorso” è questo il commento del Responsabile della Audi Motorsport Wolfgang Ullrich. “I nostri piloti hanno avuto fin da subito un’impressione molto positiva. Senza l’ottimizzazione del peso della R18 ultra non saremmo stati in grado di realizzare la R18 e-tron quattro; un’auto che, a prescindere dal sistema ibrido, presenta la stessa identica struttura.”

Le Mans 2012: due R18 e-tron quattro e due R18 ultra

Alla 24 Ore di Le Mans 2012, l’Audi Sport Team Joest parteciperà con due R18 e-tron quattro e due R18 ultra. Le due vetture ibride saranno guidate dal trio vincitore lo scorso anno, Marcel Fässler (CH), André Lotterer (D) e Benoît Tréluyer (F), e dai 13 volte campioni di Le Mans Dindo Capello (I), Tom Kristensen (DK) e Allan McNish (GB). Il nuovo acquisto, Loïc Duval (F), partirà invece insieme a Timo Bernhard (D) e Romain Dumas (F) a bordo di una R18 ultra, così come Marco Bonanomi (I), Oliver Jarvis (GB) e Mike Rockenfeller (D).

L’Audi Sport Team Joest prenderà parte, con la stessa formazione, anche alla gara di campionato mondiale di Spa-Francorchamps (Belgio) del 5 maggio, che nel contempo fungerà da prova generale per la 24 Ore di Le Mans. Unico assente sarà Mike Rockenfeller, poiché contemporaneamente impegnato in una competizione del DTM. Dopo la 24 Ore di Le Mans, Audi ha già in programma la partecipazione al Campionato Mondiale Endurance (WEC) della FIA con una R18 e-tron quattro e una R18 ultra. I piloti saranno André Lotterer e Allan McNish.




0 Comments