Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

"Aria Nuova": all'Autodromo di Monza corrono le auto ecologiche


 MONZA - Sabato 14 giugno, e domenica, le auto ecologiche scenderanno in pista all'Autodromo di Monza per il 1° Trofeo "Aria Nuova", valido per la Coppa Fia Energie Alternative e appuntamento conclusivo di "Aria Nuova", l'evento internazionale dedicato ai problemi dell'ambiente che si sta svolgendo all'Autodromo Nazionale. Il 1° Trofeo "Aria Nuova" vedrà impegnati in pista modelli di vetture con motorizzazione ad energia alternativa o comunque caratterizzati da procedimenti di contenimento delle emissioni, che verranno analizzate, insieme ai consumi, da tecnici del JRC (Joint Research Center) dell'Unione Europea e dell'Arpa, l'Agenzia Regionale Prevenzione e Ambiente.


Tra le auto iscritte, vi sono Daihatsu Sirion (con alimentazione a metano e a benzina), Opel Corsa Van (biodiesel), Toyota Prius (metano/benzina/elettrico), Ford Contour (magnegas), Honda Civic Hybrid (benzina/gpl/elettrico), Fiat Panda (metano), Mercedes SLK (gpl), Jaguar X-Type (gpl), Opel Zafira Eco (metano).
In pista, anche un prototipo Fiat Panda a idrogeno del Centro Ricerche Fiat (CRF) e Fiat Powertrain Research & Technologies.
Il 1° Trofeo "Aria Nuova" si svolgerà sulla pista stradale dell'Autodromo e si compone di un Test di Regolarità, un Test di Consumo energetico ed un Test di Emissioni con 6 prove della durata di un'ora ciascuna (3 prove verranno disputate domani, 3 prove domenica).
Per il Test di Consumo energetico verrà presa in considerazione tutta la distanza percorsa dai veicoli nel corso delle sei prove. Il percorso di gara verrà diviso in tre tratte con le seguenti configurazioni: tratta urbana, tratta extraurbana, tratta autostradale.

Fonte: http://www.arezzoweb.it




0 Comments