Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Wind: la flotta aziendale di Wind diventa "verde"


Panda WindArriva in Wind una ventata di “aria pulita”. La società  avvia, infatti, l’introduzione nel proprio parco auto di una serie di veicoli  a basse emissioni, nell’ottica di rendere meno rilevante l’impatto  ambientale dell’azienda. Un progetto che si inserisce nel quadro più  ampio di grande attenzione che, da sempre, Wind ha per le tematiche legate all’ambiente  e alla crescita sostenibile, come dimostra il Bilancio sociale redatto ogni anno  dall’azienda.


Nell’ambito di questo programma di acquisizione di veicoli a basso livello  di emissioni, già intrapreso dall’azienda in linea con il dettato  del protocollo di Kyoto, saranno acquisite le prime Fiat Panda Panda Natural  Power 1200 cc a motore ibrido metano/benzina.

Le vetture, bianche e con il logo Wind in evidenza, sono assegnate alla sede head  quarter di via Viola a Roma e destinate a un uso di pool; i dipendenti che hanno  la necessità di utilizzare questi veicoli per spostamenti di servizio,  hanno a disposizione un numero di telefono a cui chiamare per prenotarli.
Le auto si riveleranno particolarmente utili negli spostamenti urbani durante  i giorni di eventuale blocco della circolazione, oltre a diminuire sensibilmente  le emissioni di polveri sottili e inquinanti nell’aria durante i tragitti  quotidiani effettuati per esigenze operative.

Il responsabile servizi generali di Wind, Paolo Perrone ricorda che : “l’attenzione  verso le persone e il rispetto dell’ambiente sono i principi sui quali si  fonda la filosofia dell’azienda e l’adozione di una flotta ecologica  con vetture di ultima generazione, testimonia l’impegno di Wind proprio  sul fronte della sostenibilità ambientale”.

Fonte: http://www.cellularitalia.com




0 Comments